L’agenda “Natale in centro 2012”

natale 2012,piazza xx settembre,piazza mazzini,trenino di natale,modenamoremioLa tradizione vuole che sia l’8 dicembre la data in cui le case si addobbano e le luci dei presepi e degli alberi di Natale si accendano, e ormai quasi ci siamo. A partire da questa data, mancano 23 giorni alla fine dell’anno, e inizia ufficialmente il count-down che ci porta fino al Natale.
A Modena sono oltre cento gli appuntamenti organizzati per il periodo natalizio, e che ci accompagneranno fino all’Epifania.
Come orientarsi fra i vari appuntamenti, le mostre, i concerti? Anche quest’anno è stata realizzata un’agendina tascabile che raccoglie tutti gli appuntamenti: giorno per giorno sono elencati mercati e mercatini, concerti degli auguri, animazioni nelle piazze, spettacoli a teatro tra prosa, e balletto, i film in programma al cinema 7b e alla Sala Truffaut, le mostre e i programmi di musei e biblioteche, le iniziative dell’associazione Modenamoremio.
In particolare l’associazione di promozione del centro storico propone, oltre al ritorno della pista del ghiaccio in piazza XX settembre, anche un Giardino d’inverno con giochi di luci, una installazione nell’ex caserma dei Carabinieri di via Sant’Eufemia e una mostra di presepi dal mondo nella chiesa di San Giovanni in piazza Matteotti.
Quest’anno anche il Museo casa Enzo Ferrari si veste a festa con iniziative e splendide vetture che si daranno il cambio sotto l’albero di Natale.
L’agenda “Natale in Centro 2012”, che elenca le oltre 150 iniziative di istituti culturali e associazioni in un unico strumento di comunicazione utile e pratico, sarà distribuita nei centri informativi del Comune e nelle circoscrizioni, nelle biblioteche, nei punti di Modenamoremio, nei negozi e alla fermata del trenino di Natale.

Stuzzicagente in versione autunnale

stuzzicagente,piazza grande,piazza xx settembre,modenamoremioL’autunno direi che è arrivato, e con la stagione più romantica (o più melanconica a seconda dei gusti) arriva a Modena l’appuntamento enogastronomico che riesce a mettere in risalto le eccellenze della cucina modenese. Parlo dello Stuzzicagente Autunno che domenica 14 ottobre a partire dalle 17 vi aspetta fra le strade e i locali del centro storico di Modena.

A spasso per la storia di Modena, tra Piazza Grande, il Duomo e la Ghirlandina, ma anche lungo le vie caratteristiche come Piazza XX Settembre, Canalino, Canalgrande, Gallucci e via Emilia, meta preferita per il passeggio e lo shopping, si potranno gustare pietanze e vini che aggiungeranno alla città un sapore diverso.

Al costo di 13 euro, con biglietti in prevendita fino a venerdì presso l’ufficio di Modenamoremio (via Scudari, 12, oppure presso Iter Viaggi e Turismo in via Emilia Centro 54) sarà possibile degustare uno dei 4 menù creati per l’occasione.

Gli itinerari del gusto disegnano un percorso attraverso la città. Per prendere parte alla ghiotta manifestazione basterà scegliere uno o più itinerari, corrispondenti ad un menù, e passeggiando attraverso le vie del centro, si avrà diritto all’assaggio di un pasto completo, dall’antipasto al dolce, con tanto di dessert e caffè o digestivo. Tutti i dettagli dei 4 menù, a cui corrispondono altrettanti colori, sono disponibili su www.modenamoremio.it.
Al termine della degustazione ognuno potrà votare l’esercente preferito, premiandone la qualità del cibo, l’eccellenza del servizio e la simpatia, decretando così il miglior ristoratore di “Stuzzicagente 2012”.

Nel caso in cui a fine prevendita dovessero rimanere alcuni biglietti,saranno messi in vendita al prezzo pieno di 14 euro, il giorno stesso della manifestazione dalle ore 16.30 presso il gazebo di Modenamoremio in Piazza Grande.

 

Inkiostro per l’Emilia

terremoto,inchiostro,tatoo,tatuaggi,festa della musica,piazza xx settembreVi avevo già anticipato che in Piazza XX Settembre, per tutto il mese di Giugno, le serate si sarebbero animate anche di Giovedì, oltre che di Martedì.
Si comincia Giovedì 14 giugno a partire dalle 21 con lo spettacolo dal titolo “Danzando sulle onde del Danubio”, piacevole viaggio musicale tra musica classica e popolare.

In occasione della Festa Europea della Musica, uno degli appuntamenti annuali più importanti di cultura e spettacolo in Europa, sarà la volta de “Le voci del musical in concerto” che ripercorre la storia dei più grandi musical del mondo.
La Festa della Musica si celebra ogni anno il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate, istituita in Francia nel 1982, la rassegna ha assunto dal 1995 un carattere internazionale e si svolge in contemporanea in tutte le principali città europee.

Il 28 giugno, terzo e ultimo appuntamento, Riccardo Benini spettacoli presenta Leonardo Fiaschi, imitatore da Radio 101 e Massimo Morselli, Premio originalità Carlino D’oro Festival Cabaret Emergente 2012. Dalle 22 si balla con Anima Mia, il sano divertimento dei modenesi.
E’ in questa ultima serata che ci sarà l’estrazione dei biglietti della Lotteria organizzata a favore delle popolazioni della Bassa Modenese tragicamente colpite dal terremoto, di cui vi avevo parlato nel post precedente.terremoto,inchiostro,tatoo,tatuaggi,festa della musica,piazza xx settembre

C’è anche un altro modo di fare solidarietà per i paesi colpiti dal terremoto, un gesto che rimane per tutta la vita [letteralmente]. “Inkiostro per l’Emilia”: un cuore con il segno di un sismografo all’interno, da farsi tatuare per 30 euro, che vanno in beneficenza.
La lista degli studi aderenti all’iniziativa [provvisoria] la trovate qui.


 

I martedì di Piazza XX Settembre

SOS_EMILIA.jpgIn Piazza XX Settembre tornano gli appuntamenti serali dei Martedì di Giugno organizzati dall’Associazione Modenamoremio, a cui si affiancheranno anche i Giovedì, ma di quelli vi parlo nel prossimo post.
Avrebbero dovuto iniziare il 5 giugno, ma il terremoto oltre a scuotere la terra emiliana, ha cambiato e modificato molte cose.
Si inizia quindi Martedì 12 Giugno, per poi proseguire con il 19 e il 26, con 40 spettacoli di musica e danza che danno il benvenuto all’estate in centro storico. Gli spettacoli inizieranno a partire dalle 21 per concludersi alle 23, per chi lo desidera la festa comincia prima di cena con gli street bar e i pub che proporranno freschi aperitivi, degustazioni e iniziative ad hoc per la serata. Ristoranti, pizzerie e trattorie accoglieranno invece chi vuole attendere l’inizio degli spettacoli a stomaco pieno, scegliendo una ghiotta cena comodamente seduto a tavola.
Senza dimenticare che a meno di 30 chilometri da noi il terremoto ha colpito talmente forte da lasciare migliaia di persone senza casa e una terra devastata.
Tutte le serate dei Martedì di Giugno e le Notti di Piazza XX Settembre avranno come protagonista un momento di solidarietà verso le popolazioni della Bassa Modenese, ed è con il pensiero rivolto alla concreta solidarietà che verrà organizzata una LOTTERIA dove importanti aziende contribuiranno a mettere in palio ambiti premi:

• 1 WEEKEND DI DUE NOTTI in mezza pensione per due persone a Ischia offerto da Iter Agenzia Viaggi e Turismo
• 1 BEAUTY DAY per due persone al Centro Benessere Spa Balnea Terme della Salvarola
• 1 CENA per 4 persone presso la Caffetteria lounge bar del Museo Casa Enzo Ferrari
• 1 CITY BIKE da uomo offerta da Chiossi Cycles
• 1 BORSONE IN PELLE offerto dalla Pelletteria Beltrami

I biglietti, al costo di 2,5 euro, potranno essere acquistati presso l’ufficio di Modenamoremio (via Scudari 12), i negozi aderenti e durante gli spettacoli realizzati in Piazza XX Settembre. L’estrazione verrà effettuata a conclusione della serata di giovedì 28 giugno.
L’intero ricavato sarà devoluto al Comune di Finale Emilia pro SOS Emergenza Terremoto.


 

Il sogno dei presepi

presepi a modena, mostra di presepi, albero di natale, piazza xx settembre, Me l’hanno insegnato in prima elementare che il primo presepe vivente lo ha allestito nel 1223 San Francesco d’Assisi a Greccio.
All’inizio la rappresentazione della natività a tutto tondo era realizzata da artisti famosi, e solo nel XVII secolo iniziò a diffondersi nelle case dei nobili, o sottoforma di “soprammobili” o di vere e proprie cappelle in miniatura.
E poi come dimenticare l’amore per il presepe espressa da Luca Cupiello/Eduardo de Filippo nel secondo atto della commedia “Natale in casa Cupiello”.
Per chi condivide questa passione a Modena fino all’8 gennaio 2012 sarà possibile ammirare 100 presepi provenienti da tutto il mondo.
L’associazione Modenamoremio, in collaborazione con l’Associazione culturale Terrae Novae, ha organizzato la mostra itinerante “Il sogno dei presepi”, rappresentazioni della natività che provengono da tutto il mondo che saranno esposti presso:
– Chiesa di Sant’ Agostino
– Chiesa di San Barnaba, che espone il presepe fotografico di Beppe Zagaglia
– Chiesa di San Giovanni Battista
– Piazza XX settembre
– Mercato coperto di Via Albinelli
– Ingresso piano terra del Palazzo Comunale in Piazza Grande
– Sito Archeologico del Palazzo Comunale, che espone i presepi della scultrice Cristina Roncati.
La particolarità di questi presepi è che sono l’espressione della cultura che li ha realizzati, sono realizzati con i materiali più disparati, ma sono tutti l’interpretazione del Natale cattolico.
Questo fine settimana, quindi, fra un giro nei vari mercatini natalizi allestiti nel centro storico, un giro sul trenino di Natale e una pattinata sul ghiaccio in Piazza XX Settembre, un’occasione in più per calarsi nel miglior clima natalizio.
Ma voi che mi leggete, siete più da presepe o da albero di Natale?

 

Fantasie di Ferragosto in Piazza XX Settembre

piazza xx settembre,musica in salotto,ferragosto,festa di ferragosto,fantasie di ferragostoSe ieri sera la Gran Festa di Ferragosto vi ha convinto ad uscire di casa e fare una passeggiata in centro, l’associazione “Il salotto culturale di Simonetta Aggazzotti”, con il sostegno del Comune di Modena, ha pensato di organizzare una delle serate della rassegna “Musica da salotto in piazza” in occasione del Ferragosto.
La rassegna si svolge tutte le domeniche d’agosto nella cornice della piazza XX Settembre che già da un paio di anni, sgomberata dai casotti del mercato, è stata riportata agli antichi splendori, e trasformata nel “salotto” della città.
Per questo i concerti sono esclusivamente acustici e dal sapore classico.
Per la serata di lunedì 15 agosto dalle 20.45 va in scena “Fantasie di Ferragosto”, uno spettacolo in due parti.
La prima parte il salotto insegna e propone, vede protagonisti le migliori voci del Salotto culturale Aggazzotti: si inizierà con “Una scuola di musica per Bissau” di e con Laura Polato, Fifito Lopes e il gruppo Bumbulum che proporranno musiche e sonorità dalla Guinea Bissau. Lo spettacolo di Ferragosto proseguirà con brani d’opera cantati dalle migliori voci liriche del Salotto, preparate dal maestro Elisabetta Emiliani: la soprano Valentina Galullo e il baritono Denis D’Arcangelo, accompagnati al pianoforte dal maestro Roberto Guerra.
La seconda parte vedrà in scena Fabio Anastasi, con “Opinioni a bassa voce” un insieme di suoni, colori, paesaggi, sogni, fantasie, un viaggio con la musica e nella musica.
Un pianista, una violinista e un violoncellista, un suonatore di cajon e un danzatore.
Con la conduzione di Antonio Salvaterra, nella stessa serata verrà presentato “Modena in corto”, seconda edizione di un concorso dedicato a cortometraggi inediti.
Per i forzati del Ferragosto in città direi che la serata si prospetta interessante.

La Modena del ‘900 raccontata per immagini

architettura,piazza xx settembre,piano regolatoreModena è una città antica, è una antica città etrusca, l’antica Mutna. Nel corso dei secoli, insieme al suo nome, inesorabilmente, cambiava anche la sua urbanistica, dai suoi palazzi alle sue case.
Del suo passato recente, in una serata fra immagini e parole, stasera Mercoledì 15 giugno, alle 21.15 in Piazza XX Settembre Federico Oliva, docente di Urbanistica al Politecnico di Milano, e Giovanni Leoni, docente di Storia dell’architettura all’Università di Bologna racconteranno come la città del Novecento dialoga con gli spazi e le architetture dei secoli passati e con i nuovi progetti e le realizzazioni del XXI secolo.
Questo il tema dell’incontro “Architettura e città del ‘900, riflessioni e immagini sull’Italia e su Modena”, presentato da Catia Mazzeri, responsabile dell’ufficio Storia urbana del Comune di Modena, rientra tra gli appuntamenti di “Effetto Modena”, ed è una ulteriore tappa del progetto biennale “Città e architetture del Novecento a Modena, la città dei diritti”, curato dal Comune con la Fondazione cassa di risparmio di Modena e l’Ordine degli Architetti della provincia di Modena e il contributo di Cme, Gruppo Hera, Ance Modena, Acer Modena, Abitcoop.
Con riferimenti alla cultura nazionale ed europea, Federico Oliva, uno dei maggiori urbanisti italiani racconterà i piani che hanno trasformato Modena: dal piano regolatore del 1909 fino a quello del 1989 che affronta i problemi dell’ambiente e dell’ecologia, caratterizzato da 16 tesi che pongono obiettivi per il futuro della città. Con l’aiuto delle immagini proiettate su grande schermo, ci svelerà come la città di oggi rivela l’intreccio fra passato, presente e futuro, fra memoria e progetto: nelle case, negli edifici pubblici, nelle strade, nei parchi e nei giardini dove viviamo la nostra vita di cittadini che appartengono a una comunità.
Seguirà il racconto che descrive e interpreta le architetture affidato a Giovanni Leoni, modenese, oggi uno degli storici dell’architettura più noti e curatore di collane divulgative sull’architettura contemporanea tradotte anche in lingua cinese.
Attraverso molte immagini, Leoni cercherà di far comprendere il valore dell’architettura italiana del ‘900, con particolare attenzione a Modena.
Si parlerà non solo dell’architettura d’autore, come il cimitero di Aldo Rossi, il palazzo della Cassa di risparmio di Giò Ponti in piazza Grande (1963) o il restauro del Palazzo santa Chiara realizzato dall’architetto Cervellati (anni ’80), ma anche di altri progettisti, di case, opere pubbliche, progetti che fanno parte del nostro panorama quotidiano, mostrando come l’architettura non è solo testimonianza di valori estetici, ma anche concretizzazione della storia di una comunità.
Ai partecipanti all’incontro sarà offerto, fino ad esaurimento delle copie, il volume del 2004 “Le città sostenibili, un percorso di ricerca”. In caso di maltempo la serata si svolgerà al Collegio san Carlo di via san Carlo 5.

Notti di inizio estate

piazza xx settembre,notti di inizio estate,concerti a modenaNon solo il fine settimana in città vale la pena uscire e fare una passeggiata in centro.
Modenamoremio, la Società di promozione del centro storico di Modena, ha pensato di offrire tanti motivi per scegliere di trascorrere le serate nel cuore della città. Per tutto il mese di Giugno il centro diventerà una colonna sonora per le passeggiate estive, un palcoscenico all’aperto per giovani talenti ma anche per artisti affermati, ospitando concerti ed esibizioni di danza.
Gli eventi si svolgeranno da via Taglio a Sant’Eufemia, da via Canalino a Largo San Giorgio, da Piazza Matteotti a Largo Porta Bologna e via Gallucci.
Gli spettacoli inizieranno a partire dalle 21 e si concluderanno alle 23, non proprio da notte bianca (che poi bisogna anche andare al lavoro). Per chi lo desidera, però, la festa comincia prima di cena con gli street bar e i pub che proporranno freschi aperitivi, degustazioni e iniziative ad hoc per la serata.
In particolare, in Piazza XX Settembre il programma proporrà ogni martedì un tema diverso, grazie a “Notti d’inizio estate”, una sorta di “evento nell’evento”, curato da Maria Carafoli in collaborazione con Radio Stella, Modena Radio City, Festival Cabaret emergente, e grazie al sostegno del Banco S. Geminiano e S. Prospero.
Martedì 14 giugno, si comincia a partire dalle 21, con “Fisarmoniche in concerto”, il concerto con quattro grandi fisarmonicisti: Davide Salvi, Daniele Donadelli, Massimo Tagliata e Salvatore Grimaldi.
Martedì 21 giugno “Modena Dance” si balla in piazza con la musica dagli anni ‘70 ad oggi, la musica raccontata da dj Enzo Persueder e dj Diego Ferrari, con la partecipazione di ballerini della Polisportiva Modena Est.
Martedì 28 giugno ensamble d’autore in “Viaggio Italiano” un concerto
dedicato al 150° anniversario dell’unità d’Italia, che racconta il nostro Paese attraverso i canti della tradizione da tutte le regioni. Con: Gentjan Llukaci (violino), Claudio Ughetti (fisarmonica), Paolo “Pablo” Del Carlo (contrabbasso), Sabrina Gasparini (voce).

Il Villaggio di Natale

pattinaggiosughiaccio.jpgAmmetto di aver comprato il primo regalo di natale circa 15 giorni fa, e sabato ero in giro per il centro a cercare di spuntare la lista degli altri regali da fare. Ma sono rimasta (piacevolmente) sorpresa quando girando l’angolo di Piazza Grande per attraversare Piazza XX Settembre mi sono ritrovata in pieno clima natalizio.
Per le luminarie bisognerà aspettare il primo di Dicembre, ma in Piazza XX Settembre è stata allestita una pista del ghiaccio all’interno di un vero e proprio Villaggio di Natale.
Il villaggio sarà aperto tutti i giorni (escluse le mattine del 25-26 dicembre e 1 gennaio) fino al 9 gennaio e aspetterà grandi e piccini con la pista per il pattinaggio su ghiaccio immersa in un piccolo bosco dove scoprire creative decorazioni natalizie, realizzate dall’Istituto Venturi (istituto superiore d’arte, sezione ceramica) e dal Museo della Figurina.
La pista da pattinaggio, 300 metri quadri di superficie, di tradizionale mantiene solo l’aspetto, perché «sarà fatta – spiega Francesco Ferro, direttore di ModenAmoreMio – con un materiale speciale, brevettato e realizzato negli Usa. Tale da garantire un effetto scivolamento pari a quello del ghiaccio vero e da ridurre l’impatto nei casi di cadute. È la prima pista del genere in regione». L’utilizzo della pista ecologica elimina il rumore della produzione del ghiaccio, in modo tale da evitare l’inquinamento acustico già al centro di polemiche sollevate da alcuni residenti della zona.
Il biglietto d’ingresso costerà 5 euro, comprensivo del noleggio per i pattini. L’orario feriale va dalle 10 alle 13 e dalle 14,30 alle 19,30. Nei festivi c’è più tempo per divertirsi sul ghiaccio: dalle 10 alle 13 e dalle 14,30 alle 22.
Un’occasione in più per scegliere il centro della città per il proprio shopping natalizio: i negozi partecipano all’iniziativa offrendo a tutti i clienti che effettueranno in centro i loro acquisti, nel periodo del Villaggio di Natale, la possibilità di ricevere degli sconti per l’accesso alla pista.

Foto: Flickr

Diventa anche tu Fan del Blog di Modena su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Modena e provincia.

La pista della discordia

pattini ice.jpgL’anno scorso la polemica sulle luminarie natalizie, quest’anno il Natale, ancora lontano, crea nuovamente scompiglio e alimenta le polemiche in città.
La discordia quest’anno nasce dall’idea dell’assessore Daniele Sitta di allestire una pista di pattinaggio per il ghiaccio in Piazza Grande o in Piazza XX Settembre. Un tappeto di ghiaccio circondato da casette di legno con prodotti tipici, luminarie, alberi e renne.
Una idea per aumentare il numero di turisti e introiti commerciali in centro città nel periodo natalizio. Peccato che l’idea abbia scatenato le reazioni dell’opposizione: “Non vorremmo che ora il dibattito cittadino si concentrasse tutto sul se e dove fare la pista di pattinaggio. Non ce n’è davvero bisogno. Sarebbe una vera fortuna per la Giunta Pighi riuscire a distogliere l’attenzione dalla reale necessità di strutturare un piano organico per promuovere il centro storico con questa banale trovata” annuncia Leone, il consigliere regionale e comunale del PDL.
“L’idea può costituire una buona opportunità, dipende naturalmente da come viene declinata, se cioè decidiamo di confinarla all’interno del programma di Modenamoremio oppure di inserirla in un percorso sovracomunale in una logica di attrazione turistica di Modena” commenta Daniele Cavazza responsabile Turismo di Confesercenti.
Si lancia anche il sondaggio pista-si/pista-no sul Il Resto del Carlino on-line. E nei commenti all’articolo compaiono anche proposte alternative, come quella di allestire la pista per il pattinaggio sul ghiaccio in zona Parco Ferrari in modo da avere più opportunità di parcheggio.
Non riesco a comprendere tutta questa animosità, considerato che una pista sul ghiaccio è sempre stata allestita davanti l’Accademia nel periodo natalizio, zona centrale, leggermente spostata dal circuito dei negozi, ma comunque posizionata in centro storico.
La soluzione anche esteticamente migliore, a mio avviso, è quella della Piazza XX Settembre, che da quando non ospita più il mercato coperto è stata come una scoperta meravigliosa. E l’idea di allestire dei mercatini natalizi non ci farò assomigliare a Bressanone o Innsbruck, ma sicuramente renderà il nostro shopping natalizio più coinvolgente.