Una femminista d’altri tempi

salotto-logo.jpgSe scrivo il nome di Artemisia Gentileschi chi è capace di dire chi è[ra]?
Nemmeno io sono stata capace eppure, piccolo indizio, mi considero un’appassionata conoscitrice della storia dell’arte.
Giovedì alle 21 al Salotto Culturale Aggazzotti (viale Martiri della Libertà 38), Anna Teresa Tubini presenta l’incontro “Artemisia Gentileschi – l’allegoria della pittura”.
L’incontro è di sicuro interesse, considerato che la storia dell’arte è scritta da uomini, che riempiono le pagine raccontandoci di grandi artisti, tutti uomini.
E invece Artemisia Gentileschi è stata la prima artista, donna, ad essere ammessa all’Accademia delle arti del disegno di Firenze. Fra i suoi amici Galileo Galilei che nutre per lei grande stima, e Michelangelo Buonarroti il giovane, che le commissiona una tela per celebrare il suo illustre antenato e intrattiene con lei una corrispondenza.artemisia_gentileschi_025_salome_con_testa_del_battista.jpg
“Artemisia si impone come pittrice, e su generi decisamente lontani da quella peinture de femme sulle quali altre donne (non molte ma neppure pochissime) si erano avventurate sino a quel momento, limitata a nature morte, paesaggi, ritratti – pur con invenzioni straordinarie come quelle di Sofonisba Anguissola. Artemisia affronta la pittura “alta”: soggetti sacri e storici, impianti monumentali; con una totale padronanza della pittura, e abbracciando completamente la lezione caravaggesca, radicale nella concezione della scena, nel contrasto che descrive le forme e i colori, nella predilezione di un taglio ravvicinato che drammatizza il rapporto con lo spettatore, nell’abbandono di moduli iconografici convenzionali.” [fonte]
Ma quello che la rende straordinaria è la forza d’animo con cui ha affermato il suo essere donna agli inizi del ‘600, affrontando la mentalità dell’epoca, e riuscendo ad affermare la sua femminilità e la sua indipendenza.

 

Presenze di spirito

cover_presenze_spiritodef-12-212x300.jpgA inizio settimana avevo segnalato a tutti gli aspiranti scrittori e (o) poeti il concorso letterario realizzato da una associazione modenese. Ma che ne dite sabato pomeriggio, dopo un paio di ore di shopping e prima di buttarvi nella movida notturna, di fare un salto al Salotto Culturale Agazzotti (viale Martiri 38) per la presentazione di un libri in una modalità…fantastica?
Sabato 14 gennaio alle 17.30 i Semi-Neri presenteranno la nuova antologia di racconti “Presenze di Spirito” con un reading-spettacolo che evocherà i personaggi e le storie dei dodici narratori e dei due poeti  che, nel nuovo libro, si sono ispirati alla la tradizione delle ghost stories elaborandola secondo il proprio gusto, la propria fantasia ed immaginazione.
Voci narranti sono Daniela Ori, Gabriele Sorrentino, Enrico Solmi e Daniela Di Bernardo, con l’accompagnamento musicale al pianoforte del maestro Lucio Diegoli.
Ma cosa sono i fantasmi? C’è chi dice che sono lo spirito del passato irrisolto che tormenta. O le anime dei defunti che cercano vendetta, o semplicemente anime che devono compiere un certo percorso per poi, finalmente, trapassare nell’aldilà. Una volta le storie di fantasmi venivano raccontate ai bambini per spaventarli, ma anche per metterli in guardia dai fantasmi della mente. Alcune storie contenute nel libro raccontano di oscure presenza, anime che non lasciano il mondo terreno e tormentano i vivi, ma narrazioni si ispirano, invece, proprio ai tormenti dell’animo: e fanno in ogni caso paura!
“Il risultato è una raccolta di storie eterogenee, non necessariamente horror. Alcuni racconti si ispirano al genere fantasy o al noir, altri sono storie d’amore che superano i confini del tempo, altri ricordano le antiche ballate della tradizione anglosassone, altri ancora rievocano esplicitamente antiche leggende irlandesi o traggono spunto dai racconti di Charles Dickens.”
Il libro si apre e si chiude con le poesie di Claudio Vincenzi e Massimo Vaccaro. Firmano i racconti dell’antologia: Sara Bosi, Simone Covili, Mirko Farnitano, Manuela Fiorini, Daniela Ori, Marco Panini, Adalgisa Pini, Francesca Poggioli, Massimiliano Grandini, Luca Rachetta, Enrico Solmi e Gabriele Sorrentino. Al Reading seguirà un aperitivo con gli autori.

L’ingresso costa 6,00 euro. E’ necessario prenotare telefonando al 392/0512219  (Gabriella), oppure al 3396559139 (Simonetta)