Visita guidata alla Galleria Estense

palazzo dei musei.jpgSi può essere turisti nella propria città? Si può vivere in una città per anni, si può attraversare tutte le mattine le sue strade e poi accorgersi di non conoscerla affatto.
Ecco perché non bisogna perdere l’iniziativa promossa dall’Associazione culturale Arianna, che Domenica 30 Gennaio propone una visita guidata alla Galleria Estense.
Le splendide raccolte dei duchi d’Este si trovano al quarto piano del Palazzo dei Musei. Si tratta di un patrimonio museale d’importanza internazionale.  La Galleria, ristrutturata dall’architetto Pancaldi nel 1975, offre ai visitatori una ricca raccolta di dipinti, sculture, bronzetti , ceramiche ed oggetti preziosi provenienti, secolo,dal Palazzo Ducale di Modena sul finire del XIX secolo.
La galleria illustra una importante panoramica sulla vicenda figurativa regionale dal Trecento alla fine del Settecento. Fra busti, statue e terrecotte dei modenesi Mazzoni e Begarelli, si susseguono centinaia di capolavori pittorici, tra le quali spiccano opere importanti. Dal trittico di Tommaso da Modena, attraverso le tavole quattrocentesche dei modenesi Erri e Bianchi Ferrari, si approda al Cinquecento emiliano con gli affreschi di Lelio Orsi e Nicolò dell’Abate, alle rocche di Scandiano e Novellara e alla famosa Madonna “Campori” del Correggio. La Ferrara del Rinascimento rivive nel Sant’Antonio di Cosmè Tura e nei dipinti di Dossi, di Garofalo e Girolamo da Carpi. La scuola emiliana espone saggi dei Carracci, di Schedoni, Guercino, Tiarini, Bononi, Scarsellino e un Crocifisso di Guido Reni. La scuola veneta è rappresentata dalla Pietà di Cima da Conegliano, Madonna con Bambino e Santi del Tintoretto, un trittico di El Greco, ed opere di Paolo Veronese e del Bassano. Il grande Seicento appare nei “quadri da stanza” della scuola di Caravaggio, nelle nature morte del Cittadini, nei paesaggi del Rosa, nelle pale del Procaccini e del Cerano.
A parole è difficile da rendere l’aria di grandezza che si respira ammirando queste opere.
Se sono riuscita a convincervi, il luogo dell’incontro è al piano terra del Palazzo dei Musei, presso il Book Shop, durata prevista: 1 ora e 30 minuti circa. La prenotazione è obbligatoria. Per maggiori info: http://turismo.comune.modena.it.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Musei in musica

musei_in_musica_2010_large.jpgAnche Modena ha aderito all’iniziativa del Ministero dei beni Culturali che per il secondo anno promuove “Musei in Musica”. Dopo il grande successo registrato nella città di Roma lo scorso anno, si è scelto di trasformare l’appuntamento del 20 novembre in un evento nazionale con oltre 100 concerti ed eventi musicali in alcuni dei più bei siti d’arte statali. Gli eventi della rassegna sono tutti ad ingresso gratuito e gli stessi musei che ospitano i vari spettacoli rimangono aperti e visitabili gratuitamente fino a tarda notte.
Mescolando arte e musica si cerca di valorizzare le cose belle che in Italia ancora resistono, dandone una visione di insieme, re-inventandole per consegnarle ai cittadini delle città coinvolte, e ai turisti che assisteranno ai concerti, un punto di vista inedito dei musei cittadini.
Nella nostra città si è scelto come luogo per l’apertura straordinaria la Galleria Estense, e la musica classica come accompagnamento.
L’appuntamento è per le 21 con il doppio spettacolo “Il concerto delle dame principalissime” e “L’arpa di Laura”. Si tratta di un percorso narrativo e musicale che contamina arte, musica, letteratura e teatro e che intende rievocare la storia del celeberrimo “Concerto di dame” di Margherita Gonzaga d’Este alla corte rinascimentale di Alfonso II d’Este a Ferrara nella seconda metà del Cinquecento, nonché quella della preziosa Arpa Estense, il rarissimo strumento commissionato dagli Este nel 1581, raffinata opera d’arte utilizzata dalla celebre musicista Laura Peperara. Conduce il “Concerto delle Dame principalissime” Cristina Provenzano, voci narranti Toni Contartese e Franca Lovino. Il successivo “Concerto di musiche intorno all’arpa estense” vede protagonista Flora Papadopoulos all’arpa doppia.
Per l’occasione la Galleria Estense osserva un’apertura straordinaria continuata per tutta la giornata dalle 8.30 alle 24.
Per informazioni:
email: sbsae-mo@beniculturali.it
Iniziative alla Galleria Estense di Modena tel. 0594395715

Diventa anche tu Fan del Blog di Modena su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Modena e provincia.