L’ultimo post

blog-chiuso.jpgSono fatta così. Sono testarda, romantica e abitudinaria. Dopo quasi 4 anni rinunciare a questo spazio sarà dura. Mi devo arrendere: questo blog chiude.
Tenere una rubrica dedicata alla città di Modena è stato più di un impegno tre volte a settimana, tutte le settimane, senza pause, senza Natale né Ferragosto.
Ho scritto quando ero malata, ho scritto mentre ero in vacanza, anche quando sono stata su un’isola sperduta che per prendere la linea 3G dovevo fare le acrobazie, ho programmato i post anche per due settimane di seguito quando sono stata a New York … tutto perché ho sempre creduto che dall’altra parte della pagina c’erano i “miei” lettori, quelli che mi seguivano post dopo post, e quelli che, capitando qui per caso, sarebbero tornati volentieri.
Per leggere ancora della città vista attraverso i miei occhi vi aspetto sul Il blog di Modena, e sulla pagina Facebook del Blog di Modena.
Questo blog chiude, io continuerò a scrivere.

Questo blog sta per chiudere…ma…

intervista_notemodenesi1.jpg45 mesi, oltre 570 post e migliaia di contatti. Quasi quattro anni in cui ho imparato a conoscere meglio la città in cui vivo.
Lo avevo scritto nel 2009 iniziando questa avventura “Modena non è la mia città natale, inutile nasconderlo, ma è la città da cui mi sono fatta adottare quando ho deciso che non volevo più traslocare.” Scrivendo di Modena ne ho imparato le tradizioni e ne ho raccontato gli eventi. Non una cronista, ma una narratrice.
Di tutto questo, e molto molto molto altro, ne ho parlato nell’intervista rilasciata al giornalista Davide Lombardi, per le pagine del magazine on-line Note Modenesi.
Ma niente è eterno, e a fine mese questo blog chiuderà. Non per mia decisione, ma la fusione Virgilio-Libero ha portato alla chiusura del progetto dei localblog.
Ancora non so se trasferirò il blog di Modena su un’altra piattaforma, o mi dedicherò a qualche nuovo progetto.
Se avete ancora voglia di leggermi, mi trovate su La stanza di Marlene e come publisher per Gazduna.
Nel frattempo….buona lettura!

Corso di informatica…per over 55

netgarage,corsi di informatica,internet,social network,facebookDifficoltà ad utilizzare il computer? Non è mai troppo tardi per imparare ad usarlo in maniera corretta, e se non si ha il supporto di figli e/o nipoti, ci pensa la rete NetGarage di Modena ad aiutare gli over 55 ad imparare.
Dopo il successo della passata edizione, sono aperte le iscrizioni per internet 1@1 il corso dedicato a chi ha compiuto i 55 anni di età, è curioso, e vuole imparare ad utilizzare il pc per divertimento o per lavoro.
Un corso che partirà dall’abc informatico per passare ad Internet, alla scrittura, alle gestione delle foto, passando dall’utilizzo delle chat ai social network, dall’installazione di programmi agli acquisti on line, dalla musica alle ricette ai viaggi in rete.netgarage,corsi di informatica,internet,social network,facebook
Per iscriversi bisogna recarsi di persona presso la Segreteria della Rete Net Garage che si trova in via Adelardi 4, dalle 10 alle 12.30, dal lunedì al venerdì.
I corsi base prevedono dieci lezioni, di due ore ciascuna, due volte a settimana. Ad ogni partecipante sarà fornita una postazione con pc dove poter mettere subito in pratica gli insegnamenti dei docenti. E per chi ha già seguito un corso di base, quest’anno sono in programma anche dei corsi di livello avanzato.
I corsi di alfabetizzazione di base costano 60 euro, quelli avanzati 90 euro (più 10 euro per associarsi a Civibox). Inizieranno lunedì 4 febbraio e a seconda del corso, le lezioni si terranno nelle sedi del MyNet in via degli Adelardi 4, nel NetOpenSource in via Barchetta 77, o nel NetGarage2.0 in via San Faustino 155.

Civico 103 diventa un’app

galleria civica,app,ipad,palazzo santa margherita,civicoDal 1995 la Galleria Civica di Modena ha sede presso il Palazzo Santa Margherita, in una delle più suggestive zone del centro storico della città, e a partire dal 1983 inizia anche ad esporre nella prestigiosa Palazzina dei Giardini, ex casino di caccia all’interno dei Giardini Ducali di Modena, a pochi passi da Palazzo Santa Margherita.
Per chi non lo sapesse, la Galleria Civica realizza nelle sue sedi mostre temporanee dedicate alla fotografia e all’arte contemporanea; promuove la creatività giovanile attraverso attività dedicate ai giovani artisti, in collaborazione con l’Ufficio Giovani d’Arte di Modena, offre con continuità servizi didattici rivolti a diverse fasce d’età e organizza altre iniziative come incontri, conferenze, eventi inerenti alla diffusione e l’approfondimento dei linguaggi contemporanei. Vi ho segnalato in questi ultimi anni
Inoltre ospita due mostre permanenti: La Raccolta del Disegno Contemporaneo  con oltre 4000 fogli appartenenti principalmente ad artisti italiani del Novecento (De Pisis, Mafai, Sironi, Afro, Morlotti, Novelli, Morandi, Fontana, fino ad arrivare Penone, Zorio, Arienti, Marisaldi, Cuoghi) e la Raccolta di Fotografia Contemporanea, di oltre 3500 fotografie dei maggiori fotografi internazionali contemporanei.galleria civica,app,ipad,palazzo santa margherita,civico
Cura anche una pubblicazione Civico 103, che nella versione cartacea è a diffusione gratuita distribuita nelle sedi espositive della Civica, nelle biblioteche, negli istituti culturali cittadini, nelle librerie, nei principali punti informativi della città e nei bookshop dei principali musei e centri d’arte contemporanea italiani.
Il magazine presenta le mostre e gli eventi ospitati dal museo modenese, con dettagli, approfondimenti e curiosità sulle opere, gli artisti e il “dietro le quinte” dell’organizzazione.
Ora per chi vuole approfondire le tematiche legate all’arte, può scaricare gratuitamente da Apple Store la nuova versione ad alta definizione (HD) dell’applicazione per iPad del magazine.
All’interno sono presenti tutti i sette numeri finora pubblicati nella versione cartacea con una nuova veste grafica e nuovi contenuti multimediali, audio, video e photogallery. Si tratta di contenuti extra, in larga parte inediti.
Oltre ai racconti di Ugo Cornia, Paolo Nori, Gabriele Frasca, Cristiano de Majo, Francesca Bonafini, Roberto Barbolini, Laura Liberale e Paolo Colagrande, sarà possibile trovare la nuova rubrica dedicata al fumetto realizzata in collaborazione con “Comicom Comunicazione”, performance realizzate da artisti internazionali in occasione di “Extended voices” (2011) e “Sound objectes” (2012), tracce audio e video di “Node”, il festival internazionale di musica elettronica e live media che da cinque anni viene prodotto e organizzato insieme alla Galleria civica di Modena, tracce e testimonianze di concerti, spettacoli ed eventi in galleria.
Io l’ho già scaricata.

Buon anno!

terremoto,buon anno,fine anno,capodannoIl quarto fine anno insieme. Sembra che non cambi mai niente, e invece in questo 2012 tante cose sono cambiate.
Anche se la storia dei bilanci e dei buoni propositi non è una storia che mi piace raccontare, in questo post di fine anno voglio scrivere una cosa per entrambi.
L’evento che ha segnato questo 2012 è stato sicuramente il terremoto che ha devastato la bassa modenese. Mentre a Modena oltre allo spavento, ben poche cose sono state toccate, a soli trenta chilometri da noi le macerie e la polvere e la paura di morire l’hanno fatta da padrona per mesi.
Il terremoto ha cambiato la nostra percezione di sicurezza. Noi, con le nostre vite scandite da impegni e lavoro e amici e svaghi e divertimenti, abbiamo dovuto fare i conti con la precarietà della terra ballerina sotto i piedi. Dal quel momento ogni rumore di assestamento dentro casa ha fatto battere il cuore e maledire di essere in ciabatte.Schermata 2012-12-30 alle 20.02.36.png
All’inizio scrivere qualche post per raccontare quello che era successo, quello che stava succedendo, quello che era cambiato e quello che cercavamo disperatamente di far tornare com’era, è stata una esigenza da sfogare, senza puntare a riflettori e luci della ribalta.
Ho raccontato per alleggerire il cuore e la mente. In quei mesi in cui la terra ha tremato il terremoto era l’argomento di discussione principale. Ovunque andassimo si ascoltavano storie, si abbracciavano dolori, si contavano le disgrazie. Così insieme a due amici, Massimo [uno di quegli amici che conosco da sempre e che so che lo rimarrà per sempre] e Isabella [un’amica che ho conosciuto grazie a questo blog e alle sue splendide foto] abbiamo esteso l’invito ad altri. Sono arrivate tante storie. Insieme abbiamo creato TerreMOti racconto, un sito per farle diventare una testimonianza, un ricordo.
Pochi i nomi conosciuti, l’e-book raccoglie le storie delle persone “normali”. Insieme alle storie raccontate a parole, sono arrivate anche tante storie raccontate in immagini. Con l’arrivo del Natale lo abbiamo trasformato in un e-book scaricabile gratuitamente, per fare un regalo a tutti quelli che avevano contribuito a realizzarlo. E adesso che questo anno è ormai alla fine, dopo essere scampati ad un evento così terrificante, ed essere sopravvissuti ad una fantomatica fine del mondo, ne approfitto per ringraziare tutti quelli che hanno trasformato un evento così disastroso in una esperienza indimenticabile.
E dopo il bilancio 2012, il buon proposito per il 2013: questo blog vi farà ancora compagnia, e io sarò ancora qui a raccontarvi di quello che succede a Modena, la nostra città. Grazie soprattutto a voi che mi leggete.
Buon anno!

Fine settimana fra mercatini e concerti di Natale.

CalendarioNatale.jpgPronti a sfidare le temperature glaciali che negli ultimi giorni hanno regalato alla nostra città l’aspetto di una città del Nord Europa?

Questo fine settimana è assolutamente vietato restarsene chiusi in casa. E anche se c’è la neve, moonboot ai piedi e passeggiata in centro, che di cose da fare e da vedere c’è n’è davvero tante.

Dell’appuntamento di domenica 16 dicembre con i festeggiamenti del ventennale della biblioteca Delfini ne avevo già parlato qualche giorno fa, in questo post.

Dalle 14.30 all’interno della manifestazione Vent’anni sotto l’albero oltre agli appuntamenti già segnalati, sarà allestita una bancarella per comprare libri a prezzi d’occasione, e dalle 15.30 per i collezionisti saranno disponibili cartoline e annullo filatelico realizzate per il ventennale della biblioteca.

Animazione, mercatini e tanta musica sono gli ingredienti del fine settimana in centro storico all’insegna di Aspettando il Natale, il calendario di iniziative promosso dalla Circoscrizione 1, in collaborazione con diverse associazioni locali. Nel programma del week end anche tre giorni di animazione in piazzale Redecocca, dove venerdì 14 dicembre, sabato 15 e domenica 16 dalle 10 alle 20 arriva “Insieme… è Natale”, a cura di Centro per Centro Modena, con musica live, mercatini, degustazioni, mostre e una raccolta fondi per il Campo Ardy di Rovereto. Venerdì alle 16 arriveranno anche “Le Nataline” Monica Melli, Sara Nasi e Linda Ronzoni. Sabato la stessa associazione propone alle 15 anche il “Piano bar natalizio”, mentre domenica pomeriggio, nel bel mezzo della festa, arriverà Babbo Natale per distribuire piccoli doni e, a seguire si esibirà la Stormwind Rock Band in concerto. palline-terremoto.jpg

Risuonano di note di Natale anche le chiese e i teatri del centro storico. Sabato 15 dicembre alle 16, nella Chiesa di San Francesco (via San Francesco) il Coro Folk San Lazzaro propone il secondo concerto della rassegna corale “Note di Natale in centro storico” che vedrà esibirsi oltre al coro di San Lazzaro, la Corale San Giovanni Battista di Cavaion Veronese. Alle 21 al teatro Tete (viale Caduti in guerra 192) si svolgerà il concerto del gruppo strumentale e corale Ologramma. L’iniziativa è gratuita e a ingresso libero.

Domenica 16 dicembre, alle 16, due le chiese del centro che risuoneranno di musiche natalizie. Alle 16, la chiesa di San Vincenzo (corso Canalgrande) ospiterà “Mandolini sotto l’albero”, concerto di musiche natalizie della tradizione popolare e classica, con particolare riferimento ad autori del periodo d’oro del mandolinismo a Modena e nell’alta Italia (1880-1940).

Inoltre, sempre domenica alle 17 nella chiesa di San Barnaba (via Carteria) l’Ensemble mandolinistico estense, in collaborazione con la Parrocchia di Sant’Agostino e San Barnaba, propone “Suoni di Natale”, concerto di musiche natalizie originali per orchestra a plettro.

 

i-modena_logo.png


Volevo anche segnalarvi l’iniziativa del Comune di Modena per pubblicizzare la rete wi-fi della città. Questa estate ve ne avevo già anticipato la realizzazione. Il titolo dell’iniziativa E tu dove l’hai fatto? invita tutti a raccontare la propria esperienza, attraverso un tweet, una foto su Instagram, usando l’hashtag #imodena, oppure scrivendo un post sul proprio blog o sulla propria pagina Facebook o realizzando un video, pubblicarlo su FB o Youtube e segnalandolo alla mail monetvideo@comune.modena.it.

E per chi non l’ha ancora fatto, sabato 15 dicembre, dalle 17.30 alle 22.30 per le vie del centro sarà l’occasione per conoscere i-Modena. In via Abinelli nei pressi dell’ingresso del mercato e del bar Schiavoni, si potrà essere assistiti da due hostess nel processo di login attraverso smartphone, tablet o altro dispositivo mobile, a chi effettuerà il login verrà consegnato un gadget per smartphone offerto dall’azienda modenese PURO S.p.A.


nel video ci sono anche io!

New G@me

videogioco.jpgAbbandono per un attimo i post a sfondo natalizio, anche perché spero di riuscire a scattare qualche foto del centro storico di Modena illuminato e decorato prima di raccontarvi tutto quello che si può fare in città in attesa del Natale.

Sempre attenti alle tendenze, e con un occhio di riguardo alle nuove generazioni, la rete comunale Net Garage, in collaborazione con il Servizio Biblioteche e l’associazione Civibox, organizza il corso “New G@me – Partendo da zero”.

Un corso destinato ai ragazzi dai 14 anni in su per pensare, progettare e realizzare video giochi per Pc e portable device (tablet, smartphone). Avrà una durata complessiva di 25 ore, l‘iscrizione prevede il versamento di una quota di partecipazione pari a euro 100 e deve essere effettuata presso la segreteria della Rete Net Garage in via degli Adelardi 4 (nelle mattine di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.30 alle 12.30).NetGarage.jpg

Ma sbrigatevi: il primo incontro è previsto per venerdì 14 dicembre 2012 alle ore 18 presso il Net Open Source di via Barchetta al numero 77.

Docenti del corso saranno Gabriele Ferri (Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia), Patrizia Curti (storica), Riccardo Cavalieri (web designer e programmatore) e Marco Giorgini (game designer e programmatore).



 

Linux Day e Open camp

linux day,pinguino d'oro,barcampIl Linux Day è diventato l’appuntamento fisso dell’autunno modenese. Un’intera giornata dedicata all’Open Source, che per qualcuno é una vera e propria filosofia di vita.
Il tema che caratterizzerà l’edizione 2012 del Linux Day è Il Software Libero nella Piccola e Media Impresa, argomento che dovrebbe attirare le attenzioni di molti soggetti in un periodo di dura crisi economica come quella che ha investito il mondo occidentale in questi ultimi anni, e che ancora sembra lontana dall’esaurirsi.

Saranno l’assessore alle Politiche giovanili del comune di Modena Fabio Poggi e il direttore del Centro interdipartimentale di ricerca e sicurezza dell’Università di Modena e Reggio Emilia Michele Colajanni ad aprire alle 9 i lavori per lasciare spazio alla tavola rotonda “Copyright e Licenze libere”. Moderata da Andrea Zanni, si confronteranno due diversi modi di intendere il diritto d’autore e la diffusione dei contenuti creativi e dei prodotti dell’intelligenza. A sostenere le ragioni delle licenze libere saranno Simone Aliprandi responsabile di Copyleft-Italia e il giornalista Guido Scorza, mentre il diritto d’autore verrà rappresentato da Paolo Sacco e da Sandro Pasqual, rispettivamente dirigente e collaboratore della Siae di Bologna..
Dalle 11 i lavori proseguiranno contemporaneamente in due sedi. Il Linux day proporrà un dibattito sulla diffusione e l’utilizzo dei software liberi da licenze commerciali nella piccola e media impresa, contemporaneamente il barcamp Opencamp [per chi non sa cos’è un barcamp rimando a questo post], organizzato in collaborazione con Ponghino, darà voce a numerose esperienze riconducibili alla libera circolazione delle idee: al mattino sarà proiettato il video Mash-up, mentre al pomeriggio saranno proposti diversi case history e tre diverse produzioni video.linux day,pinguino d'oro,barcamp
Durante la giornata saranno premiati anche i due corti, realizzati esclusivamente con software libero, con la statuetta del Pinguino d’Oro.
La dodicesima edizione del Linux Day coinvolgerà oltre 110 cittá, una manifestazione nazionale per la promozione e la diffusione di GNU/Linux e del software libero, che farà incontrare esperti e simpatizzanti del pinguino per discutere e confrontarsi sull’argomento e sul futuro del software libero nel nostro Paese.
Se l’iniziativa vi piace quindi, ma non potete essere a Modena, sulla pagina www.linuxday.it potete trovare l’evento più vicino a voi.
Invece trovate tutti gli appuntamenti del Linux Day su www.pinguinodoro.it, www.comune.modena.it/netgarage, www.conoscerelinux.net.

Leggere e scrivere: un corso di scrittura creativa con Ugo Cornia

incontri con l'autore,scrittura creativa,ugo cornia,biblioteca delfiniAlla Biblioteca Delfini oltre a Fantastorie, il laboratorio di scrittura fantasy tenuto dalla scrittrice Cecilia Randall, oggi 15 ottobre si aprono le iscrizioni al laboratorio di scrittura/lettura curato dallo scrittore modenese Ugo Cornia.
Dieci incontri che si svolgono il mercoledì sera dalle 19 alle 21, fra novembre e febbraio 2012. Ogni incontro prevede una introduzione di Ugo Cornia, la proposta di autori esemplari per lo stile della scrittura, esercitazioni pratiche dei corsisti, e la lettura collettiva dei testi dei partecipanti. I materiali relativi al corso saranno pubblicati su un blog dedicato all’iniziativa, e alla fine del corso si trasformeranno in un ebook.
Il corso prevede un contributo da parte dei partecipanti, che saranno a numero chiuso (minimo 15, massimo 30 persone). Le iscrizioni si raccolgono in Sala Panaro fino al 25 ottobre.
Leggendo le storie scritte da Ugo Cornia ti domandi come sia possibile mettere su carta, incastrandolo in parole e frasi, pensieri e considerazioni come se stessi facendo una chiacchierata con lo scrittore. Ha uno stile discorsivo che rende semplici ragionamenti complessi, e riesce a raccontare più di quello che le parole riescono a dire.incontri con l'autore,scrittura creativa,ugo cornia,biblioteca delfini
“Perché il non esserci più di quel che c’è stato è sempre doloroso, veramente doloroso ma il non esserci più di quel che non c’è stato è veramente micidiale, una cosa proprio annichilente. Come fa una cosa che non c’è stata a non esserci più. Non c’è più qualcosa, ma è un qualcosa che non essendoci neanche stato alla fine non sai neanche che cos’è, però sai benissimo che non c’è più perché almeno una volta l’hai sfiorato. Hai sfiorato qualcosa che pur non essendoci più per un po’ era sfiorabile, questi buchi neri fatti nel niente, di questo sfiorabile, che forse per un periodo avresti potuto anche abbracciarlo. (dal libro “Quasi amore”).
Ugo Cornia è nato a Modena nel 1965. Suoi racconti sono apparsi su «Il Semplice» e «L’accalappiacani». Ha pubblicato con Sellerio i romanzi Sulla felicità a oltranza (1999), Quasi amore (2001), Roma (2004), Le pratiche del disgusto (2007) e con la casa editrice Quodlibet Sulle tristezze e i ragionamenti (2008). Per Feltrinelli ha pubblicato nel 2008 Le storie di mia zia (e di altri parenti), mentre nel 2009, per la collana I Carnet di viaggio EDT, ha pubblicato Modena è piccolissima con le illustrazioni di Giuliano Della Casa.
Per informazioni www.comune.modena.it/biblioteca
Direi che è un’interessante occasione per aspiranti scrittori.

Pinguino d’oro [edizione 2012]

pinguino d'oro,linux day,open source,un pinguino nel computer,corsi di informaticaLa Rete Net Garage è sempre in fermento, e dopo avervi segnalato l’apertura delle iscrizioni per i corsi di informatica di base ed avanzati dedicati agli over55, vi ricordo la scadenza del 30 settembre per partecipare ai due concorsi per giovani videomaker.
I vincitori verranno premiati con il Pinguino d’Oro [l’ambita statuetta] e con buoni acquisto per materiale informatico del valore da 500 a 1500 euro. Si può partecipare scegliendo fra due categorie: la sezione 120” e la sezione 300”.
La sezione 120” è a tema libero. Per la realizzazione del micrometraggio dovrà essere utilizzato software Open Source, rilasciati sotto licenza Creative Commons, anche per l’eventuale commento musicale. I due minuti si intendono comprensivi di titoli di testa e di coda.
Per la sezione 300” invece si deve realizzare un videoclip a tema “La sicurezza negli ambienti di lavoro”. Anche in questo caso nei 5 minuti devono essere compresi i titoli di testa e quelli di coda, ma per permettere una più ampia partecipazione è possibile utilizzare qualsiasi tipo di software. In questo caso le sezioni in concorso sono due: una aperta a tutti e una riservata alle scuole. pinguino d'oro,linux day,open source,un pinguino nel computer,corsi di informatica
Le opere possono essere consegnate a mano o a mezzo posta su CD-Rom o DVD, presso la Biblioteca Rotonda via Casalegno 42, 41100 Modena (c/o Centro commerciale “Rotonda”, orari d’apertura: lunedì dalle 14 alle 20, da martedì a sabato dalle 9 alle 20).
Dovrà essere presente, inoltre, una breve descrizione del video (max 10 righe, 600 caratteri compresi gli spazi) e l’indicazione del software usato per la produzione. Le opere concorrenti saranno pubblicate e visionabili a partire dall’8 ottobre sul sito www.comune.modena.it/politichegiovanili.
La premiazione è prevista per sabato 27 ottobre 2012, durante il Linux Day modenese.
Cos’è il Linux Day? … ma allora non  state attenti!

Linux Day 2012