Dal videoclip musicale al cinema reale

video-maker,corso di cinema,corso videomaker,centro musicaSi nasce con alcune capacità “artistiche” che non aspettano altro che esprimersi. E una volta trovata la propria inclinazione, la si può coltivare, migliorandosi.
C’è chi compone musica, chi sa raccontare storie attraverso le parole e chi riesce attraverso le immagini.
Entro venerdì 13 gennaio è ancora possibile iscriversi ad uno dei due corsi di formazione per videomaker proposti dal Centro musica (via Due Canali sud 110) e dall’assessorato Politiche giovanili del Comune di Modena, realizzati a cura dell’associazione culturale Sequence Films Labs.
Il laboratorio di video mob, rivolto a giovani di età compresa tra i 15 i 30 anni, prevede la formazione di un gruppo di lavoro che si cimenterà nella produzione di un videoclip musicale per una band proveniente dal progetto Sonda del Centro musica. L’obiettivo è offrire a videomaker, musicisti e a coloro che sono interessati al genere del videoclip, un’esperienza di videoproduzione.
Il secondo percorso è un laboratorio di studio, analisi e insegnamento cinematografico con particolare attenzione verso il documentario di creazione. Dedicato al cinema del reale accompagnerà i partecipanti attraverso tutte le fasi di realizzazione di un film del reale, che parlerà di persone vere, catturando la loro essenza.
I partecipanti impareranno a conoscere regole e strumenti che rendono efficace il racconto per immagini e saranno coinvolti nella creazione di un progetto cinematografico, dalla sua ideazione sino alla scaletta di montaggio e delle strategie distributive. L’avvio alla pratica del film-making avverrà attraverso l’incontro con registi, sceneggiatori, direttori della fotografia, fotografi, tecnici del suono, musicisti e montatori, coordinati dal regista e documentarista Stefano Cattini, responsabile di Sequence e già finalista al David di Donatello con “L’isola dei Sordobimbi”.
Informazioni dettagliate sul sito musicplus.it e sul sito sequencefilm.it.

 

Imparare a scrivere un soggetto per il cinema

uomo_fiammifero_11.jpgSe si digita su un qualsiasi motore di ricerca “come si scrive un soggetto per il cinema” vengono visualizzate centinaia di pagine con consigli pratici, e anche pagine scritte da persone del mestiere che svelano trucchi e metodi.
Quali ingredienti servono per fare un soggetto? Quanto deve essere lungo un soggetto? In quale tempo verbale si scrive un soggetto? Chi fa narrativa non è un buon scrittore di soggetti cinematografici. Chi scrive per il cinema pensa per immagini, deve mostrare, non raccontare.
A Modena sabato 5, sabato 12 e sabato 19 febbraio 2011 presso “Fusorari cibi & Viaggi” in Piazzale Torti, si terrà un workshop di 20 ore di lezione per imparare a scrivere una sceneggiatura “Scrivere un soggetto per il cinema”.
Dal sito: “Ogni storia è potenzialmente una storia di successo, basta conoscere la miscela delle emozioni. Qualunque film di successo tiene viva l’attenzione dello spettatore per almeno novanta minuti senza perdere colpi. Qualunque storia di successo è frutto di un sapiente dosaggio delle emozioni. Esistono dei metodi, che costringono l’attenzione del pubblico a restare accesa, rendendo il racconto appassionante. Il segreto sta nella struttura del racconto, sia esso per immagini o letterario. Da Via col vento a Pulp Fiction, dai 400 colpi ad Avatar tutti contengono una struttura che emoziona e appassiona durante il corso della storia. Il corso che proponiamo mira a svelare i segreti della struttura e a studiarli in modo da renderne padroni i partecipanti. Attraverso l’analisi dei maggiori film di successo, e dei metodi di scrittura che li hanno generati, scopriremo quando e come devono essere introdotti gli elementi essenziali del racconto, fino ad arrivare a scrivere una storia che potrà diventare un soggetto per il cinema.
Il corso, dunque, intende fornire le basi per la costruzione e la scrittura di un soggetto per il cinema. I soggetti prodotti nell’ambito del corso saranno sottoposti ad editor di case di produzione.” Termine per le iscrizioni 29 gennaio 2011.
Per maggiori informazioni www.fusorari.it.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Ciak, si gira

ciak.jpgApprendo con ritardo ma segnalo volentieri. Oggi 7 aprile inizia un corso di video gratuito a cura di Pongofilms “Ciak Azione” riservato ai ragazzi tra i 18 e i 30 anni.
Il corso è articolato in quattro lezioni: nella giornata di oggi si parlerà dello strumento di lavoro ovvero della videocamera. Gli altri appuntamenti in programma per il 9, 14 e 19 aprile, tutti alle 18, approfondiranno i temi delle riprese audio, dell’inquadratura e dei piani di ripresa.
Le quattro lezioni serviranno per fornire le tecniche per realizzare due cortometraggi sulla base delle sceneggiature ideate a febbraio durante il corso Ombre Corte.
Nel progetto sono coinvolti anche gli studenti della Scuola d’arte Talentho, che interpreteranno i corti. Talentho è un centro di formazione artistica patrocinata e convenzionata dal Comune di Modena, nel quale sono proposte diverse forme di espressività: il teatro, il canto e la danza. La scuola, grazie alla convenzione con il Comune di Modena, permette di avere costi agevolati sui corsi. Inoltre gli allievi avranno la possibilità di partecipare a momenti di alta formazione grazie alle collaborazioni che da diverso tempo la scuola ha instaurato con professionisti del settore (Compagnia Abbondanza Bertoni, Balletto Civile).
Il corso è a numero chiuso ed è necessario iscriversi rivolgendosi al punto informativo al primo piano della Biblioteca Delfini o chiamando il numero 059 2032940.