Buona Pasqua e buon fine settimana

ferrari,museo ferrari,museo casa enzo ferrari,onda gialla,enzo ferrari,villa cavazza,museo civico,florarteUna cosa che diceva sempre mia nonna era “Palme asciutte, Pasqua bagnata”, e se non ricordo male la Domenica delle Palme ci ha regalato una bella giornata di sole. Se la saggezza dei nostri avi si concretizza, questo week-end di Pasqua meglio non mettersi in strada per raggiungere mete dove la pioggia rovinerà tutto.
E se rimanete a Modena anche per altri motivi, in occasione delle festività di Pasqua, il Museo Civico d’Arte (Largo Porta Sant’Agostino 337) propone una serie di visite guidate a tema dedicate alla mostra “Eroiche visioni. Storie di duchi e patrioti”. La mostra vuole valorizzare il patrimonio legato al Museo del Risorgimento di Modena, ricostruendo il clima che gravitava intorno alla corte dei due duchi austro-estensi Francesco IV e Francesco V, chiudendo idealmente le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia (rimane aperta fino al 3 giugno). Le sale del Museo ospitano anche il percorso tattile “Vietato non toccare”: sculture in pietra e terracotta, frammenti di ceramica, campioni di velluto e copie di strumenti musicali che si possono accarezzare con le mani. Dedicato ai non vedenti e ai bambini, in realtà può trasformarsi in una esperienza di contatto con l’arte interessante per chiunque.
Sabato 7, Domenica 8 e Lunedì 9 Aprile alle 11, alle 16 e alle 17 sarà possibile, gratuitamente, e senza prenotazione, visitare la mostra accompagnati da una guida.
Sarà aperto nei giorni di Pasqua e del lunedì dell’Angelo anche il Museo Casa Enzo Ferrari, dalle 9.30 alle 18. La mostra in corso è “Le origini del mito” e presenta le prime vetture con cui Enzo Ferrari iniziò la sua avventura nel mondo dell’automobilismo sportivo da pilota e costruttore.
Sabato 9 e lunedì 11 si potrà salire sulla Ghirlandina a soli 2 euro.

ferrari,museo ferrari,museo casa enzo ferrari,onda gialla,enzo ferrari,villa cavazza,museo civico,florarte

Se invece questo fine settimana ci regala del sole, e non si ha voglia di lunghe code o di posti turistici troppo affollati, si può fare un salto a Villa Cavazza a Bomporto.
Dal 7 al 9 aprile Florarte, la mostra mercato di fiori, piante rare ed insolite, idee per il giardino, oggetti d’arte, gioielli, dipinti, sculture ed arredi, invaderà il giardino della villa.
Lungo il percorso espositivo verranno allestiti stuzzicanti angoli per buongustai, con squisite torte al sapore di fiori, oli di produzione biologica, infusi, the, confetture e vini.
Durante la manifestazione sono previste lezioni di giardinaggio e cucina, incontri con esperti e laboratori creativi, e saranno allestite alcune mostre nelle diverse locazioni della villa.
Villa Cavazza, a Bomporto, una 15na di chilometri da Modena, è posta all’interno di un complesso architettonico denominato “Corte della Quadra”, composto da tre corpi: la villa centrale e due fabbricati laterali simmetrici, sormontati l’uno dalla torre dell’Orologio e l’altro dalla torre della Meridiana, che formano con le ali laterali ed i portici una corte chiusa. Fa parte di riviera costituita da 12 ville che si affacciano sulla riva sinistra del Panaro, fiume navigabile in epoca Estense e fino agli inizi del novecento.
Ottimo posto per una buon lunedì dell’Angelo.

 

Nonantola film festival [edizione 2012]

manifesto.jpgSe fra il 25 e il 29 aprile fate un salto a Nonantola, non stupitevi se vi sentirete come a Cinecittà (o a Hollywood). Per il sesto anno di seguito il Nonantola film festival torna ad invadere le strade, perché a differenza dei soliti concorsi, questo prevede che i film in concorso siano realizzati nei 4 giorni di gara.
Nato con lo scopo di pubblicizzare il territorio, le storie di Nonantola e i suoi personaggi, i partecipanti al concorso dovranno lavorare alla sceneggiatura, alla produzione e alla postproduzione di un cortometraggio di 4 minuti, nei 4 giorni di gara, seguendo la traccia che sarà resa nota solo all’inizio della sceneggiatura.
L’iscrizione è gratuita, come anche il workshop che si terrà sabato 14 aprile presso il Cinema Arcadia di Ravarino, dove in collaborazione con la troupe Freim00, verranno affrontati gli aspetti più importanti per affrontare meglio la gara, da suggerimenti per scrivere una buona sceneggiatura a tecniche di montaggio. [qui il programma completo del workshop].
Fra le cose importanti da sapere è che il cortometraggio dovrà contenere alcuni elementi obbligatori che verranno comunicati ad inizio gara e dovrà rispettare il genere assegnato per sorteggio durante la serata di inizio gara, e almeno una scena del cortometraggio dovrà essere ambientata a Nonantola in modo chiaramente riconoscibile.
I cortometraggi finalisti verranno proiettati durante la serata finale del festival che si terrà il 6 maggio presso la Sala Troisi a Nonantola.
Al miglior cortometraggio andrà un premio di 1000 euro, al secondo classificato un premio di 500 euro e al terzo classificato un premio di 250 euro. Sono previsti anche un premio assegnato dal pubblico ed uno assegnato dagli iscritti finalisti.
Sabato 12 maggio invece avranno spazio i cortometraggi non finalisti con la proiezione e l’incontro/dibattito con e fra le troupe partecipanti.
Anche se non vi interessa partecipare, vale la pena fare un salto a Nonantola. Chi l’ha detto che “qui non è Hollywood”? [cit.]

Premio Pinguino d’oro 2012

pinguinod'oro.jpgDue concorsi per giovani videomaker che verranno premiati con il Pinguino d’Oro [edizione 2012].
La sezione 120” è a tema libero. Per la realizzazione del micrometraggio dovrà essere utilizzato software Open Source, rilasciati sotto licenza Creative Commons, anche per l’eventuale commento musicale. I due minuti si intendono comprensivi di titoli di testa e di coda.
Per la sezione 300” invece si deve realizzare un videoclip a tema “La sicurezza negli ambienti di lavoro”. Anche in questo caso nei 5 minuti devono essere compresi i titoli di testa e quelli di coda, ma per permettere una più ampia partecipazione è possibile utilizzare qualsiasi tipo di software. In questo caso le sezioni in concorso sono due: una aperta a tutti e una riservata alle scuole.
Per tutti coloro che intendono partecipare al concorso “Ciak si…curo!” si terrano anche quattro incontri di formazione sulle tecniche di produzione video e sulle tematiche degli infortuni sul lavoro.
Gli incontri si dividono fra testimonianze di lavoratori e aziende sul tema degli infortuni sul lavoro, e tecniche di regia e ripresa, formati video, audio e codec di compressione e post produzione (video, audio e titoli).
Il primo si è tenuto il 30 marzo, gli altri il 20 aprile, l’11 maggio e il 1 giugno, tutti alle 15 presso la Sala Civica in via M.Curie 22/A.
A Modena non la smettiamo di cercare talenti e dargli l’opportunità di uscire allo scoperto.