desigER

designER.jpgC’è tempo fino al 09 gennaio 2012 per i designer che vivono, lavorano o studiano in Emilia Romagna, per presentare il proprio prototipo e partecipare al concorso promosso da Giovani d’Arte del Comune di Modena, Modena Fiere e Spazio Progetto, in collaborazione con l’Associazione GA/ER-Giovani Artisti in Emilia Romagna.
Le categorie riservate alle idee e ai prototipi con cui i giovani designer dovranno misurarsi sono: Home (oggetti, arredi, sistemi per vivere e lavorare in casa), Fashion design (interpretazioni originali di clothing, footwear, accessori), Idee in libertà (altri progetti non classificabili nelle altre categorie) … qundi: massima libertà di espressione.
Otre all’opportunità di farsi conoscere, i progetti e i prototipi ritenuti più interessanti saranno esposti nell’ambito di Extraordinarydesign, a Modena Fiere (viale Virgilio) dal 2 al 4 marzo 2012, uno spazio di relazione a cura di Spazio Progetto che, per tutta la durata di Artigiana Italiana (5° Salone della qualità artigiana italiana), ospiterà un ciclo di conferenze sul rapporto tra progettazione e produzione. E non solo, nell’agorà Extraordinarydesign si alterneranno designer e manager provenienti dalle più dinamiche realtà aziendali, scelti per condividere case history e tendenze del momento.
Saranno inoltre prodotti un catalogo specifico, sia cartaceo che digitale e sarà attivata un’intensa pubblicizzazione dell’iniziativa tramite inviti, social network e comunicati stampa.

Tutte le informazioni qui: comune.modena.it/gioarte

 

Concorso per la realizzazione di produzioni in rete

antwork.jpgHanno scelto come immagine la formica: piccola, laboriosa, capace di grandi sforzi, organizzata, rossa e nera, pacifica ma con la pinza, in grado di tracciare percorsi difficili. La formica non è un animale chiassoso o ingombrante, ciò nonostante è capace di silenziose invasioni. Il progetto si chiama Ant Work ed è dedicata a tutte le piccole formiche che operano nel mondo dell’arte visuale, della musica, della poesia, della comunicazione. Un progetto che attraversa e accomuna la città di Modena, Reggio Emilia e Parma. Obiettivo primario è quello di mettere in rete e dare spazio e visibilità alle numerose “giovani formiche” della ricerca contemporanea, offrendo loro l’opportunità di creare produzioni originali nei diversi linguaggi artistici e di stabilire relazioni fertili attivate dal confronto culturale.
In occasione della programmazione della prossima estate, le città di Modena, Reggio Emilia e Parma invitano tutti i giovani che operano, con obiettivi di impegno professionale nei settori delle arti visive, arti applicate, musica, performance, letteratura e immagini in movimento, a presentare il proprio lavoro oppure progetti inediti, da inserire nella programmazione estiva di ciascuna delle città.
I giovani artisti selezionati saranno coinvolti nella costruzione di produzioni originali e nella realizzazione di un insieme di proposte che spazieranno dalla performance multimediale allo spettacolo live, dal reading all’esposizione.
Per poter prendere parte al progetto e partecipare alle selezioni per le iniziative e le manifestazioni c’è tempo fino al 5 maggio per inviare o consegnare presso le sedi di Modena, Reggio o Parma la scheda di iscrizione, un curriculum vitae e la documentazione illustrante il proprio lavoro.
Per il regolamento completo cliccare qui.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Fammi sentire la voce

fammi sentire la voce.jpgL’8 di agosto sarò ancora in città. Devo lavorare, di andare in vacanza ne avrei tanto bisogno, ma c’è ancora tempo. E’ che quest’anno il 15 di agosto (rosso sul calendario) non poteva cadere peggio. Quindi serve qualcosa da fare anche in questo week-end. Se non siete fra i fortunati modenese dotati di casa in montagna (sembra che la maggior parte della popolazione cittadina si sposti fra Sestola, Montale e Fiumalbo), se non siete fra quelli che diligentemente sudati o con l’aria condizionata a manetta si mettono in fila sulla A14 per conquistare un lettino a Milano Marittima, serve qualcosa da fare sabato sera. Di giorno ci si può rintanare a casa e dormire, oppure si può tentare la carta dell’abbronzatura in piscina. Ma la sera non sognate di starvene in casa davanti all’elettrodomestico tv ad annoiarvi a morte.

Sabato sera per l’ultimo appuntamento ai Giardini Ducali Radio Bruno presenta “Fammi sentire la voce” dove artisti “sconosciuti” al grande pubblico si contendono la possibilità di conquistarsi un posticino sul jet set musicale. Una specie di X-Factor regionale, con tanto di votazioni sul sito e la possibilità di vincere un viaggio per chi vota da casa.

A parte il concorso rimane la possibilità di uscire, di sentire della buona musica e, perchè no, la possibilità di conoscere in anteprima il musicista o il cantante di successo di domani.

E sono sicura che non riuscirete a dire di no ad un’altra serata in musica a costo zero, che quest’anno a Modena sono veramente tante.

Manifestazioni come questa e come quelle che ci sono state permettono a chi non può permettersi una vacanza, a chi la città la deve vivere tutto l’anno di non sentirsi abbandonato con nessuna diversivo a rosicare d’invidia nella città arroventata invidiando tutti quelli che sono riusciti a partire.

Permette a invisibili impiegati come me di sopportare un po’ meglio la permanenza forzata.