Il terremoto, il Parmigiano e la solidarietà

terremoti racconto,terremoto,la cappelletta,parmigiano reggiano,arci,arci modenaIl 23 maggio riprendo [come tanti] sulla pagina di facebook del Blog di Modena un appello lasciato in rete, uno dei tanti, dopo il terremoto. Ma questo ha qualcosa di speciale, già dall’incipit:
“Salve a tutti, qui siamo vivi e vogliamo andare avanti…..
Chiediamo a tutti non una mano, ma l’opportunità di rialzarci con il nostro lavoro…..”
L’ha scritto un produttore di Parmigiano reggiano della bassa modenese duramente colpito dal sisma. Racconta che ha necessità di vendere le forme di formaggio per liberare quelli che una volta erano gli scaffali di stagionature, e che ora sono una scatola di lego: a pezzi.
Si scatena la solidarietà, arrivano messaggi da tutta Italia, tutti che vogliono comprare questo formaggio…ma pochi ci riescono. Almeno nell’immediato.
Solo dal 20 giugno il Caseificio Sociale La Cappelletta ha riavuto accesso al Parmigiano e, viste le numerose richieste, Arci Modena ha deciso di distribuire parte del formaggio presso la propria sede in via IV Novembre 40/L, senza nessuna prenotazione via mail o telefonica.
Martedì 17 e 24 luglio, a partire dalle 14.30, saranno disponibili 450 pezzi da un kg già sottovuoto fino ad esaurimento.
Non sarà permesso di comprare più di 5 Kg di formaggio per volta per riuscire ad andare incontro alle tante persone che attendono con spirito di solidarietà di concorrere con il proprio acquisto alla ripresa delle aziende. Le vendite saranno sospese per il mese di agosto e per sapere se riprenderanno nel mese di settembre, basterà tenere d’occhio il sito www.arcimodena.org. L’iniziativa darà anche la possibilità di raccogliere fondi per i circoli distrutti dal sisma.
Chi fosse interessato ad acquistare grandi quantitativi direttamente dal Caseificio sociale può trovare tutte le informazioni utili su www.lacappelletta.it, iscriversi al sito ed aspettare che la cooperativa contatti per la data e le modalità di ritiro. Attenzione però: La Cappelletta non riesce ad effettuare spedizioni.

 

Scambio teatrale Italia-Serbia

teatro.jpgQuesta settimana segnalo un concorso promosso dall’Ufficio Cooperazione e Solidarietà Internazionale del Comune di Modena in collaborazione con Arci, Teatro dei Venti e Voice Off: un progetto di scambio teatrale che si svolgerà tra Italia e Serbia.
Il progetto prevede una prima settimana di laboratori a Modena, uno di teatro e uno di video, prevista dal 14 al 20 Novembre 2011, in cui i partecipanti saranno impegnati mattino e pomeriggio nei due diversi workshops. In questa prima fase i giovani che seguiranno il laboratorio teatrale lavoreranno anche insieme a gruppi di persone con forti disagi sociali e/o psichici (detenuti, persone affette da disagi psichici, ecc…).
In un secondo tempo è previsto un incontro a Modena della durata di 10 giorni dal 2 all’11 Dicembre 2011 tra i giovani italiani e i giovani serbi che intanto hanno vissuto la medesima esperienza formativa  nel loro Paese. In questa seconda fase i giovani italiani e i giovani serbi saranno chiamati a scambiarsi le diverse esperienza vissute riflettendo, in questo modo, sul significato di diversità. Inoltre, potranno conoscere più da vicino la realtà territoriale modenese attraverso incontri con la cittadinanza e scambi con diverse associazioni giovanili e realtà che lavorano in situazioni di disagio.
Possono fare domanda di partecipazione al progetto tutti i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 24 anni con una minima esperienza in ambito artistico (teatro, musica, danza, video) e che mostrino forte interesse, sensibilità e predisposizione ad agire ed interagire in situazioni e luoghi di disagio.
Ad ogni candidato è richiesta una Lettera di Motivazione da inviare, utilizzando il modello che trovate sul sito http://www.modenacooperazione.it entro il 30 luglio 2011, all’indirizzo email  cooperazione.sviluppo@comune.modena.it.