E adesso tocca ai Jehtro Tull

JT poster medium def.JPG Sai cosa hanno di particolare i Jethro Tull? – chiede la piccola iena mentre torniamo a casa in macchina.
– I Jethro chi? – rispondo io.
– Possibile che di musica tu non conosca proprio nulla che vale la pena di conoscere? I Jethro Tull, un gruppo rock nato alla fine degli anni ’60. Hanno una particolarità che li rende diversi da tutti gli altri gruppi rock – tira fuori da chi sa dove informazioni, aneddoti e citazioni su cose e persone di cui io non ho mai sentito parlare.
– Non lo so – rispondo un po’ seccata, anche se dentro sono delusa dalle mie scarse conoscenze musicali.
– Guarda bene il manifesto del concerto – mi dice indicando il cartellone pubblicitario alle porte di Modena, sulla via Giardini, che annuncia per Sabato 17 Luglio in Piazza Grande alle ore 21 il concerto dei Jethro Tull.
– ??? – mi sforzo, ma proprio non colgo il suo suggerimento.
– E’ l’unico gruppo rock con un componente che suona il flauto traverso –
– E io che avevo scambiato la figura per un ippocampo –

Adesso so che Jethro Tull è un gruppo rock originario di Blackpool, in Inghilterra, fondato nel 1967 dallo scozzese Ian Anderson, ed è proprio lui a suonare il flauto traverso e un sacco di altri strumenti.
La band prende il nome dal pioniere della moderna agricoltura, un agronomo e inventore inglese, pioniere della moderna agricoltura e inventore, nel 1701, della prima seminatrice meccanica. Inizialmente con uno stile blues, i Jethro Tull hanno attraversato la storia del rock, passando per vari generi, dal classico al folk rock, dal progressive alla musica etnica, dal jazz all’art rock. E hanno venduto più di 60 milioni di album in tutto il mondo.
Un altro appuntamento importante in città, dopo il concerto di Francesco Guccini.
Considerato che questa volta non ci sarò, se volete lasciare i vostri commenti e condividere con me e con tutti quelli che passano di qua le vostre sensazioni sarete i benvenuti.

E adesso tocca ai Jehtro Tullultima modifica: 2010-07-16T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento