Teniamo botta

radiobruno,teniamobotta,radio bruno estate, parco ferrari, ferrari, modena,Modà, Francesco Renga, Paolo Belli,Noemi, Marco Mengoni, gli Stadio, Emma, Dolcenera, Zero Assoluto,  i Sonohra, Gemelli Diversi, Nomadi, Andrea Mingardi, i Finley, Matteo Becucci, Antonella  Lo Coco  L’avevo anticipato alla fine del post dedicato al Concerto per l’Emilia: martedì 3 luglio al Parco Ferrari organizzato da Radio Bruno, con la collaborazione del Comune di Modena, ci sarà un altro concerto il cui incasso sarà donato ai comuni della bassa modenese colpiti da terremoto. “Radio Bruno ha deciso di sospendere i previsti Radio Bruno Estate – spiega il presidente dell’emittente leader per ascolti in Emilia Romagna, Gianni Prandi – saremo a Cesenatico per la Notte Rosa il 6 luglio con lo spettacolo musicale che ci eravamo già impegnati a garantire, ma in questo contesto non abbiamo ritenuto opportuno andare avanti con eventi fini a se stessi”.
Per “Teniamo Botta” arriveranno a Modena per il concerto della solidarietà i Modà,   Francesco Renga, Paolo Belli (che al Concerto per l’Emilia ha raccontato la sua esperienza), Noemi, Marco Mengoni, gli Stadio, Emma, Dolcenera, Zero Assoluto,  i Sonohra, i Gemelli Diversi, i Nomadi, Andrea Mingardi, i Finley, Matteo Becucci, Antonella  Lo Coco solo per dirne alcuni.
L’ingresso al parco sarà a offerta libera, ma negli stand, garantendo una somma non inferiore ai 10 euro si potrà ricevere la T-Shirt “Teniamo botta!” che alcuni artisti si sono offerti di autografare per l’occasione.
Come è nata l’idea della maglietta “Teniamo botta” lo aveva raccontato uno degli autori Davide Lugli al sito TerreMOti racconto. Una bella storia di solidarietà e di speranza. Davide ci ha scritto che “la partecipazione della popolazione, informata dalla radio dell’esistenza del sito www.teniamobotta.com è stata incredibile e anche per noi, che di mestiere analizziamo dati e sviluppiamo soluzioni di e-commerce è stata un esperienza toccante monitorare statisticamente (in tempo reale) come tutti si siano stretti intorno a chi aveva bisogno di aiuto offrendo donazioni molto maggiori dei 10 € richiesti.”
Continuiamo così.

 

Un click per la Delfini

biblioteca delfini,concorso di fotografia,concorso letterario,concorso di arte graficaAttraverso le pagine di questo blog racconto cosa succede a Modena, racconto di Modena, ma racconto anche di me. Avevo appuntato una data: il 20 giugno. Ultimo giorno utile per poter partecipare al concorso letterario “Se ti dico Delfini…” per racconti brevi ispirati o ambientati alla Biblioteca Delfini. Volevo partecipare, ho iniziato a scrivere nel web perché mi piace scrivere, e invece fra l’impegno di “TerreMOti racconto” e una buona dose di pigrizia [ma potrei aggiungere anche il mio lavoro, ma poi fa troppo melò] la data segnata sul calendario è diventato un inutile cerchio rosso.
Ma se siete fotografi, o aspiranti tali, il concorso per festeggiare i venti anni della Delfini per voi si chiude il 28 luglio.
“Un clic per la Delfini” è il concorso fotografico il cui obiettivo è quello di selezionare 5 fotografie che saranno utilizzate per la produzione e diffusione di 5 cartoline celebrative.
Le immagini, inedite, a colori o in bianco/nero, possono essere sia in formato orizzontale che verticale, ma sempre con lati in proporzione 2×3. Possono essere realizzate con qualsiasi dispositivo fotografico, purché dotate di un’alta risoluzione. Ogni partecipante, o gruppo di partecipanti, potrà partecipare con al massimo 5 foto, che dovrà inviare entro il 28 luglio 2012 in formato elettronico all’indirizzo giuseppe.marano@comune.modena.it oppure recapitate su cd a mano o per posta direttamente in alla Biblioteca Delfini, in corso Canalgrande 103.
Le foto vincitrici del concorso saranno utilizzate per realizzare 5 cartoline formato 10×15, a colori o in bianco/nero, per la celebrazione del ventesimo anniversario, oltre a realizzare un un e-book scaricabile direttamente dal sito delle biblioteche.
Non fate come me: segnate la data e partecipate.

 

Concerto per l’Emilia

concerto-per-lemilia.jpgIl 25 giugno tutta [quasi] l’Emilia Romagna che canta e che conta sarà allo stadio dall’Ara di Bologna per il Concerto per l’Emilia, organizzato con tanto di diretta su Rai1 per raccogliere fondi per le popolazioni colpite dal terremoto.
Un tutto-esaurito annunciato, considerato l’elenco di musicisti e cantanti che hanno aderito all’iniziativa. Paolo Belli, Ligabue, Laura Pausini, Francesco Guccini, Samuele Bersani, Modena City Ramblers con Cisco, Nek e poi Caterina Caselli, Luca Carboni, Andrea Griminelli, Cesare Cremonini, Andrea Mingardi, Stadio, Zucchero, Gianni Morandi, e sembra abbia aderito anche Raffaella Carrà. Insomma, sono tantissimi gli artisti che hanno risposto all’appello di Beppe Carletti dei Nomadi, e tutti a titolo gratuito. La serata sarà presentata da Fabrizio Frizzi, atteso un commosso omaggio a Lucio Dalla che, assicurano organizzatori, “sarebbe stato il primo a mettersi in gioco”.
Ma ormai non c’è evento che non sia organizzato ricordando che a pochi chilometri da Modena ci sono persone che hanno bisogno di aiuto.
Solo un paio di giorni per prenotare un posto alla cena di beneficenza di martedì 26 giugno che si terrà al Museo Casa Enzo Ferrari. “Ti voglio bene, Bassa!” è stata ideata dalla Fondazione Casa di Enzo Ferrari in collaborazione con l’associazione Rock no War ONLUS, per raccogliere fondi per la ricostruzione di una scuola dell’infanzia di Medolla.ti voglio bene bassa.jpg
Il menu della cena prevede diverse portate cucinate dagli chef del Consorzio con prodotti della nostra terra, l’Emilia. L’offerta minima per la prenotazione della cena, che comprende anche la visita al Museo ed un intrattenimento musicale del gruppo jazz Claudio Messori Quartet, è di 50 euro per gli adulti e 10 euro per i bambini. I bambini dalle ore 21.30 potranno anche partecipare al laboratorio “Teste pensanti, teste sognanti” ideato e offerto dalla Bottega di Merlino di Laura Scapinelli.
E tenetevi liberi per martedì 3 luglio: al Parco Ferrari, con la collaborazione di Radio Bruno, ci sarà un altro concerto il cui incasso sarà donato ai comuni della bassa modenese colpiti da terremoto. Qualche nome? I Modà, Francesco Renga, Paolo Belli, Noemi, Marco Mengoni, Stadio, Emma, Dolcenera, gli Zero Assoluto, i Sonohra.
Un altro grande momento di musica e solidarietà.



 

Ebbene si, Bonvi Parken

5873152939_fcd7c48868_n.jpg“Ebbene sì! Maledetto Carter, hai vinto anche stavolta” è la frase che chiudeva gli episodi tv di Nick Carter in cui Stanislao Moulinsky, il finto barone spagnolo di origini russe, nei suoi improbabili travestimenti, veniva smascherato dal detective . Ed è così che “Ebbene sì” è diventato lo slogan delle iniziative al Bonvi Parken, che celebreranno l’arte di fumetto e illustrazione con case editrici, fumetterie e tanti appuntamenti.
L’anno scorso l’inaugurazione che ha trasformato il Parco Amendola Nord nel Bonvi Parken si è trasformata in una vera e propria festa. Quest’anno di doppia e si raddoppia, e la festa del fumetto durerà ben due giorni, sabato 23 e domenica 24 giugno.
E si festeggeranno ben tre compleanni: il quarantesimo di Nick Carter e della trasmissione “Supergulp!”, il ventesimo dalla nascita di Comix della Franco Cosimo Panini e, con il fan club ufficiale, si festeggerà anche mezzo secolo di Diabolik.
Alla festa non mancherà il momento di solidarietà  verso le popolazioni colpite dal sisma con un’iniziativa ideata da ComixComunity intitolata “Don Camillo e Peppone per la ricostruzione. 100 fumettisti per 100 mattoni”.5873934736_35b94a038f_m.jpg
100 artisti, fra cui Giuseppe Camuncoli, di Reggio Emilia, uno dei disegnatori italiani più noti anche all’estero, considerato che dalla sua matita escono infatti le avventure di Spider-Man per il colosso americano Marvel Comics, hanno realizzato un’illustrazione su di un mattone. Uno spazio del Bonvi Parken sarà quindi dedicato alla vendita di mattoni, metafora della ricostruzione: “i celeberrimi personaggi creati da Giovannino Guareschi, da un paio d’anni protagonisti anche di una serie a fumetti, hanno già passato almeno due periodi in cui è stato necessario ricostruire”, spiegano gli organizzatori dell’iniziativa. “Hanno vissuto e raccontato il secondo dopoguerra, dove da opposti schieramenti è stato indispensabile rimanere uniti di fronte a un Paese ridotto in macerie, così come di fronte all’alluvione che sconvolse la Bassa nel 1951. Anche in quel caso, con il sudore, la fatica e la determinazione di tutte le persone di buona volontà al di là del loro credo e colore politico, la terra tanto amata da Guareschi seppe reagire e rialzarsi. Per questo oggi il prete e il primo cittadino tornano in prima linea per affrontare la nuova prova a cui l’Emilia è chiamata”.
I programma completo lo trovate cliccando qui. Altre foto dell’inaugurazione invece le trovate nel mio album “Inaugurazionen! Bonvi Parken”.

 

Festa della Musica

festa della musica, terremoto, terremoto emilia romagna, solidarietà, lotteria, concorso a premiOgni solstizio d’estate si celebra in tutta Europa la Festa della Musica. E quella che si svolgerà a Modena, in programma per giovedì 21 giugno, sarà all’insegna della musica, ma anche all’insegna della solidarietà a favore dei paesi della bassa modenese colpiti dal terremoto.
E’ stata organizzata una lotteria dall’associazione Modenamoremio, in palio come primo premio c’è un weekend di due notti in mezza pensione per due persone a Ischia offerto da Iter, Agenzia viaggi e turismo; secondo premio un “beauty day” per due persone al Centro Benessere Spa Balnea alle Terme della Salvarola; terzo premio una cena per 4 persone alla Caffetteria lounge bar del Museo Casa Enzo Ferrari; quinto premio una city bike da uomo offerta da Chiossi Cycles e sesto premio un borsone in pelle offerto dalla Pelletteria Beltrami. I biglietti della Grande lotteria di solidarietà, che costano 2,50 euro, sono in vendita tutti i giorni nella sede di Modenamoremio, (via Scudari 12), ma si troveranno anche nel gazebo allestito in Piazza XX Settembre nella serata dedicata alla Festa della Musica, e nei negozi aderenti alla società di promozione del centro storico che resteranno aperti anche di sera per l’occasione. L’estrazione si terrà a conclusione della serata di giovedì 28 giugno in piazza XX settembre e l’intero ricavato sarà devoluto al Comune di Finale Emilia pro SOS Emergenza Terremoto.
Ma che musica ci sarà la sera di giovedì 21 giugno. Solo l’imbarazzo della scelta: Rock, pop, classica, jazz, hip hop, reggae, street, blues, dance, jam session, dj set, e persino un’orchestra immaginaria.
La prima iniziativa in programma prende il via alle 16 in via Emilia Est 885, nel cortile antistante il negozio di strumenti musicali Lenzotti: si tratta della ormai tradizionale maratona di musica live “Vieni a jammare con noi”, giunta alla XII edizione, che proseguirà non stop fino alle 23.
Alle 19 Dj set a cura di Loveandsound in Via Taglio, mentre in contemporanea inizieranno le attività due palchi in centro storico: alla Pomposa suoneranno i gruppi di SentiMo Band, mentre ai Giardini Ducali si esibiranno sei formazioni emergenti selezionate a cura della Tenda. Alle 19.30 in largo san Giorgio avrà inizio il “Sonda stage” con l’esibizione di sei band protagoniste del progetto regionale Sonda a cura del Centro Musica del Comune di Modena. Alla stessa ora, piazza Matteotti diventerà la scena dei dj set proposti da Bizzarri records, tra reggae, dancehall e hip hop, mentre altri tre dj set incominceranno in vicolo Coccapani a cura di Giorgio Skanderberg, in via Badia a cura della Brasserie, e in largo Sant’Eufemia a cura della “Bicicletta”.
Dalle ore 21 avranno inizio altre quattro occasioni di entrare nel mondo della musica: in piazza San Francesco sarà di scena il blues d’ispirazione afro-americana degli “Oracole kings”; in piazza Mazzini avrà luogo l’esibizione della “Orchestra immaginaria” diretta da Giorgio Casadei, a cura della scuola di musica “Officine musicali” di Nonantola; in largo di Porta Bologna si svolgerà “Music in the street” con la partecipazione degli allievi della scuola Pianeta Musica; in Piazza XX Settembre l’appuntamento è con “Le voci del musical”.
Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito.


 

Chiuso ad arte

john fekner,street art,graffiti,concorso di arte graficaJohn Fekner ha definito l’arte di strada come “tutta l’arte sulla strada che non è graffiti”.
La street art è la cultura urbana moderna, e da quando i disegni [chiamiamoli così] hanno smesso di essere considerati atti di semplice vandalismo, ma sono stati considerati un linguaggio dell’arte, hanno trasformato alcune aree cittadine in un museo a cielo aperto.
Nell’ambito del progetto di riqualificazione urbana del centro storico di Modena, gli Assessorati alle Politiche Economiche, al Centro storico e alla Cultura del Comune di Modena, lanciano il concorso “Chiuso ad Arte”. Si cercano progetti per realizzare opere d’arte sulle saracinesche messe a disposizione dai proprietari degli esercizi commerciali coinvolti nell’iniziativa.
La prima edizione di Chiuso ad Arte si snoderà nell’area che comprende via Carteria, via Sant’Eufemia e via Malatesta, a sud-ovest del centro storico e la sua realizzazione è prevista per il 13 e 14 settembre 2012, in concomitanza con il Festival della Filosofia. Le opere di pittura verranno realizzate dagli artisti selezionati, in una due giorni di work in progress, sulle saracinesche messe a disposizione dai proprietari. Un’apposita commissione, costituita da operatori ed esperti del settore, avrà il compito di individuare, tra gli elaborati presentati dai candidati, un numero di progetti corrispondente alle saracinesche individuate, in base alla qualità, l’originalità e i contenuti consoni alla loro collocazione nel centro storico.
L’inaugurazione di Chiuso ad Arte avrà luogo, al termine dei due giorni di lavoro degli artisti, lungo tutto il percorso delle opere. Per l’occasione sarà realizzato un pieghevole contenente le riproduzioni dei progetti selezionati, le biografie degli artisti e la mappa delle opere. Il catalogo digitale sarà elaborato successivamente, dopo aver effettuato la documentazione fotografica delle opere realizzate e sarà pubblicato sui siti degli enti promotori. Si ha tenpo fino al 16 luglio per partecipare alla selezione.
E non confondete gli artisti di street art con i vandali.


 

TerreMOti racconto

7180076849_959ba6cdea_n.jpgSe c’è una cosa che mi ha insegnato la storia, è che viene scritta dai vincitori.
Se c’è una cosa che ho imparato dalla storia è che viene presto dimenticata.

In queste ultime tre settimane non si parla altro che di Emilia e del suo terremoto, ma solo perché le scosse continuano, e continuano in maniera discretamente pesante. Tanto che ad ogni nuova scossa, crolla un altro pezzettino di storia e di fiducia.

20 maggio, ore 4.04, magnitudo 5.9.
29 maggio, ore 9.00, magnitudo 5.8
29 maggio, ore 12.55, magnitudo 5.5
03 giugno, ore 21.20, magnitudo 5.1

Questi i quattro eventi principali che hanno scandito la vita in questa Emilia.
Ma cosa succede quando lo sciame sismico diventa il rumore di sottofondo? L’emergenza finisce. I volontari tornano a casa. Lasciano tende e cucine da campo. Gli inviati salgono in macchina o sul taxi e prendono il primo treno, che li porterà lontano.
Cosa succede quando si spengono i riflettori?
E’ per questo che è nato “TerreMOti racconto”, un titolo nato dalla fusione delle parole terremoto, modena e racconto. Racconto come sostantivo “esposizione di vicende vere o frutto di invenzione”. Racconto come indicativo presente, io ti racconto. Perché in Emilia c’è chi non vuole dimenticare.

7365331754_a6359a6a28_n.jpg

“Il terremoto che ha colpito l’Emilia ha scosso oltre che la terra, anche le nostre vite. Ci avevano raccontato che l’Emilia era a basso rischio sismico, e invece ci siamo ritrovati a misurare le nostre vite con un questo evento completamente al di fuori delle nostre possibilità di controllo. L’idea era nata già all’indomani della prima scossa delle 4.04 del 20 maggio. Le prime notizie su Twitter, ci confrontavamo se era accaduto davvero, e ci chiedevamo se stavamo tutti bene. Nei giorni seguenti sul web ci siamo imbattuti in storie, cronache, racconti, foto, tutti appunti di chi quel terremoto lo aveva vissuto in prima persona e aveva voglia di esorcizzare la paura attraverso parole ed immagini. E abbiamo pensato: perché non raccoglierle tutte in un contenitore, come una scatola da riaprire quando si spegneranno i riflettori sulla nostra terra. Poi le scosse sono diventate 4, e anche il nostro progetto ha incominciato un po’ a traballare. Ma adesso eccolo qua.”

Un sito che pubblica le emozioni e le storie di chi il terremoto lo ha vissuto mentre la terra ballava, ma che nella sezione “Pubblica la tua storia” offre l’opportunità di condividere anche le storie di (a)normale vita all’indomani delle scosse.
Si può partecipare scrivendo, disegnando, fotografando, con un tweet, con una nota su facebook. Finita l’estate il blog “TerreMOti racconto” diventerà un e-book, scaricabile gratuitamente.
Per ricordare certo, ma soprattutto per non dimenticare.


[le foto fanno parte del set “Sulle strade del terremoto” di Isaballa Colucci]


 

Inkiostro per l’Emilia

terremoto,inchiostro,tatoo,tatuaggi,festa della musica,piazza xx settembreVi avevo già anticipato che in Piazza XX Settembre, per tutto il mese di Giugno, le serate si sarebbero animate anche di Giovedì, oltre che di Martedì.
Si comincia Giovedì 14 giugno a partire dalle 21 con lo spettacolo dal titolo “Danzando sulle onde del Danubio”, piacevole viaggio musicale tra musica classica e popolare.

In occasione della Festa Europea della Musica, uno degli appuntamenti annuali più importanti di cultura e spettacolo in Europa, sarà la volta de “Le voci del musical in concerto” che ripercorre la storia dei più grandi musical del mondo.
La Festa della Musica si celebra ogni anno il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate, istituita in Francia nel 1982, la rassegna ha assunto dal 1995 un carattere internazionale e si svolge in contemporanea in tutte le principali città europee.

Il 28 giugno, terzo e ultimo appuntamento, Riccardo Benini spettacoli presenta Leonardo Fiaschi, imitatore da Radio 101 e Massimo Morselli, Premio originalità Carlino D’oro Festival Cabaret Emergente 2012. Dalle 22 si balla con Anima Mia, il sano divertimento dei modenesi.
E’ in questa ultima serata che ci sarà l’estrazione dei biglietti della Lotteria organizzata a favore delle popolazioni della Bassa Modenese tragicamente colpite dal terremoto, di cui vi avevo parlato nel post precedente.terremoto,inchiostro,tatoo,tatuaggi,festa della musica,piazza xx settembre

C’è anche un altro modo di fare solidarietà per i paesi colpiti dal terremoto, un gesto che rimane per tutta la vita [letteralmente]. “Inkiostro per l’Emilia”: un cuore con il segno di un sismografo all’interno, da farsi tatuare per 30 euro, che vanno in beneficenza.
La lista degli studi aderenti all’iniziativa [provvisoria] la trovate qui.


 

I martedì di Piazza XX Settembre

SOS_EMILIA.jpgIn Piazza XX Settembre tornano gli appuntamenti serali dei Martedì di Giugno organizzati dall’Associazione Modenamoremio, a cui si affiancheranno anche i Giovedì, ma di quelli vi parlo nel prossimo post.
Avrebbero dovuto iniziare il 5 giugno, ma il terremoto oltre a scuotere la terra emiliana, ha cambiato e modificato molte cose.
Si inizia quindi Martedì 12 Giugno, per poi proseguire con il 19 e il 26, con 40 spettacoli di musica e danza che danno il benvenuto all’estate in centro storico. Gli spettacoli inizieranno a partire dalle 21 per concludersi alle 23, per chi lo desidera la festa comincia prima di cena con gli street bar e i pub che proporranno freschi aperitivi, degustazioni e iniziative ad hoc per la serata. Ristoranti, pizzerie e trattorie accoglieranno invece chi vuole attendere l’inizio degli spettacoli a stomaco pieno, scegliendo una ghiotta cena comodamente seduto a tavola.
Senza dimenticare che a meno di 30 chilometri da noi il terremoto ha colpito talmente forte da lasciare migliaia di persone senza casa e una terra devastata.
Tutte le serate dei Martedì di Giugno e le Notti di Piazza XX Settembre avranno come protagonista un momento di solidarietà verso le popolazioni della Bassa Modenese, ed è con il pensiero rivolto alla concreta solidarietà che verrà organizzata una LOTTERIA dove importanti aziende contribuiranno a mettere in palio ambiti premi:

• 1 WEEKEND DI DUE NOTTI in mezza pensione per due persone a Ischia offerto da Iter Agenzia Viaggi e Turismo
• 1 BEAUTY DAY per due persone al Centro Benessere Spa Balnea Terme della Salvarola
• 1 CENA per 4 persone presso la Caffetteria lounge bar del Museo Casa Enzo Ferrari
• 1 CITY BIKE da uomo offerta da Chiossi Cycles
• 1 BORSONE IN PELLE offerto dalla Pelletteria Beltrami

I biglietti, al costo di 2,5 euro, potranno essere acquistati presso l’ufficio di Modenamoremio (via Scudari 12), i negozi aderenti e durante gli spettacoli realizzati in Piazza XX Settembre. L’estrazione verrà effettuata a conclusione della serata di giovedì 28 giugno.
L’intero ricavato sarà devoluto al Comune di Finale Emilia pro SOS Emergenza Terremoto.


 

Alla ricerca della normalità

terremoto,terremoto emilia romagna,protezione civile,ansia,modena,cambiamenti,listaQuando torna la normalità? Credo che per chi, come me, ha ancora la casa, la normalità tornerà quando riusciremo a rimanere seduti sul divano senza chiederci se vibra per il passaggio di un camion o per l’ennesima scossa di assestamento.
Tornerò alla normalità anche quando la smetterò di far ricorrere la parola “terremoto” nel mio vocabolario scritto e parlato, e riuscirò a raccontare di nuovo di qualche appuntamento mondano in città.
L’occasione è la quinta edizione di NODE, il Festival Internazionale di Musica Elettronica e Live Media, organizzato dalla Galleria civica di Modena, a cura di Filippo Aldovini, Anna Bartolacelli e Fabio Bonetti, coprodotto con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Modena con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna.
Venerdì 8 e sabato 9 giugno 2012 ai Giardini Ducali di corso Canalgrande a Modena nella zona adiacente la Palazzina dei Giardini, sono in programma due serate nel corso delle quali si esibiranno Orcas, Lapalux, Sanso-xtro, Holy Other, Benoît Pioulard, Quiet Emsemble, artisti australiani, americani, inglesi e italiani, espressione della ricerca musicale emergente nel panorama elettronico internazionale.
A conclusione di entrambe le serate un dj set presentato da Red Bull Music Academy Fuoriclasse: venerdì 8 giugno ci sarà SRSLY dj set, mentre sabato 9 giugno toccherà a Broke One.
Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito. Per informazioni info@node-live.com

terremoto, terremoto emilia romagna, protezione civile, ansia, modena, cambiamenti, lista

Senza dimenticare che ad appena 30 chilometri da noi il terremoto ha colpito l’Emilia talmente forte, da avere necessità di chiedere aiuto per potersi rialzare.
Per fare qualcosa di concreto sul sito terremoto.volontariamo.com si può diventare volontari. Al momento le operazioni di gestione delle emergenze sono effettuate da personale e volontari di protezione civile, già addestrati per gestire i soccorsi e portare aiuto alla popolazione. Il CSV raccoglie le disponibilità per preparare una banca dati utile per la fase successiva a quella di emergenza.
Per dare un aiuto anche da lontano, fino al 26 giugno è attivo il numero di sms solidale 45500 per la campagna di raccolta fondi straordinaria a favore delle popolazioni della Regione Emilia-Romagna, il cui ricavato verrà versato sul fondo della Protezione civile.
L’iniziativa è frutto di un accordo tra Regione Emilia-Romagna e Protezione civile nazionale. Da qualsiasi telefono fisso o cellulare, di qualsiasi gestore, la donazione sarà di 2 euro.