Chiuso ad arte

 john fekner, street art, graffiti, concorso di arte graficaAdoro sapere come vanno a finire le storie, soprattutto se sono quelle che coinvolgono la mia città. Sembra un tempo tanto lontano il 18 giugno quando ho raccontato di Chiuso ad Arte, il progetto di riqualificazione urbana del centro storico di Modena con cui gli Assessorati alle Politiche Economiche, al Centro storico e alla Cultura del Comune di Modena cercavano progetti per realizzare opere d’arte sulle saracinesche messe a disposizione dai proprietari degli esercizi commerciali coinvolti nell’iniziativa.
In concomitanza con il Festival della Filosofia, venerdì 14 e sabato 15 settembre gli artisti, durante una due giorni di work in progress e di lavoro comune, realizzeranno sulle saracinesche messe a disposizione dai proprietari, i loro progetti con interventi di pittura a smalto.
Agli artisti era stato richiesto di realizzare progetti di opere sul tema Oltre, immaginando tutto quello che c’era, c’era stato o ci poteva essere dietro la saracinesca.
Sette di loro sono stati selezionati: Pietro Anceschi, Giorgio Bernucci, Alessio Bogani e Omar Nardi, Roberto Leoni, Mattia Scappini, Mattia Tagliazucchi e li vedremo all’opera fra via Carteria e via Bonacorsa, per rendere il paesaggio urbano meno grigio e onirico.
Per l’occasione sarà pubblicato un pieghevole contenente le riproduzioni dei progetti selezionati, le biografie degli artisti e la mappa delle opere. Il catalogo digitale sarà elaborato successivamente, dopo aver effettuato la documentazione fotografica dei lavori realizzati e sarà pubblicato sul sito di Giovani D’Arte www.comune.modena.it/gioarte.

Chiuso ad arte

john fekner,street art,graffiti,concorso di arte graficaJohn Fekner ha definito l’arte di strada come “tutta l’arte sulla strada che non è graffiti”.
La street art è la cultura urbana moderna, e da quando i disegni [chiamiamoli così] hanno smesso di essere considerati atti di semplice vandalismo, ma sono stati considerati un linguaggio dell’arte, hanno trasformato alcune aree cittadine in un museo a cielo aperto.
Nell’ambito del progetto di riqualificazione urbana del centro storico di Modena, gli Assessorati alle Politiche Economiche, al Centro storico e alla Cultura del Comune di Modena, lanciano il concorso “Chiuso ad Arte”. Si cercano progetti per realizzare opere d’arte sulle saracinesche messe a disposizione dai proprietari degli esercizi commerciali coinvolti nell’iniziativa.
La prima edizione di Chiuso ad Arte si snoderà nell’area che comprende via Carteria, via Sant’Eufemia e via Malatesta, a sud-ovest del centro storico e la sua realizzazione è prevista per il 13 e 14 settembre 2012, in concomitanza con il Festival della Filosofia. Le opere di pittura verranno realizzate dagli artisti selezionati, in una due giorni di work in progress, sulle saracinesche messe a disposizione dai proprietari. Un’apposita commissione, costituita da operatori ed esperti del settore, avrà il compito di individuare, tra gli elaborati presentati dai candidati, un numero di progetti corrispondente alle saracinesche individuate, in base alla qualità, l’originalità e i contenuti consoni alla loro collocazione nel centro storico.
L’inaugurazione di Chiuso ad Arte avrà luogo, al termine dei due giorni di lavoro degli artisti, lungo tutto il percorso delle opere. Per l’occasione sarà realizzato un pieghevole contenente le riproduzioni dei progetti selezionati, le biografie degli artisti e la mappa delle opere. Il catalogo digitale sarà elaborato successivamente, dopo aver effettuato la documentazione fotografica delle opere realizzate e sarà pubblicato sui siti degli enti promotori. Si ha tenpo fino al 16 luglio per partecipare alla selezione.
E non confondete gli artisti di street art con i vandali.