Concerto per l’Emilia

concerto-per-lemilia.jpgIl 25 giugno tutta [quasi] l’Emilia Romagna che canta e che conta sarà allo stadio dall’Ara di Bologna per il Concerto per l’Emilia, organizzato con tanto di diretta su Rai1 per raccogliere fondi per le popolazioni colpite dal terremoto.
Un tutto-esaurito annunciato, considerato l’elenco di musicisti e cantanti che hanno aderito all’iniziativa. Paolo Belli, Ligabue, Laura Pausini, Francesco Guccini, Samuele Bersani, Modena City Ramblers con Cisco, Nek e poi Caterina Caselli, Luca Carboni, Andrea Griminelli, Cesare Cremonini, Andrea Mingardi, Stadio, Zucchero, Gianni Morandi, e sembra abbia aderito anche Raffaella Carrà. Insomma, sono tantissimi gli artisti che hanno risposto all’appello di Beppe Carletti dei Nomadi, e tutti a titolo gratuito. La serata sarà presentata da Fabrizio Frizzi, atteso un commosso omaggio a Lucio Dalla che, assicurano organizzatori, “sarebbe stato il primo a mettersi in gioco”.
Ma ormai non c’è evento che non sia organizzato ricordando che a pochi chilometri da Modena ci sono persone che hanno bisogno di aiuto.
Solo un paio di giorni per prenotare un posto alla cena di beneficenza di martedì 26 giugno che si terrà al Museo Casa Enzo Ferrari. “Ti voglio bene, Bassa!” è stata ideata dalla Fondazione Casa di Enzo Ferrari in collaborazione con l’associazione Rock no War ONLUS, per raccogliere fondi per la ricostruzione di una scuola dell’infanzia di Medolla.ti voglio bene bassa.jpg
Il menu della cena prevede diverse portate cucinate dagli chef del Consorzio con prodotti della nostra terra, l’Emilia. L’offerta minima per la prenotazione della cena, che comprende anche la visita al Museo ed un intrattenimento musicale del gruppo jazz Claudio Messori Quartet, è di 50 euro per gli adulti e 10 euro per i bambini. I bambini dalle ore 21.30 potranno anche partecipare al laboratorio “Teste pensanti, teste sognanti” ideato e offerto dalla Bottega di Merlino di Laura Scapinelli.
E tenetevi liberi per martedì 3 luglio: al Parco Ferrari, con la collaborazione di Radio Bruno, ci sarà un altro concerto il cui incasso sarà donato ai comuni della bassa modenese colpiti da terremoto. Qualche nome? I Modà, Francesco Renga, Paolo Belli, Noemi, Marco Mengoni, Stadio, Emma, Dolcenera, gli Zero Assoluto, i Sonohra.
Un altro grande momento di musica e solidarietà.



 

Mamma mia!

mammamiagruppo.jpgIeri sera ho assistito al mio primo musical. A chi piace il genere, non troverà nulla di strano nel passare il proprio sabato sera a teatro a vederne uno. Ma per me, che appena in qualsiasi film smettono di recitare, e iniziano a cantare e ballare viene l’orticaria, è stata una specie di esperimento socio-culturale. E ho dovuto ricredermi.
Sabato 26 marzo sono stata al Teatro Sociale di Finale Emilia a vedere la Compagnia delle Mo.Re. che hanno portato in scena un live tribute a “Mamma mia”, di cui recentemente è stato fatto anche un film con l’attrice Meryl Streep. Dimenticate i film in cui si canta e si balla, quella del musical teatrale è una esperienza avvolgente, come calarsi in un sogno da cui risvegliarsi dopo un paio di ore spettacolari.
La storia di “Mamma mia” è nota: La ventenne Sophie è in procinto di sposarsi con l’amato Sky ed ha un sogno: conoscere suo padre e farsi condurre all’altare nell’incantevole isola Greca di Kalokairi. Alla vigilia delle sue nozze con Sky ha scoperto il diario segreto ed i segreti del cuore della madre (Donna), una figlia dei fiori ieri, indipendente e piena di vita oggi che gestisce un piccolo hotel sul mare della Grecia. All’insaputa di Donna, Sophie invita a nozze i suoi potenziali padri: un uomo d’affari, un avventuriero e un banchiere impacciato. Scoperta molto presto la loro presenza sull’isola, Donna li invita “amabilmente” a rimettersi in mare ma niente andrà come previsto. Nel corso di 24 ore magiche e folli, i protagonisti vivranno nuovi amori e riscopriranno antichi sentimenti, nella cornice da sogno di un’isola che sembra offrire infinite possibilità il tutto al ritmo irresistibile ed incalzante dei più famosi brani degli ABBA, quali “Dancing Queen”, “S.O.S.”, “Money, Money, Money”, “Take a Chance on Me”, “Waterloo” e… “Mamma Mia”.dialogo.jpg
La live performance della compagnia delle Mo.Re., per la regia di Maicol Piccinini, incanta: per due ore i protagonisti recitano, cantano, ballano e tutto sulla musiche suonate dal vivo dalla “Mamma Mia Band”. Alla fine dello spettacolo, quando la Compagnia delle Mo.Re. ha riproposto alcuni brani cantati durante lo spettacolo (fra cui “Mamma mia” e “Dancing Queen”) il pubblico ha dimostrato il suo entusiasmo battendo le mani a ritmo di musica, in un crescendo di applausi.
Alla fine i ragazzi della Compagnia delle Mo.Re. mi hanno convinta, e non vedo l’ora di poter vedere il loro prossimo spettacolo.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.