Questo blog sta per chiudere…ma…

intervista_notemodenesi1.jpg45 mesi, oltre 570 post e migliaia di contatti. Quasi quattro anni in cui ho imparato a conoscere meglio la città in cui vivo.
Lo avevo scritto nel 2009 iniziando questa avventura “Modena non è la mia città natale, inutile nasconderlo, ma è la città da cui mi sono fatta adottare quando ho deciso che non volevo più traslocare.” Scrivendo di Modena ne ho imparato le tradizioni e ne ho raccontato gli eventi. Non una cronista, ma una narratrice.
Di tutto questo, e molto molto molto altro, ne ho parlato nell’intervista rilasciata al giornalista Davide Lombardi, per le pagine del magazine on-line Note Modenesi.
Ma niente è eterno, e a fine mese questo blog chiuderà. Non per mia decisione, ma la fusione Virgilio-Libero ha portato alla chiusura del progetto dei localblog.
Ancora non so se trasferirò il blog di Modena su un’altra piattaforma, o mi dedicherò a qualche nuovo progetto.
Se avete ancora voglia di leggermi, mi trovate su La stanza di Marlene e come publisher per Gazduna.
Nel frattempo….buona lettura!

Linux Day e Open camp

linux day,pinguino d'oro,barcampIl Linux Day è diventato l’appuntamento fisso dell’autunno modenese. Un’intera giornata dedicata all’Open Source, che per qualcuno é una vera e propria filosofia di vita.
Il tema che caratterizzerà l’edizione 2012 del Linux Day è Il Software Libero nella Piccola e Media Impresa, argomento che dovrebbe attirare le attenzioni di molti soggetti in un periodo di dura crisi economica come quella che ha investito il mondo occidentale in questi ultimi anni, e che ancora sembra lontana dall’esaurirsi.

Saranno l’assessore alle Politiche giovanili del comune di Modena Fabio Poggi e il direttore del Centro interdipartimentale di ricerca e sicurezza dell’Università di Modena e Reggio Emilia Michele Colajanni ad aprire alle 9 i lavori per lasciare spazio alla tavola rotonda “Copyright e Licenze libere”. Moderata da Andrea Zanni, si confronteranno due diversi modi di intendere il diritto d’autore e la diffusione dei contenuti creativi e dei prodotti dell’intelligenza. A sostenere le ragioni delle licenze libere saranno Simone Aliprandi responsabile di Copyleft-Italia e il giornalista Guido Scorza, mentre il diritto d’autore verrà rappresentato da Paolo Sacco e da Sandro Pasqual, rispettivamente dirigente e collaboratore della Siae di Bologna..
Dalle 11 i lavori proseguiranno contemporaneamente in due sedi. Il Linux day proporrà un dibattito sulla diffusione e l’utilizzo dei software liberi da licenze commerciali nella piccola e media impresa, contemporaneamente il barcamp Opencamp [per chi non sa cos’è un barcamp rimando a questo post], organizzato in collaborazione con Ponghino, darà voce a numerose esperienze riconducibili alla libera circolazione delle idee: al mattino sarà proiettato il video Mash-up, mentre al pomeriggio saranno proposti diversi case history e tre diverse produzioni video.linux day,pinguino d'oro,barcamp
Durante la giornata saranno premiati anche i due corti, realizzati esclusivamente con software libero, con la statuetta del Pinguino d’Oro.
La dodicesima edizione del Linux Day coinvolgerà oltre 110 cittá, una manifestazione nazionale per la promozione e la diffusione di GNU/Linux e del software libero, che farà incontrare esperti e simpatizzanti del pinguino per discutere e confrontarsi sull’argomento e sul futuro del software libero nel nostro Paese.
Se l’iniziativa vi piace quindi, ma non potete essere a Modena, sulla pagina www.linuxday.it potete trovare l’evento più vicino a voi.
Invece trovate tutti gli appuntamenti del Linux Day su www.pinguinodoro.it, www.comune.modena.it/netgarage, www.conoscerelinux.net.

Knowcamp: secondo barcamp a Modena

knowcamp.JPGL’augurio con cui avevo chiuso il post in cui raccontavo dell’Eavicamp, il primo barcamp tenutosi a Modena, a quanto pare ha portato bene. Stasera 18 marzo alle ore 18, nella sede della Camera di Commercio (via Ganaceto 134) per tutti quelli che non sono partiti per il ponte regalato dal compleanno della nostra Italia, prende il via il Knowcamp, una 3 giorni dedicata al tema del Sapere e del Web.
“Sapere inteso come tutto ciò che conosciamo (ed abbiamo conosciuto) attraverso l’esperienza, l’informazione e le relazioni interpersonali. Ciò che sappiamo è ciò che ci distingue: guida le nostre scelte e determina le nostre opinioni.
In che modo Internet – e le nuove tecnologie- influenzano la creazione del sapere?
Come può il Web, come fonte di informazione e strumento di partecipazione, renderci più responsabili e consapevoli nella creazione e nella diffusione di notizie ed opinioni?”
Per rispondere a queste domande, fino al 20 marzo 2011 Modena ospiterà numerosi interventi di esperti, curiosi ed appassionati che, attraverso la formula del barcamp, cioè un raduno aperto a tutti, proporranno il loro punto di vista su come la Rete possa contribuire alla creazione di un sapere condiviso e costruttivo, attraverso il quale rinnovare, migliorare ed ampliare le modalità di relazione interpersonale.
Attesa e di sicuro interesse la tavola rotonda che chiuderà il barcamp domenica 20 marzo “Prospettive digitali per l’Italia” con Marco Zamperini (tra gli ideatori e promotore di Agenda Digitale), Stefano Epifani (Prof. Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Roma La Sapienza), Enrico Pagliarini (Radio 24), Gianluca Diegoli ([m]inimarketing), Alessandra Farabegoli (Web Strategist), Domitilla Ferrari (Social Media Strategist), con la moderazione di Alessio Jacona (Giornalista, blogger e consulente di comunicazione).
Se ve lo state chiedendo, ci sarò anche io. Questa volta però non sarò sola (come per l’Eavicamp) a presentare lo speech, ma in compagnia delle ragazze con cui abbiamo fondato il gruppo delle Geek Girl Dinners a Modena. Abbiamo scelto di partecipare al KnowCamp per presentare ufficialmente il gruppo alla città, e lo faremo con un evento a sorpresa per tutti quelli che saranno presenti al FromTheFront di venerdì sera. Sabato alle 11 terremo uno speech dal titolo  “Quando Internet ha trasformato le donne in cittadini” dove, affrontando il tema della rivoluzione egiziana, focalizzeremo l’attenzione sul ruolo giocato da Internet e dai Social media nell’esercizio della cittadinanza attiva e nella diffusione delle informazioni fuori e dentro il paese.
Se volete iscrivervi, o semplicemente saperne di più, www.knowcamp.it

Se non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Modena, clicca sul “mi piace” qui sotto, e rimarrai aggiornato in tempo reale su quello che accade in città.

Cronaca di un Barcamp

marleneeavicamp.jpgL’EAVIcamo, il primo barcamp modenese è stato un vero successo. E ve lo dice una che ci è stata.
Numeri alla mano, si sono contate fino a 200 persone sedute a seguire alcuni degli speech (si chiamano così gli interventi in “barcampese”).
Potrei raccontarvi uno per uno di tutti gli speech che ci sono stati, ma finirei per annoiarvi. Partendo dal presupposto che la missione di EAVI – European Association for Viewers Interests, l’ente promotore della giornata di sabato, è quella di servire l’interesse pubblico nel settore dei media, gli argomenti trattati durante la giornata giravano tutti intorno alla media literacy, alla cittadinanza attiva in rete e all’open source.
Argomenti noiosi, penserete. E invece si scopre che in rete ogn’ uno sviluppa questi temi in modo autonomo e con risvolti interessanti.
Dall’esperienza di Fuori.tv di Davide Fonda, a Cristina Gorzanelli che sta cercando di dare voce alle mappe delle città, trasformandole in percorsi narrativi. Oppure sTen e le su sFiabe (che alla domanda: – che mestiere fai- risponde – faccio il blogger) e “Il Many” che ci ha raccontato degli ebook collettivi e socialcose che si fanno senza carta.
Il filmato realizzato da Laura a Cuba, dove è riuscita ad intervistare alcuni blogger cubani, che rischiano di essere arrestati solo per il fatto di voler esprimere le loro opinioni in maniera libera, che lottano per ottenere il loro diritto ad esprimersi in maniera libera, mi ha fatto riflettere sulla fortuna di vivere in un paese (ancora) libero e sull’uso sprecato del mezzo da parte di gente che non ne capisce la potenza e l’importanza, perdendo tempo a scrivere sciocchezze.
Lo spirito del barcamp è stato rispettato, dopo ogni speech si potevano fare domande e aprire discussioni. E qui l’unica nota dolente: il tempo troppo ristretto fra uno speech e l’altro non ci ha permesso di approfondire gli argomenti. Ma da ogni esperienza si impara. Questo è stato solo il primo barcamp modenese, e spero ce ne siano degli altri qui nella nostra città. Anche se la carta stampata ci ha letteralmente ignorato, e sui quotidiani di oggi non si parlava d’altro che del Linux Day.
E il mio speech? Ho raccontato del mio modo di vivere la rete attraverso questa esperienza di Virgilio, facendo conoscere ai presenti questo mio “sguardo curioso sulla città”, ma non vi dico altro che sarei troppo di parte. Se qualche partecipante passa di qui, lasci pure le sue impressioni nei commenti. Anche se non sono lusinghiere.

Diventa anche tu Fan del Blog di Modena su Facebook. In tanti lo sono già! Ti basterà Cliccare su “Mi Piace” prima di tutti e resterai sempre informato sulle notizie, le curiosità e gli eventi di Modena e provincia.

EAVICamp a Modena

cropped-eavicamp.jpgIl primo barcamp a Modena. E chi l’avrebbe mai detto. L’opportunità per i blogger (ma non solo) di poter passare una giornata in compagnia, riuscendo a dare un volto agli avatar che si utilizzano in rete, parlando di internet e dintorni con esperti del settore, o con chi ha fatto dello strumento il proprio stile di vita.
Se già vi siete persi dalla prima parola, ricomincio da capo. Il barcamp è una non-conferenza aperta a tutti, i cui contenuti sono proposti dai partecipanti stessi. Prendete la classica conferenza: ambiente formale, c’è un palco, pochi parlano e molti ascoltano. Ora capovolgete questo scenario nel suo esatto contrario e avrete un Barcamp!
In particolare quello che si terrà a Modena il 23 ottobre dalle 10.30 presso il dipartimento di Matematica pura e applicata in via Campi 213 avrà come tematiche l’open content, la cittadinanza attiva in Rete e Internet Literacy, e chiunque abbia qualcosa di interessante da dire rispetto a questi argomenti potrà tenere il suo speech. Puoi essere uno studente, uno che con Internet ci lavora o un semplice utente: se hai esperienze in questi temi e vuoi condividere tra pari le tue idee, sei la persona giusta per partecipare all’EAVIcamp.
In collaborazione con EAVI  – European Association for Viewers Interests, il Comune di Modena, Net Garage e Liquida l’evento si preannuncia interessante, soprattutto perché finalmente si organizza in una città fuori dal solito circuito.
Per maggiori informazioni http://eavicamp.wordpress.com/.
Sul sito dedicato al barcamp trovate il form per l’iscrizione, sia come “semplici” partecipanti, sia come “protagonista”, presentando il proprio intervento agli organizzatori.
Gli sponsor offriranno rinfresco e gadget per tutti i partecipanti.
Confesso di non aver mai partecipato a nessuna barcamp, per mancanza di tempo, sommata anche al mio modo schivo di vivere la rete, ma ho visto tanto entusiasmo nell’organizzare questo evento che non solo parteciperò, ma spero che sia il primo di un appuntamento fisso da vivere nella nostra città.