Modena, terra di motori

Logo_11edizione.jpgE’ quasi un anno che scrivo su questo blog dedicato alla città emiliana in cui mi è capitato di vivere in sorte, e sono riuscita a non cadere nel luogo comune di parlare di auto e motori. Scrivendo a cadenza regolare ho in qualche modo scoperto anche io che Modena non è solo Ferrari, e poi non sono esattamente la persona giusta per parlare di questo argomento. Anche se sono stata a Maranello solo per vedere la fabbrica Ferrari, mi sono fermata in posizione pericolosa sul ponte di Fiorano quella volta che ho avuto la fortuna di passare mentre la Ferrari faceva i suoi giri di prova in pista, e per ben due volte ho fatto un giro al Museo dedicato alla macchina mito per eccellenza.
L’occasione per parlare di auto e motori è l’ottava edizione di “Modena, terra di motori” che  in questo intero fine settimana offre occasioni imperdibili per tutti gli appassionati.ferrari.jpg
Inaugurazione stasera venerdì 21 maggio alle ore 21.30 in Piazza XX Settembre con tema “Suoni e motori anni ’50”: Esposizioni, proiezioni, musica dal vivo con i Jumpin’ Shoes, “Cenare in Piazza” degustazione menù tipici, bancarelle anni’50 e Vintage
Sabato 22 e Domenica 23 ci sarà solo l’imbarazzo della scelta: in Piazza Grande esposizione, performance e parate di Auto Ferrari, in Piazzale Sant’Agostino esposizione di Maserati, in Largo S. Giorgio esposizione di Fiat Coupè, in Piazza Torre esposizione di Pagani Automobili (Zonda), in Piazza della Pomposa “Modena in scooter con Bertone & Ascanio”: raduno di Lambrette e Vespe, mentre in
modena-terra-di-motori-2009.jpg Via Farini esposizione di auto curata dal Club Motori di Modena.
Inoltre stand gastronomici in Piazza Matteotti, la “storica” Piazza dei Sapori allestita con stand di prodotti enogastronomici provenienti da tutta Italia ed esposizione di auto a cura di Historic Motor Club Soliera con pezzi unici.
Domenica 23 in Piazza Mazzini intrattenimento per bambini con i laboratori di circo e spettacoli di clown e mercatini dell’artigianato.
Per ricordare questo meraviglioso evento e soprattutto per tutti i collezionisti, domenica dalle 14 alle 19 annullo postale Modena Terra di Motori su due diverse cartoline illustrate dedicate alla storia del marchio Stanguellini.
Cliccando su http://www.modenaterradimotori.com/index.htm troverete l’intero programma del fine settimana all’insegna del rombo dei motori emiliani.

Modena raccontata per immagini

anni_ 50_2.jpgC’è chi crede che una fotografia possa rubare l’anima. E io ci credo.

Ci credo perché se si mettono in fila una serie di scatti si può coglierne l’essenza, l’anima, e raccontare una storia.

E vi invito a non perdere la storia della città di Modena raccontata in più di cento fotografie che rimarranno in mostra fino al 15 novembre presso l’ex-ospedale Sant’Agostino (via Emilia Centro 228). Il titolo della mostra fotografica è “Anni ’50. Modena e l’Italia della rinascita”.

Tutti sappiamo, almeno a grandi linee, cosa è stato quel decennio per l’Italia post bellica. E questa è l’occasione per imparare cosa è stato quel decennio per Modena in particolare. Magari per capire come si è formata la zona economicamente più produttiva d’Italia. Gli scatti presentati dal Fotomuseo, per quanto riferiti ad ambiti diversi fra loro, offrono lo spaccato di un’epoca e dei suoi protagonisti: dai “fatti di Modena” del 9 gennaio 1950, culminati tragicamente con l’uccisione di sei operai delle Fonderie per mano della polizia in seguito a uno sciopero, alla nuova classe sociale, operaia e piccolo borghese, che da subito si è imposta in quegli anni di rinascita globale. E tutto senza “noiose” lezioni di storia, ma attraverso un percorso tracciato dalla fotografia, insieme alle quali si ricompongono i tasselli in modalità visiva e d’intuizione.

Oltre alla fotografie, sarà possibile vedere filmati riguardanti la Modena degli anni Cinquanta nei suoi diversi aspetti: dai documentari mai mostrati prima sulla vita economica e sportiva della città provenienti dall’Archivio della Provincia di Modena-EPT “Vivere velocemente” e “Nate a Modena” a “Modena città dell’Emilia Rossa”, realizzato dal regista di Carlo Lizzani, ai primi cortometraggi pubblicitari animati della trasmissione Carosello, realizzati in quegli anni negli studi cittadini della Paul-film

Per chi è interessato ad una visita guidata gratuita il 10 e il 24 ottobre, e il 7 novembre alle 11.30 sarà possibile essere accompagnati attraverso la decifrazione di questo pezzo di storia recente. La visita durerà un’ora, non è necessaria la prenotazione e se volete maggiori informazioni potete cliccare qui.