La pista della discordia

pattini ice.jpgL’anno scorso la polemica sulle luminarie natalizie, quest’anno il Natale, ancora lontano, crea nuovamente scompiglio e alimenta le polemiche in città.
La discordia quest’anno nasce dall’idea dell’assessore Daniele Sitta di allestire una pista di pattinaggio per il ghiaccio in Piazza Grande o in Piazza XX Settembre. Un tappeto di ghiaccio circondato da casette di legno con prodotti tipici, luminarie, alberi e renne.
Una idea per aumentare il numero di turisti e introiti commerciali in centro città nel periodo natalizio. Peccato che l’idea abbia scatenato le reazioni dell’opposizione: “Non vorremmo che ora il dibattito cittadino si concentrasse tutto sul se e dove fare la pista di pattinaggio. Non ce n’è davvero bisogno. Sarebbe una vera fortuna per la Giunta Pighi riuscire a distogliere l’attenzione dalla reale necessità di strutturare un piano organico per promuovere il centro storico con questa banale trovata” annuncia Leone, il consigliere regionale e comunale del PDL.
“L’idea può costituire una buona opportunità, dipende naturalmente da come viene declinata, se cioè decidiamo di confinarla all’interno del programma di Modenamoremio oppure di inserirla in un percorso sovracomunale in una logica di attrazione turistica di Modena” commenta Daniele Cavazza responsabile Turismo di Confesercenti.
Si lancia anche il sondaggio pista-si/pista-no sul Il Resto del Carlino on-line. E nei commenti all’articolo compaiono anche proposte alternative, come quella di allestire la pista per il pattinaggio sul ghiaccio in zona Parco Ferrari in modo da avere più opportunità di parcheggio.
Non riesco a comprendere tutta questa animosità, considerato che una pista sul ghiaccio è sempre stata allestita davanti l’Accademia nel periodo natalizio, zona centrale, leggermente spostata dal circuito dei negozi, ma comunque posizionata in centro storico.
La soluzione anche esteticamente migliore, a mio avviso, è quella della Piazza XX Settembre, che da quando non ospita più il mercato coperto è stata come una scoperta meravigliosa. E l’idea di allestire dei mercatini natalizi non ci farò assomigliare a Bressanone o Innsbruck, ma sicuramente renderà il nostro shopping natalizio più coinvolgente.

Palazzo Ducale a porte aperte

DSCF6120.JPGContinuano, nei mesi di Giugno e Luglio, le visite al Palazzo Ducale di Modena, attualmente sede dell’Accademia Militare.
Il Palazzo Ducale in origine era un castello, apparteneva agli Estensi, e serviva a controllare le vie di comunicazione con Ferrara, il Po e l’Adriatico. Fu però distrutto quando nel 1306 una rivolta popolare cacciò il signore d’Este. Solo nel 1340, con il ritorno degli Estensi, fu decisa la costruzione di una nuova roccaforte, che quando la famiglia fu cacciata da Ferrara nel 1598 ne fece la sua residenza ufficiale. Successivamente però il palazzo fu sede di governi, amministrazioni ed enti pubblici. Dal 1947 è sede dell’Accademia militare, quindi è una bella occasione poter avere l’accesso alle sale interne.
Il Palazzo Ducale così come lo conosciamo oggi è opera dell’Avanzini, che ha creato un illustre esempio di architettura civile settecentesca e uno dei più grandi palazzi barocchi d’Italia.
L’elegante facciata si presenta con tre piante di finestre affiancate, coronate da balaustre con statue. La parte centrale e quelle laterali sono sopraelevate. Il cortile d’onore, con elegante loggiato a due piani, è ritenuto un capolavoro dell’architettura barocca. Da qui si accede allo scalone d’onore, ornato da statue romane, che porta alle numerose sale della Residenza Estense. In particolare si segnalano: la Sala del Trono, il Salottino d’Oro, il Salone d’Onore e la sala dello Stringa.
Il percorso guidato inizia dal Cortile d’onore e prevede la visita del Museo dell’Accademia(ex appartamenti dei Duchi estensi) e delle sale dell’Appartamento di Stato.
La prenotazione è obbligatoria, e saranno accettate fino ad esaurimento dei posti disponibili (max 50 persone per gruppo). Il costo del biglietto è sempre di 7€ a persona escluso i bambini minori di 12 anni.
Il pagamento del biglietto dovrà essere fatto presso lo IAT , in Via Scudari n° 8/10 prima della visita, dopodiché il gruppo sarà accompagnato dalla guida direttamente da Via Scudari verso il Palazzo Ducale.
Avete l’occasione di vedere l’interno del Palazzo Ducale ancora domenica 27 Giugno, domenica 4, giovedì 8, venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 luglio.