Storico con brio e Risorgimentour

risorgimento, ciro menotti, 150 anni unità d'italia, corte estense, “Eroiche visioni. Storie di duchi e patrioti” è la mostra allestita al Museo Civico d’Arte (Largo Porta Sant’Agostino 337) che vuole valorizzare il patrimonio legato al Museo del Risorgimento di Modena, ricostruendo il clima che gravitava intorno alla corte dei due duchi austro-estensi Francesco IV e Francesco V, chiudendo idealmente le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia (rimane aperta fino al 3 giugno).
Per tutto il mese di Marzo a questa mostra sarà collegata l’iniziativa “Risorgimento in parole e musica”, tre incontri di “Storico con brio” e il “Risorgimentour”.
Cibo, moda e musica i temi degli incontri “Storico con brio”.
Sabato 3 marzo il primo incontro propone alle ore 17.30 presso la Camera di Commercio (via Ganaceto) la presentazione del libro di Giovanna Guidetti “A tavola con…Duchi e Duchesse”. Un libro che raccoglie ricette di cucina modenese con illustrazioni di Emanuele Luzzati. Al termine assaggi di torta di tagliatelle e moscato passito Tertenico offerti dal ristorante “Osteria la Fefa” (di Finale Emilia).
Venerdì 9 marzo il secondo incontro sarà a carattere fashion. Alle 18 presso la Sala dell’Ex Oratorio di Palazzo dei Musei (Largo Porta Sant’Agostino) lo storico della moda Marco Urizzi affronterà il tema dell’evoluzione della moda nell’epopea del periodo risorgimentale.
L’ultimo incontro è dedicato alla musica: sabato 24 marzo alle ore 17.30 presso il Museo Civico d’Arte, Roberto Fiorini presenterà il libro “I Sighicelli, Una dinastia di violinisti alla Corte estense” e a seguire brani musicali tratti dal repertorio di Vincenzo Sighicelli a cura dell’istituto Superiore di Studi Musicali “O. Vecchi – A. Tonelli”.
Sabato 17 e domenica 18 marzo 2012 sarà la volta di “Risorgimentour” trekking urbano nel centro cittadino e tour in autobus con accompagnamento musicale per scoprire e raccontare i luoghi più significativi del Risorgimento modenese.
Una passeggiata speciale per ripercorrere le tracce dell’epoca, scoprire i segni, i simboli e le testimonianze degli avvenimenti e dei personaggi che a Modena hanno contribuito all’Unità d’Italia.
I visitatori, accompagnati da esperti di storia risorgimentale, potranno scoprire attraverso i più importanti monumenti celebrativi, lapidi, edifici ma anche aneddoti e scorci meno noti, gli innumerevoli riferimenti a quel passato che la frequentazione abitudinaria dei luoghi porta generalmente a trascurare. (un po’ come quando vi ho raccontato la storia di Ciro Menotti in questo post). 

Per informazioni sul programma e modalità di partecipazione