Fine settimana ai Giardini Ducali

festival2011.jpgQuesto fine settimana a Modena saranno protagonisti i Giardini Ducali.
Stasera 8 luglio tornano gli artisti di Ant Work, gli artisti che hanno scelto la formica piccola e laboriosa come loro simbolo. Animeranno la serata con “Pop dreams, arrendersi ai sogni”: una produzione originale, a ingresso gratuito, fra sonorità intimiste e una articolata scenografia tridimensionale. La serata è in collaborazione con l’Handmade Festival (Centro della scena musicale indie nazionale) e propone diversi live act che trasformeranno un’area dei Giardini in un set futurista grazie all’interazione con videomaker e designer.
Protagonisti per la musica i gruppi “Welcome back saylors”, “Crimea X” e “Husband”; per le parti video e visive “Fuse Creative Lab”; per il design Gualtiero Sacchi.antwork.jpg
Sabato 9 luglio stessa location per una serata dedicata al cabaret. Dalle 21.30 il “Festival Cabaret Emergente in tour” presentato da Riccardo Benini, ideatore e patron del Festival, prevede le esibizioni di cinque artisti. Davide Giovannetti, vincitore assoluto Festival Cabaret Emergente 2011 e Premio Sponsor Cesenate con una esilarante caratterizzazione dell’arzilla nonnetta romagnola, “Nonna Cesira”. La Piga e La Sonix, da settembre 2008 fanno parte dei laboratori ufficiali di Zelig. Emiliano che racconta la vita quotidiana attraverso i suoi esilaranti monologhi, in dialetto napoletano. Gian Piero Sterpi, vincitore del Festival Cabaret Emergente nel 2007.
Ospite della serata, la cantante Selene Lungarella, reduce dal successo de La Notte Rosa di Lido di Volano e che recentemente si è aggiudicata il Premio Canzone Italiana a San Pellegrino Terme.
Tutto ad ingresso gratuito.

 

 

Concorso per la realizzazione di produzioni in rete

antwork.jpgHanno scelto come immagine la formica: piccola, laboriosa, capace di grandi sforzi, organizzata, rossa e nera, pacifica ma con la pinza, in grado di tracciare percorsi difficili. La formica non è un animale chiassoso o ingombrante, ciò nonostante è capace di silenziose invasioni. Il progetto si chiama Ant Work ed è dedicata a tutte le piccole formiche che operano nel mondo dell’arte visuale, della musica, della poesia, della comunicazione. Un progetto che attraversa e accomuna la città di Modena, Reggio Emilia e Parma. Obiettivo primario è quello di mettere in rete e dare spazio e visibilità alle numerose “giovani formiche” della ricerca contemporanea, offrendo loro l’opportunità di creare produzioni originali nei diversi linguaggi artistici e di stabilire relazioni fertili attivate dal confronto culturale.
In occasione della programmazione della prossima estate, le città di Modena, Reggio Emilia e Parma invitano tutti i giovani che operano, con obiettivi di impegno professionale nei settori delle arti visive, arti applicate, musica, performance, letteratura e immagini in movimento, a presentare il proprio lavoro oppure progetti inediti, da inserire nella programmazione estiva di ciascuna delle città.
I giovani artisti selezionati saranno coinvolti nella costruzione di produzioni originali e nella realizzazione di un insieme di proposte che spazieranno dalla performance multimediale allo spettacolo live, dal reading all’esposizione.
Per poter prendere parte al progetto e partecipare alle selezioni per le iniziative e le manifestazioni c’è tempo fino al 5 maggio per inviare o consegnare presso le sedi di Modena, Reggio o Parma la scheda di iscrizione, un curriculum vitae e la documentazione illustrante il proprio lavoro.
Per il regolamento completo cliccare qui.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Dal Concerto di Natale alla performance delle “Giovani Formiche”

natale 2.jpgE’ quasi fatta. Solo un altro paio di giorni e sarò libera di passeggiare sotto il portico dell’Accademia senza preoccuparmi di che ora è, che è tardi, che è ora di andare a dormire, che la sveglia suona presto e c’è da stare tutto il giorno in ufficio.
Da giovedì 23 dicembre sono libera. Libera alle 16 di andare ad ascoltare il Concerto Natalizio alla Chiesa San Biagio (Via del Carmine 4).
Il concerto spazierà da musiche che celebrano il Natale, con alcune composizioni di Don Marco Frisina e Don Gianmario Pagano, con tematiche che vanno dal capolavoro dantesco “La divina commedia” a “Marcellino pane e vino” di Sanchez Silva, fino ai Canti Gospel, dal Rev. Kirk Franklin a James Cleveland, da Andrea Crouch a Billy Withers. Cantano le voci di Lalo Cibelli, Cristina Montanari, Elisabetta Sacchetti e Sarita Savigni, accompagnati da chitarra e da basi musicali originali, gentilmente fornite da Mons. Frisina.
Aperitivo in uno dei tanti locali addobbati per Natale, un po’ per ripararmi dal freddo e soprattutto per schivare gli isterici del regalo all’ultimo minuto, che si incontrano (e scontrano) in Via Emilia, in crisi di fronte alle vetrine piene di tutto, ancora indecisi sul regalo da comprare.
Aspettare che faccia buio per riempirmi gli occhi con le luci degli alberi di Natale e aspettare nell’animata Piazza della Pomposa la performance di ANT-XMAS.antxmas.jpg
Del laboratorio ne avevo parlato questa estate in occasione di un’altra loro performance. Questa volta ai giovani artisti emiliani è stato chiesto di lavorare su una tematica estremamente classica e popolare quale è il Natale, per offrirne una rilettura libera e nuova, tanto nei contenuti quanto nella tecnica di realizzazione. 
Venti artisti, suddivisi in quattro collettivi e composti da  videomaker, soundmaker, illustratori, fotografi, fumettisti e scrittori stanno lavorando insieme per realizzare altrettante produzioni esclusive che verranno eseguite dal vivo e in contemporanea in tre città emiliane.  
Il 23 Dicembre si potrà ammirare la loro creazione a Modena dalle 19.00 alle 22.30 proprio in Piazza della Pomposa, dove le facciate dei palazzi storici si trasformeranno in esclusivi schermi en plein air che ospiteranno maxi proiezioni eseguite utilizzando tutte le tecniche più attuali, dal mapping delle strutture, all’interazione con il pubblico attraverso l’utilizzo del laser. Verranno così remixati in un ricchissimo gioco visivo testi, musiche, immagini, filmati, animazioni in 3D e tutto ciò che i tanti artisti coinvolti saranno in grado di realizzare.
Direi che come anteprima della vigilia di Natale non è male.