Mettiamoci in gioco al Play

banner_home_ita_grey1.png“Mettetevi in gioco” questo l’imperativo della due giorni dedicata al gioco in (quasi) tutte le sue declinazioni. Il 26 e il 27 marzo nei padiglioni di ModenaFiere (via Virgilio) si terrà il Play, il Festival del gioco, la manifestazione tra le più seguite in Italia, unica nel suo genere per tipo di format, un’area coperta di oltre 15.000 metri quadrati fra giochi da tavolo, giochi di ruolo, giochi di carte collezionabili, giochi di miniature, giochi dal vivo, videogiochi, costumisti, Cosplayers e come sempre la più grande ludoteca libera italiana, con centinaia di giochi da provare gratuitamente, lasciandosi andare al divertimento e alla voglia di conoscere altri appassionati con cui condividere un modo rilassante e coinvolgente per trascorrere parte del proprio tempo libero.
Si può scegliere fra i “Laser game” dove mettere alla prova i propri riflessi e la propria abilità tattica in entusiasmanti sfide tra singoli o squadre, andando all’assalto di “mortali” torrette di fuoco, disattivando portali energetici e conquistando le basi avversarie! Corpetti ultraleggeri in kevlar e pelle, sensori laser-sensibili e phaser, tutti forniti gratuitamente dall’organizzazione, sono tutto quel che serve per provare un’esperienza di gioco altamente adrenalinica e interattiva al 100%, oppure se siete dei nostalgici di “Cluedo” potete partecipare al primo “Social Murder Party”, che si svolgerà interrogando in prima persona i sospetti e i testimoni che si confondono tra il pubblico della fiera, raccogliendo gli indizi sparsi sul web e nei principali social network… e trovare il colpevole!
Personalmente ho già scelto il mio gioco: il Glocal Newsgaming BarCamp, incontro interattivo sul fare giornalismo, informazione e satira attraverso forme ludiche, organizzato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Bologna. Un incontro di dialogo aperto tra giornalisti, game designer, ricercatori, studenti e giocatori. Sarà un’occasione per esplorare i molti modi in cui il gioco, elettronico o tradizionale, può intrecciarsi con il mondo del giornalismo, della critica sociale e della memoria storica.
I partecipanti, seduti attorno a un tavolo in piccoli gruppi, potranno discutere tra loro; ogni trenta minuti i gruppi di discussione verranno riorganizzati, consentendo così di confrontarsi con un numero ampio di persone.
Ovviamente ci sono tantissime iniziative e per conoscerle tutte vi rimando al sito ufficiale del Play www.play-modena.it, dove è possibile scaricare anche il coupon per l’ingresso ridotto.
Vi ricordo inoltre, che oggi è possibile vincere l’ultimo ingresso gratuito, messo a disposizione grazie alla collaborazione di ModenaFiere e del Club TreEmme, con il gruppo delle Geek Girl di Modena. In questi giorni ne abbiamo già regalati 4 attraverso un gioco proposto su Twitter, entrando così nello spirito del festival. Noi saremo presenti all’interno dei padiglioni e i vincitori potranno cercarci per ritirare la nostra pins ufficiale GGDModena. Per sapere come partecipare www.girlgeekdinnersmodena.com.
E dopo un’intera giornata nei padiglioni del Play, sabato 26 marzo mi aspetta un’altra novità: sarò presente al live tribute “Mamma mia” che la compagnia teatrale delle Mo.Re. terrà a Finale Emilia al Teatro Sociale alle ore 21.00. Ma questa è una cosa che vi racconto lunedì. Per maggiori informazioni www.comunefinale.net.

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Mettiamoci in gioco al Playultima modifica: 2011-03-25T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento