A proposito di libri

biblioteca, incontri con l'autoreNei libri si raccontano storie che spesso ci spiegano la vita. Da lettrice mi sono ritrovata a considerare la mia attività come ad un viaggio, attraverso le parole di altri autori posso attraversare tutte le sfumature dell’anima. Leggendo di quello che succede al altri, anche se personaggi di fantasia, posso capire come comportarmi o riesco a spiegarmi cose che diversamente avrei difficoltà a decifrare.
Se anche per voi un libro non è solo un passatempo, ma è qualcosa di più, consiglio gli appuntamenti alla Biblioteca Crocetta A proposito di libri: tre appuntamenti distribuiti fra il 25 gennaio il 22 marzo 2013.
In compagnia di Fabiano Massimi per leggere insieme il meglio della letteratura, e avere una guida nella lettura di testi letterari noti e curiosi.
Fabiano Massimi, oltre a lavorare per le Biblioteche del Comune di Modena, ha curato antologie, tradotto romanzi e scritto testi per diverse case editrici, nessuna delle quali è “fallita di conseguenza”.
Il programma degli incontri prevede venerdì 25 gennaio “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore”, venerdì 22 febbraio “Novelle da un minuto”, venerdì 22 marzo “Fine di una storia”.
Tutti gli appuntamenti sono alle 15.30. Non è richiesta prenotazione.biblioteca, incontri con l'autore

La lettura può essere anche elemento terapeutico per il recupero e la prevenzione, un “alimento” per la mente, può suscitare piacevoli memorie; il proporla in ospedale può essere occasione per rinnovare o scoprire il piacere della lettura, un interesse a volte dimenticato a causa degli impegni quotidiani.
Per questo è nata Teodora: un servizio delle Biblioteche Comunali gestito in collaborazione con volontari dell’Associazione Il Segnalibro all’interno del reparto di pediatria del Policlinico di Modena.
Dispone di 1.350 libri per bambini e per le mamme e i papà e di 3 riviste in abbonamento.
E’ a disposizione dei bambini ricoverati, dei loro genitori, degli amici e dei parenti in visita.
Ora la biblioteca sta cercando volontari, persone che possano dare la propria disponibilità a coprire almeno un turno di apertura a settimana, e per un tempo ragionevolmente lungo di almeno un anno. Ad ogni turno sono assegnati due volontari con impegno di sostituzione reciproca in caso di assenza. Questo per assicurare comunque l’apertura della biblioteca e, con la presenza di entrambi i volontari, anche il servizio nelle stanze, dove i volontari possono fermarsi a leggere ai bambini che lo desiderano.
Per maggiori info, per contattare lo staff e aderire all’iniziativa scrivete a rina.goldoni@comune.modena.it

Scrittore o poeta?

concorsi letterari,scrittori,scrittori a modena,biblioteca,biblioteca delfini,biblioteca di modenaScrivere: che passione. E quante pagine scritte e poi dimenticate, che non avranno mai nemmeno un lettore semplicemente perché è così difficile farsi conoscere. Non dico pubblicare vivendo di scrittura, ma anche solo pubblicare per far conoscere le storie che coviamo dentro e che trovano posto su pezzi di carta sparsi, o organizzati in stupendi quaderni, o peggio, in decine di file che al primo problema del pc spariscono insieme al backup mai fatto.
Per questo vi segnalo un paio di concorsi letterari, tirate fuori i vostri racconti e le vostre poesie.
Per partecipare al concorso letterario L.A. Muratori, organizzato dal Rotary di Modena, e patrocinato dall’Assessorato alla Cultura di Modena, avete solo pochi giorni.
Scade infatti il 14/01/2013 il premio per giovani autori under 35,  che si propone di documentare la creatività scritta e il lavoro culturale di giovani narratori esordienti o ancora poco noti, valorizzando in particolare il genere del racconto.
Il Premio è aperto a tutti i cittadini residenti nel territorio italiano che al 31 gennaio 2013 non abbiano ancora compiuto il trentacinquesimo anno d’età. É richiesto l’invio di un testo in lingua italiana, inedito di massimo ventimila battute, spazi inclusi.concorsi letterari,scrittori,scrittori a modena,biblioteca,biblioteca delfini,biblioteca di modena
Una Giuria designata dal Rotary Club Modena L.A. Muratori e presieduta dal dott.Giuseppe Pederiali valuterà i testi che ci saranno inviati individuando i dieci racconti migliori e, fra questi, un’opera vincitrice. I racconti selezionati saranno raccolti in una pubblicazione che sarà prodotta in collaborazione con la casa editrice Mobydick, mentre per il vincitore il premio consiste in un buono per l’acquisto di libri del valore di 500 euro. (visitate il sito premioletterariomuratori.it)

Per gli aspiranti poeti segnalo invece il premio di poesia A.Delfini 2013. Appena finiti i festeggiamenti per il ventennale della biblioteca, durati ben 12 mesi, e a cinquant’anni dalla morte di Antonio Delfini, il premio di poesia che porta il suo nome si rinnova nella formula e scommette sui giovani. Verranno selezionati cinque poeti under 35, con una modalità del tutto innovativa. Sabato 23 febbraio 2013, a partire dalle 18.30 nella Sala Grande della Galleria Civica (Corso Canalgrande 103), i poeti in concorso leggeranno i loro testi ad alta voce. Dopo una breve pausa (con rinfresco), la giuria proclama il vincitore.
Anche la composizione della giuria è una novità: lettori, studenti, appassionati sostituiscono i tradizionali ‘esperti’. La Biblioteca Delfini ha il compito di individuarli (circa 40 persone complessivamente, di diversa età e formazione), attingendo al patrimonio di relazioni e collaborazioni costruito nel tempo: scuole superiori, gruppi di lettura e di scrittura, semplici lettori.
Per maggiori informazioni tel. 059.2032940

Fantastorie

scrittori,biblioteca,biblioteca delfini,biblioteca comunale,corso di scrittura,fantasy,tolkienScrivere é un talento naturale, una di quelle capacità che abbiamo scritte nel DNA. Ma come tutte le nostre capacità innate, oltre a saperle individuare, é possibile imparare tecniche e trucchi che trasformano pensieri sparsi in un racconto.

Se poi sognate di fate ed elfi, orchi e maghi, guerrieri e nani, avrete l’occasione per scrivere del vostro mondo parallelo. A partire dal 15 ottobre, alla biblioteca Delfini si aprono le iscrizioni a Fantastorie, un laboratorio di scrittura fantasy, in compagnia di Cecilia Randall, insegnante per l’occasione .

Dal suo blog: Sono nata a Modena e cresciuta a “pane, libri e fumetti”. Adoro i romanzi e il cinema d’avventura in tutte le accezioni possibili, dal fantasy al mystery e alla fantascienza. Allo stesso modo, amo i fumetti e i cartoni animati, l’Archeologia, la Storia e i giochi di ruolo. Non viaggio mai senza avere con me il necessario per disegnare e quando mi trovo in una città nuova (in qualsiasi parte del mondo), la prima cosa che cerco è la libreria più vicina.

Cecilia Randall, lavora come grafica, web designer e illustratrice. Con Giunti ha pubblicato la trilogia di Hyperversum e nel 2010 ha pubblicato per Mondadori Gens Arcana. Un’ottima premessa.scrittori,biblioteca,biblioteca delfini,biblioteca comunale,corso di scrittura,fantasy,tolkien

L’iscrizione, gratuita, è riservata ai ragazzi tra i 15 e i 25 anni. Il corso, della durata di 4 incontri, si terrà tutti i giovedì di novembre (8/15/22/29), dalle 18 alle 20, e può essere effettuata telefonicamente (tel. 059.2032940) o direttamente presso la portineria della biblioteca (Corso Canalgrande 103) o sul sito web delle Biblioteche Comunali compilando il seguente form:

comune.modena.it/biblioteche/fantastorie/

I racconti prodotti dai partecipanti verranno pubblicati sul sito delle biblioteche e nei formati digitali più diffusi.

Nell’attesa di scrivere la vostra storia, potete leggere qualcosa su Cecilia Randal www.ceciliarandall.it e contatto twitter.com/cecilia_rnd


Media Library on Line: cos’è e come si usa

biblioteca,biblioteca comunale,biblioteca di modena,biblioteca delfini,media library on line,e-book,e-reader,tabletIl 22 maggio 2012 le biblioteche della città di Modena, e anche quelle della provincia, hanno attivato il servizio Media Library on Line.
Cos’è quello che viene semplicemente definito MLOL?
MediaLibraryOnLine (medialibrary.it) è il primo network italiano di biblioteche pubbliche per la condivisione di contenuti digitali. Attiva dal 2009, la piattaforma MLOL offre un servizio di “prestito digitale” alle biblioteche che possono così aprire un servizio gratuito di accesso remoto via Internet per i propri utenti. Su MLOL gli utenti delle biblioteche accedono con una username e una password e possono consultare gratuitamente risorse multimediali di ogni tipo: ebook (in streaming e in download), audiolibri (in streaming e in download), quotidiani e periodici, musica (in streaming e in download), oggetti di e-learning, gallerie iconografiche.
Per accedere al servizio basta essere iscritti ad una qualsiasi biblioteca modenese. Una volta iscritti viene rilasciata una username ed una password con cui collegarsi al sito del MLOL ed accedere al catalogo. Ovviamente bisogna disporre di un computer o di un tablet, un e-book reader o almeno uno smartphone, con cui collegarsi al sito http://modena.medialibrary.it.
Per imparare ad utilizzare il sistema dal 23 maggio si sono aperte le iscrizioni al corso di formazione gratuito, diviso in tre moduli.
Il modulo 1 “Il tuo OPAC – il catalogo questo sconosciuto” spiega come usare tutte le opportunità offerte dal catalogo delle biblioteche, anche attraverso la pagina personale.
Il modulo 2 “Media Library on line – a casa come in biblioteca” offre una panoramica della piattaforma web che permette di leggere quotidiani, vedere video, film, foto e documentari, ascoltare musicaeaudiolibri.
Il modulo 3 “Lettori digitali si diventa: e-book ed e-book reader” illustra le potenzialità della nuova modalità di lettura.
I corsi si svolgeranno fra il 12 e il 28 giugno 2012, con inizio alle 10, alle 14 e alle 17.30, e si prevedono 3 repliche del medesimo corso in orari differenti.
Requisiti essenziali per partecipare: essere iscritti ad una qualsiasi delle biblioteche ed avere una casella di posta elettronica.
Informazioni e iscrizioni: Portineria Palazzo S. Margherita (Corso Canalgrande 103) – Tel. 059.2032940.


 

LIBRIAMOdena

buk,libri a modena,libriamo,biblioteca,biblioteca comunale,biblioteca di modenaSe questo fine settimana siete disperati perché non riuscirete ad essere al Salone di Torino, vi potete consolare con LIRIAMOdena, la manifestazione che trasforma Piazza Grande in una libreria a cielo aperto, arrivata quest’anno alla 13ma edizione.
Sabato 12 e Domenica 13 maggio, dalle otto del mattino fino alle nove di sera le piccole case editrici nate nel nostro territorio, affiancate da associazioni operanti nella provincia di Modena che, nell’ambito della propria attività culturale, producono libri, riviste e pubblicazioni in genere.
Oltre a poter girare liberamente fra le bancarelle sfogliando libri e conoscendo gli editori, si potranno incontrare gli autori attraverso le presentazioni dei loro libri, organizzate durante tutta la durata della manifestazione.
Per le edizioni Il Fiorino sabato alle 10.30, Piero Malagoli apre la manifestazione presentando il suo romanzo “1977”, i ricordi di un’estate di trent’anni fa nella quale una serie di eventi cambiano il corso della vita del protagonista e di un gruppo di amici.
Sempre per le edizioni Il Fiorino alle 11.20 Raffaello Pedrazzi presenta la sua “Breve storia della crisi economica”, alle 15.30 Ugo Beneventi parlerà del suo “Chiesa e popolo di Dio”, alle 16,20 arrivano le poesie di Elio Caterina.
Di diverso taglio le proposte di Damster Edizioni, che alle ore 18,00 presenta il volume “Voglio un racconto spericolato”: ventisei racconti liberamente ispirati alle canzoni di Vasco Rossi. Alle 18.50 si cambia genere, e si parla di racconti erotici insieme ad Alemar che presenta “I sensi di Guen”.
Alle 12 si svolgerà anche la premiazione del concorso letterario “Racconti Fuoriclasse”: l’Associazione editori Modenesi premia e pubblica in volume i racconti scritti e selezionati dai ragazzi delle scuole superiori “Cavazzi-Sorbelli” di Pavullo e “Fermo Corni”, “Carlo Sigonio” e “Adolfo Venturi” di Modena.
Le presentazioni di Domenica 13 le trovate sul sito dedicato alla manifestazione libriamodena.it
Buona lettura.

 

Maschile e femminile in letteratura

women-reading.jpgNella prima puntata della terza serie di Lost si vede un gruppo di persone a casa di Juliet riunite per un gruppo di lettura. Il romanzo che Juliet ha scelto per il “Club del libro” è Carrie di Stephen King. Dice che questo libro è in assoluto il suo preferito, mentre un altro membro del Club lo definisce spazzatura e non si stupisce che a Ben non sia piaciuto, nonostante legge il libro per prepararsi alla discussione nel gruppo di lettura lo definisce deprimente.
In questa scena è racchiuso il senso di un gruppo di lettura: un gruppo di persone che si ritrovano per parlare e discutere insieme di ciò che hanno letto, per scoprire punti di vista diversi, per mettere in comune difficoltà nell’affrontare un particolare autore, e tornare a casa con una visione più ampia delle tematiche affrontate nel libro scelto.reading-is-cool.jpg
Non è necessario schiantarsi su un’isola deserta per poter sperimentare la lettura condivisa, sono aperte le iscrizioni alla stagione 2011-2012 del gruppo di lettura “Uomo e donna li creò” condotto da Elena Bellei. “Lei e Lui si cercano da quando il mondo è nato, ma c’è sempre qualche malinteso tra loro. è sempre lei la tentatrice? Il peccato originale in questo non ha niente di originale. E la storia dell’invidia? è lei che invidia lui per quello che non ha, o è piuttosto lui che invidia lei perché sa fare tutto e in più sa fare bambini? C’era una canzone che diceva “tutti gli uomini sono bugiardi, bevono, giocano e tornano tardi”. Non è vero neanche questo. Molti si addormentano prestissimo. Insomma meglio guardarci dentro. I libri, magari, possono aiutare.”
7 incontri, 7 libri sul tema “maschile e femminile in letteratura”, da leggere a casa per poi commentarli insieme in incontri a cadenza mensile. La partecipazione è libera, obbligatoria  l’iscrizione fino ad esaurimento posti (il gruppo è aperto ad un massimo 25 persone).
Il primo incontro è previsto per sabato 12 novembre dalle 10 alle 12 sul libro di Michela Marzano “Sii bella e stai zitta” (ed. Mondadori).
Per il programma completo www.comune.modena.it/biblioteche.
Buona lettura!

Una volta al mese lascio questo blog a disposizione di chi vuole raccontare qualche angolo nascosto di Modena, o commentare quello che succede nella nostra città. Scrivetemi a vmodenablog@virgilio.it e potreste essere la prossima (ma anche il prossimo) guest-blogger.

 

 

Passa la parola

passa_la_parola.jpgLeggere è il cibo della mente, e a leggere si impara da bambini. Leggere è uno dei miei passatempi preferiti, ho iniziato a leggere prestissimo, interi pomeriggi passati a visitare paesi lontani, vivendo avventure fantastiche, e tutto al sicuro, protetta fra le pareti della biblioteca di paese.
Leggere sviluppa il pensiero critico, e sviluppa la creatività. E a Modena questo fine settimana è dedicato ai bambini e alla lettura: da venerdì 23 a domenica 25 settembre in Piazza Torre si svolge la prima edizione di “Passa la parola”, il Festival della lettura per ragazzi.
Una tre giorni di letture animate coinvolgenti, laboratori per bambini e incontri d’eccezione con alcuni tra i più noti scrittori e poeti italiani della letteratura per i più giovani, tutti ad ingressi gratuito.
Venerdì 23 settembre dalle 9.30 un incontro dedicato agli studenti delle classi quarte e quinte della scuola primaria: Luigi Garlando, scrittore e firma della Gazzetta dello Sport, presenta il suo libro “Da grande farò il calciatore” e la collana “Gol”. Alle 17.30 è in programma la lettura animata di Valentino Infuso: due attori narrano e interpretano fiabe e racconti popolari provenienti da tutto il mondo.
Sabato 24 settembre, alle 9.30 ad incontrare le classi della scuola secondaria di primo grado sarà invece lo scrittore Andrea Valente che presenterà ai ragazzi modenesi i suoi libri “Pazza Italia” e “Cervelloni d’Italia”, racconto delle imprese di 80 italiani che tra il 1861 e il 1961 hanno realizzato qualcosa di speciale con le loro piccole e grandi imprese, e alle 16.30 aprirà il pomeriggio coinvolgendo i partecipanti in un viaggio fantastico alla scoperta di un’Italia popolata da cervelloni, ficcanaso, astronauti, navigatori, scrittori e sognatori con le letture pazze e strampalate tratte dal suo libro “Pazza Italia”. Si continuerà, alle 17.30, con le letture poetiche per i più piccoli da parte di Roberto Piumini, famoso scrittore, e Alessandro Riccioni, che presenterà in anteprima il suo libro di poesie.
La rassegna prosegue domenica 25 settembre per un’intera giornata carica di appuntamenti ed emozioni. Si parte la mattina, alle 10.30, con una lettura animata su storie di animali spaventosi da parte di Sara Tarabusi, attrice, operatrice teatrale e libraia presso la libreria per ragazzi di Vignola “Castello di Carta”. Si prosegue, alle 11.30, con la presentazione da parte delle scrittrici Ludovica Cima e Beatrice Masini di una collana per ragazzi appena creata: “Il cantiere delle parole. Scrittori al lavoro per lettori bambini”. Si tratta di cinque storie per bambini create immaginando un cantiere di parole magiche con storie da catturare, per sognare, emozionarsi, riconoscersi, divertirsi e crescere.
Nel pomeriggio, alle 16.30, sarà il turno di Fabian Negrin, illustratore di origine argentina, ora tra i più importanti attivi in Italia, che presenterà l’ultima opera “Chiamatemi Sandokan!”. Un omaggio a Emilio Salgari a cent’anni dalla sua morte, una scoperta del mondo descritto all’interno delle avventure di Sandokan da parte di due bambini curiosi.
Chiuderanno il festival, alle 17.30, le rime e le filastrocche di Bruno Tognolini, poeta, scrittore, giornalista, sceneggiatore e saggista, vincitore del Premio Speciale della Giuria del Premio Andersen 2011 con la raccolta di versi “Rime di Rabbia”, per la sua scintillante capacità di inventare e incantare, per la gioiosa e giocosa ricchezza del linguaggio poetico, per l’intenso tono sdegnato e accorato delle poesie che si caratterizzano anche per il forte impegno civile.
Il programma completo lo trovate sul sito www.passalaparola.it/.
E buona lettura a tutti.

Racconti e poesie migranti

2010luoghigemelli.jpgMartedì 21 dicembre alle 18.30 si inaugura nella sala conferenze della Biblioteca Delfini (corso Canalgrande 103) la nuova edizione della rassegna “Racconti e poesie migranti”.
Sono storie che vengono raccontate attraverso la narrazione a più voci, che martedì saranno quelle di Magda Siti e Gerardo Guccini.
Il tema proposto è quello dei “luoghi gemelli”, i luoghi in cui si arriva per la prima volta ma si sente di esserci già vissuti. Ci racconteranno di quei luoghi in cui arriviamo stranieri e viviamo da cittadini, in cui riusciamo a sentirci “a casa” nonostante siamo lontani migliaia di chilometri dal nostro luogo natio.
Ma chi sono i due “narratori” che ci accompagneranno in questo viaggio fatto di strade e nostalgia?
Magda Siti, attrice, ha lavorato con il Teatro San Geminiano, il Teatro imprevisto, la cooperativa Il Ponte e il Csrt di Pontedera. Tra i suoi spettacoli: Exproff (1998), Humana Fiction (2000), La notte racconta (2003), La festa è finita (2004), Idioti illuminanti (2007) con la regia di Stefano Vercelli. Conduce laboratori teatrali per adulti e ragazzi e ha ideato la rassegna “I luoghi dell’imparare” (2009-2011). Dal 1999, su invito di Emilia Romagna Teatro e Biblioteca Delfini, conduce Parabole. Incrociare gli sguardi, intrecciare le storie, un laboratorio per adulti dove insegna ad animare con la voce e con il corpo anche le piccole storie di tutti i giorni.
Gerardo Guccini insegna Storia del teatro e dello spettacolo al Dams di Bologna. I suoi interessi di ricerca spaziano dalla storia all’antropologia teatrale, dal teatro musicale alla narrazione. Dirige il semestrale “Prove di drammaturgia”. Il suo interesse per la narrazione è documentato, tra l’altro, dal libro di cui è curatore La bottega dei narratori. Storie, laboratori e metodi di: Marco Baliani, Ascanio Celestini, Laura Curino, Marco Paolini, Gabriele Vacis (2005), che comprende, oltre a cinque testi narrativi inediti dei maggiori interpreti del teatro di narrazione, documenti sui laboratori di narrazione da loro condotti.
Buona lettura.

Libro vecchio fa…buon lettore!

vecchi_libri.jpgI libri non dovrebbero mai essere buttati via. Li conservo tutti, anche quelli che non mi è piaciuto leggere. Li tratto come oggetti di valore, e non me ne separo mai, e dopo qualche tentativo ho anche smesso di prestarli. Nonostante promesse e rassicurazioni i libri prestati non sono mai tornati indietro, e credo proprio di sentirne ancora la mancanza.
Quando ne inizio a leggere uno, annoto subito in alto a sinistra nella pagina con il titolo luogo in cui mi trovo, e data in cui lo inizio a leggere. E durante la lettura sottolineo i passaggi che mi hanno colpita, appunto spunti di riflessioni che poi approfondisco, o annoto giudizi di stile. L’ho sempre fatto. Sembra quasi di instaurare un colloquio con lo scrittore, e quando lo ripongo nella libreria so che quando mi ricapiterà fra le mani non solo potrò trovare le frasi che mi sono piaciute di più, o le citazioni migliori, ma fra quelle parole sottolineate e quelle appuntate a margine capire anche chi ero.
Eppure capita che a volte bisogna fare delle scelte. E svuotare una cantina o un solaio da troppi libri accumulati che non si sa dove mettere.
A Modena la biblioteca Delfini – e tutte le altre presenti in città – sarà felice di accettare donazioni di libri, CD musicali e film su DVD, purchè in buono stato.
Libri di più recente edizione donati alla collettività possono sostituire copie usurate oppure essere venduti in Bancarella. I punti Bancarella
sono dei punti vendita all’interno della biblioteca Delfini, Villaggio Giardino, Crocetta e Rotonda dove libri e riviste posseduti in più copie, invecchiati o destinati al macero, si trovano in vendita a prezzo d’occasione. Si tratta di tutti quei testi che la biblioteca elimina dopo controlli accurati e in coerenza con le sue politiche di acquisto (es. testi sostituiti con edizioni più aggiornate o comunque reperibili in altre biblioteche cittadine). Il ricavato sarà destinato all’acquisto di nuovi libri.
Per info più dettagliate rivolgiti alla biblioteca a te più vicina.

Io sarò fra quelli che comprano però, che i miei libri non potrei mai e poi mai darli via.

Alla Biblioteca Delfini un Gruppo di Lettura

gruppodilettura.jpgIl tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere. (Daniel Pennac).

Il 30 ottobre (e mi dispiace segnalarlo solo ora) è nato un gruppo di lettura alla biblioteca Delfini. I gruppi di lettura sono quei posti in cui la pratica del leggere in modalità silenziosa e solitaria trova il suo compimento nel confronto con altri lettori, e lo stesso libro scritto dallo stesso autore si ritrova ad essere discusso, scoprendo spesso diversi punti di interpretazione e chiavi di lettura nuovi a cui magari non si era pensato.
Un libro, un film. Sette incontri tra lettori per conoscere libri che sono diventati film, questo il titolo che dà forma agli incontri del gruppo di lettura, che si riunisce una volta al mese (da ottobre ad aprile), il giovedì alle ore 17.30, nella sala conferenze della Biblioteca Delfini.
“C’è chi sostiene che la lettura sia pratica solitaria, condizione di dialogo intimista, piacere terapeutico, che frutta conseguenze più o meno percettibili sulla nostra coscienza. E c’è chi, al contrario, avverte l’incontenibile esigenza di trasformare la lettura in rito collettivo e fare partecipi gli altri della gioia che regala questa attività.
Abbiamo deciso di scegliere l’una e l’altra possibilità. Un libro al mese (da leggere in solitudine, sul divano, sotto un’ombra, in treno). E un incontro per parlarne insieme (in biblioteca, alla Delfini).”

Queste la parole della promotrice e  “conduttrice” del gruppo Elena Bellei, giornalista, si occupa di progetti di pari opportunità e di comunicazione interculturale. Autrice di racconti e testi teatrali, collabora con l’Istituto di Ricerca Centro Documentazione Donna di Modena.
Nel frattempo il gruppo ha creato un proprio blog, uno spazio on line su cui è possibile commentare i resoconti degli incontri mensili, consultare il calendario degli appuntamenti e avere sott’occhio la situazione di altri gruppi di lettura in Italia.
Il prossimo incontro si terrà il 26 novembre alle 17.15, il libro di cui si parlerà è “L’amore Molesto” di Elena Ferrante.

Ho notato la mancanza della annotazione della modalità di partecipazione al gruppo, ma credo sia sufficiente informarsi direttamente presso la biblioteca.