Estate modenese ai Giardini Ducali

estate_modenese_2012.jpgStanchi di vedere i soliti comici in televisione? Sabato 28 luglio dalle 21.30 ai Giardini Ducali è in programma una serata all’insegna del divertimento, protagonisti i comici e la musica del Festival Cabaret Emergente.
I comici che si alterneranno sul palco sono Stefano Lasagna, vincitore assoluto Festival Cabaret Emergente 2012; Massimo Morselli, secondo classificato e Premio Originalità Carlino D’Oro; Giovanni D’Angella, terzo classificato e Premio Radio 2 Rai; Mario Tarallo, quarto classificato e vincitore del Premio Sponsor.
Sotto la conduzione di Riccardo Benini, fra uno sketch e l’altro, la cantante Selene Lungarella sarà la principale protagonista della parte musicale dello show.
Il cast si arricchisce con la presenza straordinaria di Arturo Calindri, vincitore grazie al voto su internet del Premio Carlino Web all’ultimo Festival Cabaret Emergente, che non farà mancare i suoi tormentoni tra pistacchi e farfalla, cantando la sua canzone hit “Vorrei volare”.

Domenica 29 luglio, sempre ai Giardini Ducali, si cambia completamente argomentoestate in città, cabaret, festival cabaret emergente, centro documentazione donna, pubblicità, pubblicità ingannevole.
Organizzato dal Centro documentazione donna di Modena, dalle 21 Roberto Serio, giornalista modenese, incontra e dialoga con Judith Pinnok e Serena Ballista, autrici del libro “Bellezza femminile e verità. Modelli e ruoli nella comunicazione sessista”. Il libro è pensato per chiunque voglia imparare ad osservare criticamente la pubblicità per individuare i messaggi sessisti e aggirare i pericoli che ne derivano, insegnando a riconoscere quando una comunicazione commerciale dà un’immagine lesiva delle donne e degli uomini e della relazione che li lega. Lo scopo è quello di contrastare la violenza di genere, intesa anzitutto come discredito o delegittimazione che cancellano il diritto di vivere una piena cittadinanza femminile. Durante la serata saranno letti brani tratti dal libro.
A seguire “Corpi impuri” conferenza-spettacolo di e con Marinella Manicardi sul tema delle mestruazioni tra scienza, religione, superstizione, letteratura e … pubblicità con le ali.
Corpi impuri sarà un confronto buffo ma serrato su due nodi: la rappresentazioni del corpo femminile tra scienza e religione e il concetto di sporco e pulito.
E in mezzo, e nonostante tutto, c’è la vita delle donne.

 

Dalla favola al musical

giardini ducali, estate in città, musicalPer chiudere la rassegna “Agosto ai Giardini Ducali” un ultimo concerto che vi farà rivivere le emozioni delle favole più belle.
Giovedì 25 agosto alle 21.15 ai Giardini Ducali il concerto “Dalla favola al musical” che si ispira al cinema, a quella “fabbrica dei sogni” che Federico Fellini aveva definito così:
“L’hanno definita la fabbrica dei sogni: un po’ banale, ma anche vero. È un posto che dovrebbe essere guardato con rispetto, perché al di là di quel recinto di mura ci sono artisti dotati e ispirati che sognano per noi. Per me è il posto ideale, il vuoto cosmico prima del big bang”.
Nel concerto ai Giardini ducali verranno eseguiti brani tratti dai classici cartoni animati disneyani come “Biancaneve”, “Cenerentola”, gli “Aristogatti”, fino alla “Sirenetta”. La scelta delle canzoni dai musical spazierà da “Notre dame de Paris” a “Scugnizzi”, commedia musicale su Napoli scritta da Claudio Mattone ed Enrico Vaime. Tra una canzone e l’altra saranno eseguiti brani classici strumentali di autori come Massenet e Piazzolla.
Un viaggio affascinante tra i più bei temi dei film animati di Walt Disney e i grandi Musical di Broadway. A far scattare la magia dal palco saranno in tre: Emilia Zamuner alla voce, Riccardo Zamuner al violino e Mario Sbeglia al pianoforte.

Domeniche al parco di Villa Sorra

Villa-Sorra.jpgChi abita in città conosce benissimo Villa Sorra, una delle più importanti ville storiche del territorio modenese. Il nome della villa è ancora quello della nobile famiglia che la edificò, anche se dal 1972 è di proprietà dei Comuni di Modena, Castelfranco Emilia, Nonantola e San Cesario sul Panaro. Questo rende l’idea di dove si trova e di quanto sia estesa. Nel suo parco troviamo quello che è considerato l’esempio più rappresentativo di giardino “romantico” dell’ottocento estense. Il complesso è formato dalla villa vera e propria, edifici rustici, serra, parco storico, rovine romantiche, vie d’acqua, giardino. E’ un ottimo luogo dove fuggire dalla cappa umida e calda della città, non troppo lontano, e ci si può arrivare anche con i mezzi pubblici.

In questa suggestiva cornice già da diversi anni vengono organizzato eventi e spettacoli, non per attrarre visitatori, ma solo per rendere più piacevole la permanenza all’interno dell’intero complesso.

Anche per quest’anno fino al 26 settembre tutte le domeniche e i festivi le tantissime persone che amano frequentare Villa Sorra affascinate dalle sue innegabili qualità ambientali, storiche e architettoniche, hanno un motivo in più per trascorrere una giornata all’aria aperta: ogni domenica la permanenza all’interno della villa viene allietata da piccoli intrattenimenti, come spettacoli di burattini, esibizioni di clown e giocolieri, e tante altre iniziative.Logo-Sorra.gif

Le “Domeniche al Parco” dalle ore 15,30 di domenica 13 giugno propone “A che Gioco Giochiamo? Alla scoperta dei giochi di una volta” a cura di Uisp, lega sport e giochi tradizionali.
Il tiro alla fune, il braccio di ferro, il lancio del ferro di cavallo, così come la pista delle biglie o le freccette, possono essere l’anello di congiunzione tra lo sport popolare e lo sport per tutti, tra le generazioni più mature e quelle più giovani. Il gioco di strada, povero, fatto di oggetti riciclati di uso quotidiano, può essere un modo per scoprire e valorizzare le tradizioni popolari e le culture seminascoste dei mille campanili della nostra penisola.
La Lega sport e giochi tradizionali UISP si propone di riscoprire i giochi antichi, quelli tramandati oralmente dagli anziani ai bambini e, insieme, aiutare a inventarne di nuovi.

Inoltre tutte le domeniche e i giorni festivi, in primavera e in estate, le guide turistiche sono a disposizione di coloro che desiderano visitarlo e avere informazioni sul patrimonio storico, paesaggistico ed architettonico della villa e del parco. Per i gruppi le visite possono essere effettuate tutto l’anno e anche durante la settimana, previa prenotazione.

Un salto per conoscere meglio questa meraviglia a pochi chilometri da Modena ve lo consiglio, se volete qualche informazione in più www.villasorra.it.

 

altro week-end, altra musica, stesso divertimento

tarocchi.jpgQuesto fine settimana rimarrò in città. E’ iniziato un periodo lavorativo che ha delle forti somiglianze con la schiavitù, nonostante sia stata abolita intorno al 1815 è evidentemente ancora praticata senza riserve in molti luoghi.
Quindi niente shopping, niente passeggiate all’aria aperta, niente mare, niente piscina. Solo lavoro, lavoro, lavoro.
Ma almeno la sera la catena la aprono e questo week-end c’è solo l’imbarazzo della scelta per le cose da fare, da vedere e tutte (a mio avviso) meravigliose. Perchè va bene uscire con gli amici, gli stessi di sempre, e andare a mangiare una pizza, e poi buttarsi in qualche locale con la musica a palla bevendo e dimenandosi fino all’alba, fortunatamente Modena offre metodi alternativi per passare una serata piacevole senza spendere nulla (o quasi).
Della presenza di Pupi Avati vi ho già avvisato, ma se avete voglia di qualcosa di più esotico dalle 20.30 di sabato 4 luglio al Parco Ferrari potrete assistere ad un concerto di musica gospel. E’ la seconda edizione, ne deduco che la prima sia andata benissimo tanto da decidere di replicare l’esperienza.
Per i più fortunati, quelli che hanno il sabato libero per intenderci, in tutte (o quasi) le piazze della città e per le strade del centro storico potrete imbattervi nei gruppi strumentali delle scuole di musica. Dalle 17.30 se passerete in Largo San Biagio, Piazza Mazzini, Largo San Giorgio, Piazzetta Sant’Eufemia, Piazza Matteotti, Chiostro di Santa Margherita, Piazza Torre tanti concerti sparsi che si concluderanno nel cortile d’onore del Palazzo Ducale dalle 21 con lo spettacolo esclusivo “Non al denaro, non all’amore, nè al cielo” di Fabrizio de Andrè con la partecipazione di David Riondino.
Domenica 5 luglio mi piacerebbe andare al parco di Villa Sorra e fra una lettura di carte e un tuffo nel Romanticismo dimenticare l’ufficio, la routine e il lavoro. E se avete dei bimbi sono sicura che lo spettacolo dei burattini saprà fargli dimenticare per un po’ la play station.
Io le idee per passare il fine settimana le lascio qui, voi passate a raccontarmi come lo avete passato e se le iniziative vi sono piaciute.