Teniamo botta

radiobruno,teniamobotta,radio bruno estate, parco ferrari, ferrari, modena,Modà, Francesco Renga, Paolo Belli,Noemi, Marco Mengoni, gli Stadio, Emma, Dolcenera, Zero Assoluto,  i Sonohra, Gemelli Diversi, Nomadi, Andrea Mingardi, i Finley, Matteo Becucci, Antonella  Lo Coco  L’avevo anticipato alla fine del post dedicato al Concerto per l’Emilia: martedì 3 luglio al Parco Ferrari organizzato da Radio Bruno, con la collaborazione del Comune di Modena, ci sarà un altro concerto il cui incasso sarà donato ai comuni della bassa modenese colpiti da terremoto. “Radio Bruno ha deciso di sospendere i previsti Radio Bruno Estate – spiega il presidente dell’emittente leader per ascolti in Emilia Romagna, Gianni Prandi – saremo a Cesenatico per la Notte Rosa il 6 luglio con lo spettacolo musicale che ci eravamo già impegnati a garantire, ma in questo contesto non abbiamo ritenuto opportuno andare avanti con eventi fini a se stessi”.
Per “Teniamo Botta” arriveranno a Modena per il concerto della solidarietà i Modà,   Francesco Renga, Paolo Belli (che al Concerto per l’Emilia ha raccontato la sua esperienza), Noemi, Marco Mengoni, gli Stadio, Emma, Dolcenera, Zero Assoluto,  i Sonohra, i Gemelli Diversi, i Nomadi, Andrea Mingardi, i Finley, Matteo Becucci, Antonella  Lo Coco solo per dirne alcuni.
L’ingresso al parco sarà a offerta libera, ma negli stand, garantendo una somma non inferiore ai 10 euro si potrà ricevere la T-Shirt “Teniamo botta!” che alcuni artisti si sono offerti di autografare per l’occasione.
Come è nata l’idea della maglietta “Teniamo botta” lo aveva raccontato uno degli autori Davide Lugli al sito TerreMOti racconto. Una bella storia di solidarietà e di speranza. Davide ci ha scritto che “la partecipazione della popolazione, informata dalla radio dell’esistenza del sito www.teniamobotta.com è stata incredibile e anche per noi, che di mestiere analizziamo dati e sviluppiamo soluzioni di e-commerce è stata un esperienza toccante monitorare statisticamente (in tempo reale) come tutti si siano stretti intorno a chi aveva bisogno di aiuto offrendo donazioni molto maggiori dei 10 € richiesti.”
Continuiamo così.