Mutina Boica

parco ferrari,novi ark,mutina,museo civico,rievocazione storicaChe Modena sia una città antica lo testimoniano le prime notizie di insediamenti umani nell’area modenese che risalgono al Paleolitico (all’incirca 10.000 anni fa), ritrovamenti conservati presso il Museo Civico. Lo si deduce dal nome: Mutina, l’antico nome latino della città, sembra derivare da Mut, termine etrusco che stava ad indicare un piccolo rialzo del terreno. Altri studiosi fanno invece risalire l’origine del nome della città al termine celtico Mouden, dal significato molto simile a quello etrusco, che pure fa riferimento alla posizione della città ai piedi delle colline. Con le lezioni di storia la finisco qui.
Per chi invece le cose vuole viverle, invece che farsele raccontare, questo fine settimana, pioggia permettendo, da venerdì 7 settembre a domenica 9 settembre potrà assistere alla rievocazione storica fra il Novi Ark e Parco Ferrari.
Ricostruzioni di villaggi e accampamenti di legionari, ambienti e rituali, scene di vita quotidiana e militare, battaglie e ludi gladiatori, questi gli ingredienti di Mutina Boica l’appuntamento con la storia “dal vivo” delle antiche popolazioni che hanno abitato il territorio modenese.
Sarà ricostruita la vita di un insediamento di Galli Boi del III secolo a.C., tribù celtica che si insediò in queste terre sottomettendo gli Etruschi che le abitavano, saranno presenti anche un castrum romano che pose le basi della città di Mutina come noi la conosciamo, mentre per ciò che riguarda l’aspetto musicale saranno presenti artisti le cui influenze musicali comprendono sonorità celtiche irlandesi in molte delle loro sfumature come ad esempio il celtic rock.
Il programma completo, con orari e appuntamenti, lo trovate sulla pagina web del Comune di Modena www.comune.modena.it/mutina-boica, per informazioni sull’organizzazione www.aescranna.com.
E se vedete un gallo attraversarvi la strada, niente paura: non siete caduti in un buco spazio-temporale.

 

Mutina Boicaultima modifica: 2012-09-05T09:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento