I menù del Festival della Filosofia

lambrusco.JPGChe da stasera venerdì 18 settembre a domenica 20 a Modena si terrà il Festival della Filosofia è una cosa che ho già raccontato. Leggendo attentamente il programma ho voluto approfondire la conoscenza degli 8 menù filosofici.

E’ Tullio Gregory a firmare la sezione “cucina filosofica” del festivalfilosofia fin dalla prima edizione. Uno che scrive che odia “i cuochi della nouvelle vague, quelli incapaci di attendere alle grandi salse madri, alle lunghe cotture, cuochi che hanno perduto anche la capacità di trinciare in tavola, preferendo portare pallidi frammenti di vivande contornate da indigesti grafismi” merita tutta la mia stima. Tullio Gregory, Professore di Storia della Filosofia alla “Sapienza” di Roma, fondatore del Centro Studi del Cnr sul Lessico intellettuale europeo, direttore dell’Enciclopedia Italiana di scienze, lettere e arti, edita dall’Istituto Treccani, e noto gourmet, Gregory ha ideato menu per pranzi e cene filosofici all’insegna della tradizione e a partire dai prodotti tipici modenesi e della cucina dell’Emilia-Romagna. Lui è uno che guarda alla sostanza, e dopo aver letto in cosa consistono i menù filosofici, credo valga la pena di (ri)scoprire sapori, molti dei quali andati perduti.

Molti di questi piatti meritano però una “traduzione”, per evitare di ordinare ad occhi chiusi.crescentine tigelle.jpg

Nel menù della corporazione dei salsicciai e lardaruoli le crescentine (con pesto di lardo) sono dei dischetti di pane tipico dell’appennino modenese, note anche con il nome di tigella.
Il Bensone (col vino bianco) è un dolce antico preparato in modo semplice con un impasto di farina, latte, uova, burro e miele. Anche se questo ultimo ingrediente è stato successivamente sostituito con lo zucchero.
Nel menù la corporazione dei pescatori il dolce proposto è la torta Barozzi che venne creata, col nome di “torta nera“, alla fine del XIX secolo da Eugenio Gollini, il quale nel 1887 aveva aperto una pasticceria nel cuore di Modena. L’originalità della ricetta consiste in una sapiente proporzione di mandorle, cacao e caffè, anche se gli esatti quantitativi ed il preciso metodo di preparazione rimangono tutt’oggi un segreto custodito gelosamente dagli eredi di Gollini.

Il dolce proposto nel menù della corporazione dei friggitori sono i tortelli dolci fritti col savor, dove il savor è una specie di marmellata, un dolce povero che si preparava nella famiglie contadine, con dentro di tutto: bucce di melone e cocomero essiccate al sole e tagliate a listarelle sottili; carote tagliate a dadini; polpa di zucca a “tocchetti”; bucce di agrumi, limoni, cedri, arance, candite. Frutta secca, come gherigli di noce, pinoli e mandorle dolci, ricavate dai noccioli delle albicocche, il tutto tritato fine. Mele, pere volpine, mele cotogne, albicocche-pesche o fichi essiccati al sole e sminuzzati, uvetta passita e ogni altra frutta fresca, a volontà. L’unica volta che ho assaggiato questo dolce, fatto dalle sapienti mani della mamma di una mia collega, sinceramente non ho gradito, ma sono sicura che dipende solo dal fatto che non sono una a cui la frutta piace.Festival filosofia, il filosofo Remo Bodei con il filosofo Tullio Gregory, a sinistra, e il sindaco di Modena Giorgio Pighi al centro.jpg

Ho notato di essermi soffermata molto sui dolci. Sarà che come tutte le femminucce in dieta perenne cado vittima di cali di zucchero e momenti di sconforto dovuti alla mancanza di dolci.

Invece qui trovate tutta la lista completa dei menù e dei ristoranti dove sarà possibile percorrere la strada della filosofia seduti ad una tavola imbandita con in mano l’immancabile bicchiere di Lambrusco. Il mio preferito? Il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Amabile.

Ma è noto che io di vini non ne capisca un granchè.

 

 

*la foto che apre il post (in alto a sx) la pubblico per gentile concessione di silvia, che di foto ne fa tante e sono bellissime. non ci credete? cliccare qui per vedere (e commentare). grazie silvia.

I menù del Festival della Filosofiaultima modifica: 2009-09-18T08:30:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “I menù del Festival della Filosofia

Lascia un commento