Fiera dell’elettronica e Colleziosa: fine settimana fra tecnologia e … un’orda di zombie

expo modena.jpgHo già scaricato dal sito ufficiale Expo Elettronica il coupon da presentare alla cassa per ottenere l’ingresso ridotto per la fiera dell’elettronica e del fumetto che si terrà questo fine settimana, il 19 e il 20 gennaio, a Modena in zona fiera [viale Virgilio].
Per me è diventato un appuntamento imperdibile, un po’ per la sezione dedicata all’informatica, dove trovo cavetteria e piccoli oggetti ad ottimo prezzo, sia per la parte dedicata al fumetto. Abbiamo una collezione di Dylan Dog da terminare, santo cielo!
Ma basta parlare di me. Sotto i padiglioni di ModenaFiere si possono trovare migliaia di articoli di informatica, telefonia, tablet, home theatre, accessori per console e videogiochi, audio car, navigatori, piccoli elettrodomestici, illuminazione, materiali di consumo per la casa, lo studio e il lavoro, ricambi, minuteria e prodotti per l’hobbistica e il fai da te.6741690253_7b887fa12f_m.jpg
Alla Mostra Mercato del Disco, Cd e Dvd usato e da collezione, si possono trovare migliaia di titoli, libri e gadget legati al mondo della musica. E con un giro da Colleziosa, il mercatino per collezionisti,  si può trovare di tutto un po’, compreso materiale fotografico analogico, radiantismo, memorabilia, cimeli, gadget pubblicitari e tante altre curiosità. In particolare la mostra mercato del fumetto usato e da collezione abbraccia tutti i gusti: i classici almanacchi Walt Disney, i supereroi Marvel Comics, i protagonisti di Sergio Bonelli editore, ma anche i trasgressivi Frigidaire, Metal Extra, ed altro ancora. Per chi desidera una tavola d’autore sono acquistabili disegni di autori esteri od italiani, fra cui i sensuali di Milo Manara e Crepax, le atmosfere esotiche di Hugo Pratt e bozzetti per spot pubblicitari. In primo piano anche i Manga, i fumetti giapponesi e le serie di cartoni animati diventate veri e propri cult, come Goldrake, Mazinga, Heidi, Candy Candy, Capitan Harlock, Carletto il principe dei mostri, Lupin III, Dragonball e tanti altri.
E queste sono le ‘solite esposizioni’, adesso passo a raccontarvi le novità dell’esposizione 2013.
6742273889_bf97df48ac_m.jpgLa prima riguarda Mo.Ma Modena Makers laboratori aperti a tutti e conferenze dedicati  a coloro che intendono cimentarsi nel DIY (do it yourself), attraverso sistemi open source. Focus in particolare su progettazione, software e stampa in 3D e costruzione di robot. Tra le iniziative Roberto Navoni di Virtualrobotix illustra i principi di costruzione e il funzionamento degli UAV, i Droni volanti che vengono utilizzati per riprese, rilievi e operazioni di soccorso, mentre l’ITI Corni di Modena è presente con alcuni interessanti progetti realizzati dagli studenti e organizza una serie di incontri su vari argomenti in ambito tecnico ed elettronico.
La seconda novità è che la tradizionale fiera del fumetto, che pure ha visto in questi anni gruppetti di cosplayer aggirarsi fra le sue esposizioni, quest’anno diventa Cos.Mo Cosplay Modena, una fiera a misura di cosplayer, gli appassionati con l’hobby di divertirsi travestendosi nei personaggi di film, fumetti o serie TV, inscenando brevi esibizioni e parodie.  A Cos.Mo, grazie alla collaborazione con lo staff di B.H.C Best Horror Cosplay, domenica 20 gennaio per tutta la giornata si tiene un grande raduno per tutti gli appassionati di Cosplay. A disposizione dei partecipanti ampi camerini attrezzati con specchi, sedie e tavoli, un buffet per ristorarsi fra un’esibizione e l’altra, un guardaroba custodito, il grande Palco a T dotato di luci colorate per sfilate ed esibizioni e un Photoset professionale. Le premiazioni sono previste alle 18.30. Oltre alla gara di Cosplay, tra le iniziative un torneo d’azione contro un’orda di zombie, la Walking dead parody, il canta quiz per indovinare le sigle dei cartoni animati.
Infine sarà allestita la sezione Mo.Del, il settore dedicato al modellismo, aeromodellismo, automodellismo e piste, modellismo navale, ferroviario, camion e mezzi d’opera, fuoristrada, drift, elicotteri. Si spazia dal modellismo civile a quello militare, statico o dinamico, elettrico o radiocomandato con automatismi più o meno sofisticati. Tra le iniziative una pista per Slot Car a uso gratuito, spettacoli di Monster truck, workshop, un bellissimo plastico ferroviario e uno spettacolare plastico di aeroporto da 32mq, dotato di 5 piste, che ospita circa 200 velivoli, opportunamente illuminato.
Ingresso dalle 9 alle 18…e preparatevi anche a fare della fila per entrare.

Edizione 2012 della Fiera Campionaria

fiera campionaria,fiera,modena fiere,degustazioni,enogastronomiaDa oggi 27 aprile, e fino al primo Maggio, a Modena Fiere (viale Virgilio) torna l’appuntamento con la Fiera Campionaria, e anche per quest’anno, l’ingresso rimane gratuito. La Fiera Campionaria quest’anno compie 74 anni, e oltre ad offrire buone opportunità di spesa, offre anche momenti di svago.
La novità è rappresentata dalla presenza dell’area ARTIGIANIaMO, con la presenza degli Artigiani artisti di Piazza Torre, e di produttori di manufatti in cuoio, prodotti biologici e oggettistica in bambù, tutti “made in Modena”, per valorizzare le eccellenze artigianali della nostra città. Per il resto la formula è quella collaudata: sarà presente la consueta esposizione dedicata alla casa, con svariate offerte e soluzioni in materia di edilizia, ristrutturazione, restauro, impianti di sicurezza, fonti alternative, risparmio energetico, rivestimenti in legno e ceramica, arredo bagno, illuminazione, tessuti. Senza dimenticare “ARREDIaMO”, area dedicata all’Interior design, con tante soluzioni, classiche e moderne, per arredare gli ambienti di casa.
Il settore enogastronomico spazierà dalla pasta di mandorle siciliana, alla pizza napoletana, dalla mozzarella di bufala, alla piadina romagnola, senza dimenticare hamburger e hot-dog. Alle eccellenze gastronomiche di Modena viene naturalmente dedicato il cuore del settore, con un allestimento molto suggestivo.
All’esterno dei padiglioni sono presenti un ricchissimo settore dedicato al verde, con arredamenti per esterni, florovivaismo, attrezzature da giardino, caminetti e barbecues, una zona con tutte le migliori offerte delle concessionarie auto, moto e caravan.
Sarà presente l’area Cavalli: un maneggio in sabbia, dove hanno luogo esibizioni e dimostrazioni gratuite per tutta la durata della Fiera. Sarà presente anche un’Area Cani, grazie alla disponibilità di ENCI, l’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana, dove verranno organizzate esibizioni di agility e di obedience. E martedì 1 maggio alle ore 16 tutta la scena sarà per i visitatori e ai loro cani, grazie alla sfilata amatoriale dei cani di razza e no, e con premi per tutti i partecipanti.
Senza dimenticare l’Area Degustazioni curata dall’Associazione Esperti Degustatori Aceto Balsamico Tradizionale di Modena (AED ABTM), con la presenza dei Consorzi dei prodotti tipici modenesi (Consorzio Produttori Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, Consorzio del Prosciutto di Modena, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi Modenesi, Consorzio dello Zampone Modena e del Cotechino Modena) e del GIA (Gruppo Italiano Assaggiatori).
Per le appassionate di shopping on-line quest’anno, poi, la Fiera Campionaria sarà presente sul portale Modena Outlet, con promozioni riservate agli Espositori e ai Visitatori utenti del web.
Interessanti le iniziative collaterali, che si affiancheranno all’Esposizione per dare vita ad un grande evento unico nel suo genere: l’Area Cultura, l’Area Bimbi e l’Area Spettacoli.
Il “Campionaria Music Village” gestito in collaborazione con Radiostella, proporrà spettacoli, concerti ed eventi, mettendo in scena tutti i generi musicali, dal country al gospel, dal jazz al rock, dal folk alla musica da ascolto, al rockabilly.
In occasione della giornata inaugurale, venerdì 27 aprile, saranno i Muppets’ Choir ad aprire la kermesse musicale: l’ensemble vocale di 20 cantanti diretti dal maestro Giovanni Tardini proporrà i brani più famosi del repertorio jazz, rock e pop, pezzi da celebri musical, ma soprattutto gospel. Tutte le mattine, da sabato 28 aprile a martedì 1 maggio, la scuola modenese “MusicaMusicaMusica” intratterrà i visitatori con le più belle melodie canore e strumentali. E fornirà tutte le informazioni utili a chi decide, per la prima volta, di avvicinarsi al mondo della musica, e a chi desidera imparare qualcosa in più.
Sabato 28 un tuffo nel passato, al ritmo degli indimenticabili anni ’50 americani, mentre la serata di domenica 29 sarà all’insegna del jazz.
E sempre sabato 28, per il quarto anno consecutivo, le selezioni modenesi di Miss Italia prenderanno il via dalla Fiera Campionaria. L’evento assegnerà, oltre al titolo di Miss Campionaria 2012, anche quelli di Miss Rocchetta Bellezza, Miss Wella Professionals e Miss Mascotte Modena 2012.
Ho scritto abbastanza buoni motivi per decidere di passare qualche ora alla Fiera Campionaria?

 

Festa di San Geminiano

san geminiano,fiera,fiera di san geminianoSan Zemian con la neva in man. (San Geminiano con la neve in mano.)

Viste le previsioni metereologiche sembra che anche per quest’anno il vecchio detto popolare ci abbia visto giusto. Ma come tutti gli anni, sono sicura che i modenesi non perderanno l’occasione per festeggiare il santo patrono in un misto di sacro e profano.
Martedì 31 gennaio la celebrazione religiosa, nel rispetto di una antichissima tradizione, prevede l’apertura del sepolcro posto nella cripta del Duomo, per permettere ai fedeli di venerare le reliquie del santo. Alle 10.30 dallo scalone del Palazzo Comunale si muoverà il Corteo Storico con i Valletti comunali in livrea giallo blu che andranno in processione dal Municipio verso il Duomo portando grandi ceri, indossando abiti e parrucche rinascimentali, con l’obiettivo di portare in offerta i ceri e l’olio per la lampada che nella Cripta del Duomo arde perennemente davanti al sepolcro del patrono.
Alla Messa sarà presente una delegazione con gonfalone della città di Pontremoli e di san Geminiano, di cui il santo modenese è ugualmente patrono (come vi avevo già raccontato).
Accanto alle tradizioni religiose, si svolgerà anche la tradizionale Fiera degli ambulanti: dalle 8.30 alle 20 oltre 500 ambulanti animeranno il centro storico di Modena.
Numerosi sono i posti macchina a disposizione di chi vorrà recarsi alla fiera: piazzale Tien An Men; parcheggio ex Amcm in via Sigonio; parcheggio del parco Ferrari in Via Emilia Ovest; parcheggio antistante l’area dell’ex mercato bestiame di via Canaletto (bus per il centro linee 7 e 11); parcheggio Fiat in via Pico della Mirandola; parcheggio Palapanini in via Divisione Acqui (da cui è possibile raggiungere le zone più vicine alla fiera con gli autobus del trasporto urbano della linea 8, che parte ogni 10 minuti all’altezza del centro commerciale I Portali). Disponibili anche il parcheggio del centro commerciale La Rotonda (collegato alla linea 5 che arriva in autostazione e alla linea 3 con arrivo in largo Garibaldi o alla stazione centrale delle Ferrovie dello Stato) e il parcheggio di via Gottardi, zona universitaria (linee del bus 2,7 e 9). Il parco Novi Sad non potrà essere utilizzato come parcheggio perché luogo d’arrivo della Corrida. Arrivata alla 38esima edizione la Corrida di San Geminiano è una gara podistica internazionale di corsa su strada su un percorso di 13.350 km che va da Modena a Cognento e ritorno. Per chi invece vuole cimentarsi della corsa ma senza competizione, contemporaneamente partono dallo stesso luogo due gare aperte a tutti: la MiniCorrida sulla distanza di di 3 km. e la CorriSanGeminiano, uguale per percorso e distanza alla Corrida.
L’acetaia comunale, che si trova all’ultimo piano del Palazzo comunale, sarà aperta al pubblico dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30. I maestri della Consorteria di Spilamberto condurranno visite guidate gratuite della durata di circa 30 minuti (il punto di ritrovo è il loggiato al primo piano del Municipio). La vera novità di quest’anno è si potrà salire sulla Ghirlandina dalle 9.30 alle 19, ad orario continuato. Martedì 31 gennaio saranno aperti con ingresso gratuito anche i Musei comunali, il Museo della figurina, la Galleria civica e le sale storiche del Municipio in piazza Grande.

 

Fiera di Sant’Antonio Abate a Modena

benedizionedeglianimali.jpg“Per sant’Antànni a pèga chel dànni”. (A sant’Antonio pagano le donne).
Martedì 17 Gennaio, nel giorno dedicato a Sant’Antonio, a Modena si svolgerà la consueta fiera dedicata al santo, e si usa che siano le donne a fare un dono agli uomini. Dono che solo 15 giorni dopo verrà ricambiato, quando si festeggerà, il 31 gennaio, San Geminiano, la festa del Santo Patrono.
520 gli ambulanti che potranno allestire i banchi nel centro storico cittadino in occasione della fiera, in piazza Sant’Agostino, piazzale degli Erri, piazza Grande, via Emilia centro, piazza Muratori, piazza Matteotti, piazza Mazzini, corso Canalchiaro, corso Duomo, corso Canalgrande, via Università, via Castellaro, via Scudari, via Canalino, piazzale San Francesco e calle di Luca. Dalle 8.30 alle 20 il centro città si trasformerà per la festa, e peccato per chi (come me) sarà al lavoro…ma una passeggiata in centro si fa sempre volentieri.
L’ho scritto anche gli altri anni, ma se siete capitati qui per la prima volta, vi racconto come mai anche a Modena si festeggia Sant’Antonio Abate.
La tradizione modenese della festa dedicata al santo deriva dal fatto che l’ordine degli Antoniani aveva ottenuto il permesso di allevare maiali all’interno dei centri abitati, poiché il grasso di questi animali veniva usato per ungere gli ammalati colpiti dal fuoco di Sant’Antonio. I maiali erano nutriti a spese della comunità e circolavano liberamente nel paese con al collo una campanella, e Sant’Antonio è considerato il protettore degli animali domestici, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto proprio un maiale che reca al collo una campanella. Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle ponendoli sotto la protezione del santo. A Modena la benedizione degli animali domestici avviene nella chiesa della Beata Vergine delle Grazie, in via Sant’Agostino.

Al circolo Arci Vibra (via 4 Novembre 40/a) alle ore 21 sarà presentato al pubblico, in prima nazionale, “Rimetti a noi i nostri debiti”, il film sugli “indignati” realizzato da Officine Tolau. Oltre agli autori del documentario, parteciperanno Greta Barbolini (presidente di Arci), Giuditta Pini (segreteria GD Modena), Stefano Bonaccini (segretario regionale PD) e Pippo Civati  (consigliere regionale Pd della Lombardia).
Io l’ho già visto, e ve ne avevo parlato qui virgiliomodena.myblog.it/rimetti-a-noi-i-nostri-debiti.html


 

Fiera Campionaria edizione 2011

fieracampionaria.jpgE’ già tempo di fiera a Modena. Da oggi 4 maggio, e fino a domenica 8 maggio, a Modena Fiere (Viale Virgilio) torna la Fiera Campionaria, e ripropone l’ingresso gratuito.
Non mancherà all’interno dei padiglioni la consueta esposizione dedicata alla casa, con svariate offerte e soluzioni in materia di edilizia, ristrutturazione, restauro, impianti di sicurezza, fonti alternative, risparmio energetico, rivestimenti in legno e ceramica, arredo bagno, illuminazione, tessuti. Senza dimenticare “ARREDIaMO”, area dedicata all’Interior design, con tante soluzioni, classiche e moderne, per arredare gli ambienti di casa.
Ci sarà “Portobello”, il mercatino dell’artigianato e delle curiosità per la casa, la persona, il tempo libero e la salute, con una scenografia che si ispira al celebre mercatino londinese. Il settore enogastronomico spazierà dalla pasta di mandorle siciliana, alla pizza napoletana, dalla mozzarella di bufala, alla piadina romagnola, senza dimenticare hamburger e hot-dog. Alle eccellenze gastronomiche di Modena viene naturalmente dedicato il cuore del settore, con un allestimento molto suggestivo.
All’esterno dei padiglioni sono presenti un ricchissimo settore dedicato al verde, con arredamenti per esterni, florovivaismo, attrezzature da giardino, caminetti e barbecues, una zona con tutte le migliori offerte delle concessionarie auto, moto e caravan.
Oltre alle esposizioni sono numerose le iniziative collaterali della Fiera Campionaria 2011.
Sarà presente l’area Cavalli: un maneggio in sabbia, dove hanno luogo esibizioni e dimostrazioni gratuite per tutta la durata della Fiera. Quest’anno in Fiera è presente per la prima volta anche un’Area Cani, grazie alla disponibilità di ENCI, l’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana, dove verranno organizzate esibizioni di agility e di obedience.
Non mancherà l’Area Degustazioni curata dall’Associazione Esperti Degustatori Aceto Balsamico Tradizionale di Modena (AED ABTM), con la presenza dei Consorzi dei prodotti tipici modenesi (Consorzio Produttori Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, Consorzio del Prosciutto di Modena, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi Modenesi, Consorzio dello Zampone Modena e del Cotechino Modena) e del GIA (Gruppo Italiano Assaggiatori). Lo schema è quello delle precedenti edizioni: tutti i giorni degustazioni dei prodotti tipici a rotazione della durata di 15 minuti, nel weekend abbinamenti anche con grappe, frutta e miele. Sarà anche allestita un’Area dedicata alla Cultura, con spazi dedicati ai Musei del Volley e Casa Enzo Ferrari, al Festival della Filosofia e a ERT, oltre a mostre d’arte, concorsi fotografici e laboratori artistici.
Il Museo del Volley espone alcuni dei più preziosi cimeli della pallavolo modenese. Nel corso della Fiera, inoltre, vengono organizzate iniziative e incontri con alcuni campioni del volley di ieri e di oggi.
E poi ancora l’area Spettacoli e l’Area Bimbi. Ma non voglio annoiarvi con un lungo di elenco di cose, guardando il programma completo sembra proprio che non ci sarà da annoiarsi. Mercoledì, giovedì e venerdì l’orario di ingresso alla Fiera Campionaria è dalle 18 alle 23.30, sabato dalle 10 alle 23.30, domenica dalle 10 alle 21.30.
E ricordate: l’ingresso è gratuito.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Festa di San Geminiano

san-geminiano.jpgSan Zemian con la neva in man. (San Geminiano con la neve in mano.)

Quanta verità in antichi detti popolari. Sarà che la festa per il santo patrono di Modena, cade proprio nei giorni della merla, ma anche quest’anno San Geminiano “ha messo la barba”, e in città ha nevicato.
Ma come anche l’anno scorso, sono sicura che i modenesi non perderanno l’occasione per festeggiare il santo patrono in un misto di sacro e profano.
La celebrazione religiosa prevede l’apertura del sepolcro posto nella cripta del Duomo, per permettere ai fedeli di venerare le reliquie del santo. Alla Messa è presente una delegazione con gonfalone della città di Pontremoli, di cui il santo modenese è ugualmente patrono (come vi avevo già raccontato l’anno scorso).
Nel corso della mattina sfila anche il Corteo Storico con i Valletti comunali in livrea giallo blu che andranno in processione dal Municipio verso il Duomo portando grandi ceri, indossando abiti e parrucche rinascimentali. L’antichissima tradizione ha visto spesso anche la partecipazione del Sindaco e degli Assessori, con l’obiettivo di portare in offerta i ceri e l’olio per la lampada che nella Cripta del Duomo arde perennemente davanti al sepolcro del patrono.
E poi il momento che tutti aspettiamo: dalle 8.30 alle 20 nel centro di Modena ci sarà la tradizionale Fiera degli ambulanti, e potremo aggirarci tra le bancarelle, attenti a non scivolare sul ghiaccio, fra odori e sapori della terra emiliana, oppure cercando l’affare fra le bancarelle di abbigliamento, accessori per la casa e prodotti di artigianato.
Inoltre nella giornata di domani è previsto l’ingresso gratuito a mostre e musei, e sarà possibile visitare anche l’Acetaia comunale (all’ultimo piano del palazzo comunale) con visite guidate dai maestri della Consorteria di Spilamberto.
Senza dimenticare che nel giorno del Patrono si tiene anche la 37esima edizione della Corrida di San Geminiano, una gara podistica internazionale di corsa su strada su un percorso di 13.350 km che va da Modena a Cognento e ritorno. Per chi invece vuole cimentarsi della corsa ma senza competizione, contemporaneamente partono dallo stesso luogo due gare aperte a tutti: la MiniCorrida sulla distanza di di 3 km. e la CorriSanGeminiano, uguale per percorso e distanza alla Corrida.
Quest’anno però passo la mano e non potrò essere la vostra cronista. Lascio lo spazio commenti a vostra disposizione per raccontarmi(ci) della festa di San Geminiano.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Fiera di Sant’Antonio Abate a Modena

santantonio.jpgCome da tradizione 15 giorni prima dei festeggiamenti del santo Patrono, a Modena si festeggia Sant’Antonio Abate, il protettore degli animali domestici. E oggi 17 gennaio Modena renderà omaggio a questo Santo con le consuete usanze fra sacro e profano.
Come avevo raccontato l’anno scorso, probabilmente l’abitudine di rendere grazie a questo Santo deriva dalle radici contadine di questa terra. Sant’Antonio è considerato il protettore degli animali domestici, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto un maiale che reca al collo una campanella. La tradizione deriva dal fatto che l’ordine degli Antoniani aveva ottenuto il permesso di allevare maiali all’interno dei centri abitati, poiché il grasso di questi animali veniva usato per ungere gli ammalati colpiti dal fuoco di Sant’Antonio. I maiali erano nutriti a spese della comunità e circolavano liberamente nel paese con al collo una campanella.
Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle ponendoli sotto la protezione del santo. A Modena la benedizione degli animali domestici avviene nella chiesa della Beata Vergine delle Grazie, in via Sant’Agostino, all’altare vengono portati cani, gatti, carini nelle loro gabbie, conigli.
Immancabile la fiera di Sant’Antonio con le sue bancarelle che occuperanno dalle 8.30 alle 20.00 piazza Sant’Agostino, piazzale Erri, piazza Grande, via Emilia centro, piazza Muratori, piazza Matteotti, piazza Mazzini, corso Canalchiaro, corso Duomo, corso Canalgrande, via Università, via Castellaro, via Scudari, via Canalino, piazzale San Francesco e calle di Luca.
La cosa che trovo curiosa è che in questa città San Geminiano sarà anche il Santo Patrono, a cui è intitolata anche la cattedrale, ma è in buona compagnia con Sant’Antonio Abate e il suo compatrono Sant’Omobono.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Curiosa: idee, atmosfere e sapori in fiera

curiosa_large.jpgGrosse novità questo fine settimana per i modenesi impegnati a cercare il regalo giusto da mettere sotto l’albero a Natale. Se sarete abbastanza temerari per decidere di andare in zona La Bruciata sono sicura che in coda sulla via Emilia, nella speranza di imboccare il Viale Virgilio, tirerete fuori bestemmie in aramaico antico, attenti al furbetto di turno che vuole saltare la fila per mettersi in pole position al semaforo (sarà che Modena è terra di motori e ispira comportamenti da circuito di formula1). Ma, dopo aver portato tanta pazienza, rischierete di portare a casa i regali natalizi in anticipo sulla data, senza ridurvi agli ultimi giorni.
Proprio di fronte al Grandemilia hanno inaugurato, il Decathlon, la catena più conosciuta di articoli per lo sport e al suo fianco l’OBI, mi dicono, più grande d’Italia.
Si segnalavano code già ieri, giorno di inaugurazione dei nuovi negozi, e questo fine settimana si aggiunge “Curiosa”, la prima edizione della fiera pre-natalizia dedicata a creatività fai da te, idee regalo, enogastronomia e vita country.curiosa.jpg
La manifestazione si articola in quattro grandi nuclei tematici: Creatività, con l’organizzazione del Salone “Io Creo a Curiosa”, un vero e proprio paradiso per tutti gli amanti del fai-da-te, con un’infinita serie di corsi creativi e dimostrazioni sulle tecniche più disparate (ad esempio la realizzazione di kit di bigiotteria, bambole, bricolage, lavori con la carta, cartapesta, realizzazioni in ceramica, uso di colori e vernici, cucito creativo, decorazioni floreali,  decorazioni natalizie, dècoupage, doratura, embossing, opere in feltro, filato, filigrana, fotografia creativa, incisioni, lavori a maglia, ricamo, uncinetto, miniature, mosaici, perline, pittura su tessuto e seta, stencil e tanti altri)
Idee Regalo, abbigliamento ed accessori, articoli per la casa e il tempo libero, mobili, complementi d’arredo, tutto per il benessere e la cura della persona, addobbi e decorazioni per l’albero di Natale, l’occorrente per confezionare i pacchi regalo e molto altro ancora.
EnoGastronomia con una vasta scelta di prodotti tipici e tradizionali da tutta Italia e la presenza di aziende agricole del territorio con produzione a chilometro zero e Vita Country dedicato alla vita all’aria aperta, dalla floricoltura e la cura dell’orto, fino all’arredamento e oggettistica tipicamente country, con incontri e seminari per imparare a rispettare e a vivere l’ambiente.
Gli orari di accesso a Curiosa sono: sabato 4, lunedì 6 e martedì 7 dalle 10 alle 23, domenica 5 e mercoledì 8 dalle 10 alle 20. Il biglietto d’ingresso intero costa 9 euro, ma si può scaricare dal sito un coupon da presentare alle casse per ottenere il ridotto a 7 euro, 6 euro con l’acquisto in prevendita online.

E speriamo non nevichi.

Diventa anche tu Fan del Blog di Modena su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Modena e provincia.

Fine settimana fra polemiche e

divieti.jpgNon sono giorni sereni per i modenesi che vogliono prepararsi a vivere la città in questo fine settimana di aprile. Il sindaco ha “rispolverato” l’ordinanza per cui non è possibile entrare in bar e ristoranti se si ha un cane al guinzaglio. Ed è subito polemica, gruppo su Facebook e ci si prepara alla manifestazione.
C’è chi invece la protesta l’ha già messa in scena contro l’ordinanza che vieta per negozi e alimentari di vendere alcolici, nonchè di consumarne e trasportare con sè fuori dagli spazi di pertinenza dei locali autorizzati. Da modenese adottata ho sempre notato una sorta di “coprifuoco” che scatta intorno alle 20 nelle strade nella città, e credo che queste limitazioni non faranno altro che peggiorare il vuoto desolante delle strade, rendendole ancora più pericolose.
Almeno torna Expo elettronica sabato 10 e domenica 11 aprile a Modena Fiere, la mostra mercato dedicata agli appassionati di elettronica ed informatica.
La fiera si è già svolta nel mese di gennaio, e avevo già avuto modo di segnalarla. E nonostante abbia già fatto acquisti, anche questa volta non me la perdo. Adoro passeggiare fra le bancarelle a caccia di “stranezze” tecnologiche.
In questa occasione Expo Elettronica ospita anche l’annuale Symposium della sezione modenese dell’Associzione Radioamatori Italiani. Sorta nel 1946, questa sezione è intitolata al radioamatore modenese Egeo Wolmer Malpighi e conta circa 180 soci. Il tema trattato nelle due giornate del Symposium riguarda il “Software Defined Radio”, in sigla SDR, una tecnologia in via di sviluppo che permette di costruire ricevitori radio non più hardware ma completamente a livello software e multistandard (UMTS, GSM, Wimax, Satellitare…). (L’ingresso alla fiera e al Symposium è gratuito per tutti i radioamatori in possesso di regolare licenza.)Expo_web.jpg
Starò solo attenta di non ripetere l’errore di gennaio: abbiamo passeggiato fra le bancarelle osservando e appuntando le cose da comprare al miglior prezzo con calma, dando per scontato di avere del tempo (siamo arrivati intorno alle 16). Peccato invece che la fiera chiuda alle 18. Quindi questa volta si arriva presto e occhio all’orologio.
Soprattutto: cani a casa e niente spritz seduti all’aperto, magari in Piazza Grande.

Tutti in fiera

ScrittaSangi5.jpgIeri mattina Anna, che su twitter trovate come @Annina123, che è di Modena ma per uno strano scherzo del destino vive a Lecce, mi ha lasciato un messaggio: Hai visto? San Zemian ci ha messo la barba bianca. Lei, per la festa del Santo Patrono ha fatto il viaggio da sud a nord, e come regalo per il suo compleanno che cade lo stesso giorno, ha trovato la neve.
In questa domenica di festa ci siamo svegliati sotto 10 centimetri abbondanti di neve, con fiocchi grassi e fitti che venivano giù senza nessun accenno a smettere.
Ma a quanto pare San Geminiano ci tiene troppo ai festeggiamenti in suo onore e verso le 12 la neve ha smesso di venire giù. Ma la fiera, l’avrebbero allestita lo stesso considerata la nevicata?
Vi posso assicurare che nessun modenese lo ha messo in dubbio, e anche quest’anno la fiera ha totalizzato il pieno. Tutte le strade del centro erano invase di bancarelle, gente e … ghiaccio. La neve era stata spalata e messa al centro strada, dove tutta calpestata è diventata anche pericolosa, scivolosa e ghiacciata. I più fortunati avevano i moon boot ai piedi, ma sicuramente non ho visto tacchi in giro.
All’ingresso di via Emilia, dal lato del largo Sant’Eufemia si veniva subito accolti dall’odore forte della cipolla arrostita, ottimo accompagnamento per una piadina con porchetta, e poi il profumo delle crepes e quello dello zucchero sciolto a caramellare frutta e mandorle.fiera.jpg
All’incrocio con Corso Canalgrande solo l’imbarazzo della scelta se andare fino in fondo a Via Emilia, o avviarsi verso destra per poi risalire su da Via Taglio, o girare a sinistra per poi risalire fino a Piazza Grande.
E per qualche shopaholic incallita c’erano anche tutti i negozi aperti in piena modalità “saldi”.fiera1.jpg
E poi banchi di tutti i generi: abbigliamento, bigiotteria, utensili per la casa con tanto di dimostrazione pratica dell’uso, gli incensi e l’oggettistica esotica, piccoli e grandi affari per tutti i gusti. Gli immancabili “indiani” con la loro musica dal vivo.
San Geminiano anche quest’anno non ha deluso le aspettative e ha regalato a tutti i modenesi un pomeriggio di svago, nonostante la nevicata notturna.
Il mio scetticismo sullo svolgimento della fiera mi ha fatto uscire di casa senza macchina fotografica, le foto però le ha fatte Anna, che ringrazio per l’autorizzazione a pubbicarle anche qui.